Alchimie barocche. L'impura convivenza del comico e del tragico in una novella di G.F. Loredano

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Nella novella, oggetto dell'indagine critica, una poetica mirante allo stupor guida il Loredano. Intanto, nel gusto barocco che privilegia le finte parvenze, è ricercato un effetto illusionistico che, pur all'interno di un testo narrativo, porti il lettore a percepire sensorialmente una scena teatrale, in ultimo ospitante tragici eventi. Sono inoltre sfruttate audacemente le risorse dell'ibridazione: si verifica così un brusco passaggio dal registro comico a quello tragico. E peraltro il ricorso al codice del tragico procede nel segno del catalogo, essendo esplorato infatti tutto il ventaglio delle possibilità (dal versante più fosco e crudele al sublime gesto estremo, ai silenziosi vortici della coscienza).
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)95-105
Numero di pagine11
RivistaINVERBIS
Volume2
Stato di pubblicazionePublished - 2014

Cita questo