Abitare nel reale. Dalla crisi della periferia alla tessitura di nuove relazioni contestuali

Panzarella, M.; Chiaramonte, G; Daidone, I; Elmo, I; Piazza, L; Pintacuda, L; Sciortino, L; Sedia, F.

Risultato della ricerca: Chapter

Abstract

I progetti redatti per “Palermo Sud-Est” sono il risultato di un Laboratorio di Laurea strutturatosi attraverso incontri, seminari, comunicazioni specialistiche, esposizioni critiche, che – in una strategia condivisa – ha visto ogni studente elaborare il proprio lavoro nel confronto con gli altri attori del Laboratorio stesso. La ricerca sui “progetti urbani” è stata impostata di modo che ogni laureando fosse messo a conoscenza dei progetti svolti nello stesso ambito territoriale dai colleghi che l’avevano preceduto, così da poter operare in continuità e contribuire a formulare un ragionamento unitario, nel quale ogni progetto costituisse continuazione, verifica o anche variante dei precedenti. Questi lavori coordinati hanno perseguito due obiettivi fondamentali: il potenziamento infrastrutturale e l’insediamento di edifici specialistici pubblici con funzioni di rango superiore, volti a riqualificare e rigenerare svariate situazioni di criticità, con un’attenzione particolare al rapporto tra contesto e scenari di vita. Così, ciascun progettista, pur avendo a che fare con un programma funzionale principale, tratta contemporaneamente diverse tematiche, come la razionalizzazione del sistema stradale, la riqualificazione di edifici esistenti, la progettazione e la rifunzionalizzazione di servizi urbani (per esempio, la Stazione Centrale trasformata in albergo o il progetto di una grande Moschea); diverse tesi di laurea hanno affrontato, come tema principale o come questione sullo sfondo, il disegno di un nuovo alveo per il fiume Oreto, e il relativo insediamento di un parco prospiciente ad esso. In questa volontà di “ricucire le ferite” nelle diverse aree di “Palermo Sud-Est”, in stretto rapporto con le vicende del luogo, è insito un rimando continuo ad architetture di ogni tempo e vengono suggerite alcune questioni che coinvolgono il programma funzionale – che individua il carattere (o forse “tipo”) di ciò che va inserito in un determinato contesto – e le qualità dell’abitare la realtà quale materia cardine del processo progettuale.
Lingua originaleItalian
Titolo della pubblicazione ospiteVerso una Capitale. La città che manca. Il progetto di Palermo Sud-Est
Pagine79-109
Numero di pagine31
Volume4
Stato di pubblicazionePublished - 2019

Serie di pubblicazioni

NomeLA CITTÀ CHE MANCA

Cita questo

Panzarella, M.; Chiaramonte, G; Daidone, I; Elmo, I; Piazza, L; Pintacuda, L; Sciortino, L; Sedia, F. (2019). Abitare nel reale. Dalla crisi della periferia alla tessitura di nuove relazioni contestuali. In Verso una Capitale. La città che manca. Il progetto di Palermo Sud-Est (Vol. 4, pagg. 79-109). (LA CITTÀ CHE MANCA).

Abitare nel reale. Dalla crisi della periferia alla tessitura di nuove relazioni contestuali. / Panzarella, M.; Chiaramonte, G; Daidone, I; Elmo, I; Piazza, L; Pintacuda, L; Sciortino, L; Sedia, F.

Verso una Capitale. La città che manca. Il progetto di Palermo Sud-Est. Vol. 4 2019. pag. 79-109 (LA CITTÀ CHE MANCA).

