Alla ricerca dell'i"rrintracciabile" Elena Ferrante

Risultato della ricerca: Conference contribution

Abstract

Il saggio muove dal topos della sparizione, della perdita delle tracce, da cui prende avvio “L’amica geniale” rinvenendovi, pur nell’assenza di reali riscontri biografici, un inevitabile riverbero autobiografico. Si prova così, accogliendo alcune riflessioni della scrittrice, a ricostruire una storia di intelligenza compositiva, a sciogliere la sintassi dei sentimenti che solo le movenze della scrittura possono svelare. E all’esercizio vitale della scrittura si estende pure il topos del doppio che vede Elena e Lila bambine progettare di scrivere insieme un romanzo. Da questo primo snodo critico si passa a intessere una sottile trama intertestuale tra alcuni passaggi della tetralogia e il raffinato gioco metatestuale dell’"Autobiografia erotica" di Domenico Starnone, in cu,i tra finzione e verità, lo scrittore napoletano parla della sua problematica invenzione del personaggio femminile consegnando al lettore avvertito, in una sorta di apologo finale, alcune sorprendenti chiavi interpretative.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteIncontro con Elena Ferrante
Pagine27-44
Numero di pagine18
Stato di pubblicazionePublished - 2019

Serie di pubblicazioni

NomeMEMORIA & IDENTITÀ

Cita questo