AILANTHUS ALTISSIMA (MILL.) SWINGLE (Simaroubaceae)IN SICILIA E CENNI STORICISULLA SUA INTRODUZIONE IN ITALIA

Risultato della ricerca: Article

Abstract

Nonostante la diffusa presenza dell’ailanto in Sicilia, mancavano sino ad oggi studi specifici a carattere regionale su questa specie arborea esotica invasiva. Allo scopo di colmare alcune di queste lacune, il presente lavoro si è posto cinque obiettivi: 1) ripercorrere la storia della diffusione globale dell’ailanto, prestando particolare attenzione all’Italia ed alla Sicilia; 2) analizzare le cause (antropiche e biologiche) della sua spiccata invasività a livello globale e locale; 3) fornire un primo quadro della sua distribuzione e della sua auto- e sinecologia sul territorio regionale; 4) stabilire i metodi piùidonei ed efficaci per contenerne la diffusione e ridurne l’impatto ecologico sulla flora e sulle comunità vegetali locali di maggior valore; 5) evidenziare i possibili usi di questa xenofita. Giacché appare impossibile una sua completa eradicazione – quantomeno a livello regionale – il suo sfruttamento economico potrebbe costituire una soluzione ottimale per tenerne sotto controllo i processid’espansione.
Lingua originaleItalian
pagine (da-a)117-164
Numero di pagine48
RivistaNATURALISTA SICILIANO
VolumeXXXVI
Stato di pubblicazionePublished - 2012

Cita questo