Risultato della ricerca: Chapter

Panzarella, M.; Chiaramonte, G; Daidone, I; Elmo, I; Piazza, L; Pintacuda, L; Sciortino, L; Sedia, F. 2019, Abitare nel reale. Dalla crisi della periferia alla tessitura di nuove relazioni contestuali. in Verso una Capitale. La città che manca. Il progetto di Palermo Sud-Est. vol. 4, LA CITTÀ CHE MANCA, pagg. 79-109.
Panzarella, M.; Chiaramonte, G; Daidone, I; Elmo, I; Piazza, L; Pintacuda, L; Sciortino, L; Sedia, F. Abitare nel reale. Dalla crisi della periferia alla tessitura di nuove relazioni contestuali. In Verso una Capitale. La città che manca. Il progetto di Palermo Sud-Est. Vol. 4. 2019. pag. 79-109. (LA CITTÀ CHE MANCA).
Panzarella, M.; Chiaramonte, G; Daidone, I; Elmo, I; Piazza, L; Pintacuda, L; Sciortino, L; Sedia, F. / Abitare nel reale. Dalla crisi della periferia alla tessitura di nuove relazioni contestuali. Verso una Capitale. La città che manca. Il progetto di Palermo Sud-Est. Vol. 4 2019. pagg. 79-109 (LA CITTÀ CHE MANCA).
@inbook{6e1888e81d2c410f8fe590a608291fc5,
title = "Abitare nel reale. Dalla crisi della periferia alla tessitura di nuove relazioni contestuali",
abstract = "I progetti redatti per “Palermo Sud-Est” sono il risultato di un Laboratorio di Laurea strutturatosi attraverso incontri, seminari, comunicazioni specialistiche, esposizioni critiche, che – in una strategia condivisa – ha visto ogni studente elaborare il proprio lavoro nel confronto con gli altri attori del Laboratorio stesso. La ricerca sui “progetti urbani” {\`e} stata impostata di modo che ogni laureando fosse messo a conoscenza dei progetti svolti nello stesso ambito territoriale dai colleghi che l’avevano preceduto, cos{\`i} da poter operare in continuit{\`a} e contribuire a formulare un ragionamento unitario, nel quale ogni progetto costituisse continuazione, verifica o anche variante dei precedenti. Questi lavori coordinati hanno perseguito due obiettivi fondamentali: il potenziamento infrastrutturale e l’insediamento di edifici specialistici pubblici con funzioni di rango superiore, volti a riqualificare e rigenerare svariate situazioni di criticit{\`a}, con un’attenzione particolare al rapporto tra contesto e scenari di vita. Cos{\`i}, ciascun progettista, pur avendo a che fare con un programma funzionale principale, tratta contemporaneamente diverse tematiche, come la razionalizzazione del sistema stradale, la riqualificazione di edifici esistenti, la progettazione e la rifunzionalizzazione di servizi urbani (per esempio, la Stazione Centrale trasformata in albergo o il progetto di una grande Moschea); diverse tesi di laurea hanno affrontato, come tema principale o come questione sullo sfondo, il disegno di un nuovo alveo per il fiume Oreto, e il relativo insediamento di un parco prospiciente ad esso. In questa volont{\`a} di “ricucire le ferite” nelle diverse aree di “Palermo Sud-Est”, in stretto rapporto con le vicende del luogo, {\`e} insito un rimando continuo ad architetture di ogni tempo e vengono suggerite alcune questioni che coinvolgono il programma funzionale – che individua il carattere (o forse “tipo”) di ci{\`o} che va inserito in un determinato contesto – e le qualit{\`a} dell’abitare la realt{\`a} quale materia cardine del processo progettuale.",
author = "{Panzarella, M.; Chiaramonte, G; Daidone, I; Elmo, I; Piazza, L; Pintacuda, L; Sciortino, L; Sedia, F.} and Santo Giunta",
year = "2019",
language = "Italian",
isbn = "978-88-32240-02-3",
volume = "4",
series = "LA CITT{\`A} CHE MANCA",
pages = "79--109",
booktitle = "Verso una Capitale. La citt{\`a} che manca. Il progetto di Palermo Sud-Est",

}

TY - CHAP

T1 - Abitare nel reale. Dalla crisi della periferia alla tessitura di nuove relazioni contestuali

AU - Panzarella, M.; Chiaramonte, G; Daidone, I; Elmo, I; Piazza, L; Pintacuda, L; Sciortino, L; Sedia, F.

AU - Giunta, Santo

PY - 2019

Y1 - 2019

N2 - I progetti redatti per “Palermo Sud-Est” sono il risultato di un Laboratorio di Laurea strutturatosi attraverso incontri, seminari, comunicazioni specialistiche, esposizioni critiche, che – in una strategia condivisa – ha visto ogni studente elaborare il proprio lavoro nel confronto con gli altri attori del Laboratorio stesso. La ricerca sui “progetti urbani” è stata impostata di modo che ogni laureando fosse messo a conoscenza dei progetti svolti nello stesso ambito territoriale dai colleghi che l’avevano preceduto, così da poter operare in continuità e contribuire a formulare un ragionamento unitario, nel quale ogni progetto costituisse continuazione, verifica o anche variante dei precedenti. Questi lavori coordinati hanno perseguito due obiettivi fondamentali: il potenziamento infrastrutturale e l’insediamento di edifici specialistici pubblici con funzioni di rango superiore, volti a riqualificare e rigenerare svariate situazioni di criticità, con un’attenzione particolare al rapporto tra contesto e scenari di vita. Così, ciascun progettista, pur avendo a che fare con un programma funzionale principale, tratta contemporaneamente diverse tematiche, come la razionalizzazione del sistema stradale, la riqualificazione di edifici esistenti, la progettazione e la rifunzionalizzazione di servizi urbani (per esempio, la Stazione Centrale trasformata in albergo o il progetto di una grande Moschea); diverse tesi di laurea hanno affrontato, come tema principale o come questione sullo sfondo, il disegno di un nuovo alveo per il fiume Oreto, e il relativo insediamento di un parco prospiciente ad esso. In questa volontà di “ricucire le ferite” nelle diverse aree di “Palermo Sud-Est”, in stretto rapporto con le vicende del luogo, è insito un rimando continuo ad architetture di ogni tempo e vengono suggerite alcune questioni che coinvolgono il programma funzionale – che individua il carattere (o forse “tipo”) di ciò che va inserito in un determinato contesto – e le qualità dell’abitare la realtà quale materia cardine del processo progettuale.

AB - I progetti redatti per “Palermo Sud-Est” sono il risultato di un Laboratorio di Laurea strutturatosi attraverso incontri, seminari, comunicazioni specialistiche, esposizioni critiche, che – in una strategia condivisa – ha visto ogni studente elaborare il proprio lavoro nel confronto con gli altri attori del Laboratorio stesso. La ricerca sui “progetti urbani” è stata impostata di modo che ogni laureando fosse messo a conoscenza dei progetti svolti nello stesso ambito territoriale dai colleghi che l’avevano preceduto, così da poter operare in continuità e contribuire a formulare un ragionamento unitario, nel quale ogni progetto costituisse continuazione, verifica o anche variante dei precedenti. Questi lavori coordinati hanno perseguito due obiettivi fondamentali: il potenziamento infrastrutturale e l’insediamento di edifici specialistici pubblici con funzioni di rango superiore, volti a riqualificare e rigenerare svariate situazioni di criticità, con un’attenzione particolare al rapporto tra contesto e scenari di vita. Così, ciascun progettista, pur avendo a che fare con un programma funzionale principale, tratta contemporaneamente diverse tematiche, come la razionalizzazione del sistema stradale, la riqualificazione di edifici esistenti, la progettazione e la rifunzionalizzazione di servizi urbani (per esempio, la Stazione Centrale trasformata in albergo o il progetto di una grande Moschea); diverse tesi di laurea hanno affrontato, come tema principale o come questione sullo sfondo, il disegno di un nuovo alveo per il fiume Oreto, e il relativo insediamento di un parco prospiciente ad esso. In questa volontà di “ricucire le ferite” nelle diverse aree di “Palermo Sud-Est”, in stretto rapporto con le vicende del luogo, è insito un rimando continuo ad architetture di ogni tempo e vengono suggerite alcune questioni che coinvolgono il programma funzionale – che individua il carattere (o forse “tipo”) di ciò che va inserito in un determinato contesto – e le qualità dell’abitare la realtà quale materia cardine del processo progettuale.

UR - http://hdl.handle.net/10447/355699

M3 - Chapter

SN - 978-88-32240-02-3

VL - 4

T3 - LA CITTÀ CHE MANCA

SP - 79

EP - 109

BT - Verso una Capitale. La città che manca. Il progetto di Palermo Sud-Est

ER -