Visioni ultraterrene nella letteratura medievale di area germanica

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Layman's description

Nelle tradizioni letterarie del medioevo germanico le tematiche escatologiche trovano espressione in un ampio repertorio di generi e forme testuali. Il destino dell’anima dopo la morte, la venuta dell’Anticristo e il Giorno del Giudizio costituiscono il soggetto principale di numerose opere letterarie. Nell’ambito di questa produzione un ruolo significativo spetta alle narrazioni di esperienze visionarie in cui il protagonista descrive il viaggio della propria anima attraverso i regni dell’oltretomba, di solito con l’aiuto di una guida spirituale, mentre il corpo rimane in uno stato di incoscienza estatica o di catalessi. Questo progetto intende offrire uno studio sistematico delle visioni dell’aldilà attestate nella letteratura medievale di area germanica, con particolare riguardo per l’Inghilterra e la Germania. Rappresentazioni dell’aldilà sono già documentate in epoca classica. È noto il viaggio ultraterreno di Er narrato da Platone nella Repubblica (614a-621d); esperienze analoghe sono descritte ne Il demone di Socrate e ne I ritardi della punizione divina di Plutarco. La catàbasi è un motivo topico della letteratura epica, come confermano gli episodi della discesa agli inferi di Ulisse (Od. XI, vv. 25-803) ed Enea (En.VI, vv. 273-281). Tuttavia, non sono le fonti classiche ad aver esercitato un influsso diretto sulla letteratura visionaria del medioevo germanico, quanto piuttosto gli scritti apocrifi di tradizione ebraico-cristiana, databili dal 200 a.C., che contengono descrizioni delle ascese al cielo (o delle discese agli inferi) di figure bibliche quali Daniele, Baruch, Enoch, Elia e Abramo. Molti dei temi caratteristici della letteratura visionaria medievale – la montagna del Paradiso, la valle infuocata, le punizioni inflitte dai demoni – sono già rintracciabili in queste opere (Dinzelbacher 1991). La fonte d’ispirazione più frequente delle visioni medievali di area germanica è la Visio Sancti Pauli (=VSP), il cui originale greco del III-IV secolo fu tradotto in latino e quindi in molte lingue volgari (Silverstein/Hilhorst 1997). La VSP – prendendo le mosse dal passo della II Lettera di Paolo ai Corinzi (12.1-4), in cui si accenna al rapimento estatico di un uomo al terzo cielo – sviluppa una narrazione dettagliata del viaggio che Paolo, sotto la guida dall’arcangelo Michele, avrebbe condotto attraverso il Paradiso e i luoghi dell’Inferno. Della VSP esistono anche una versione in anglosassone (diPaolo Healey 1978) e un frammento in altotedesco protomedio. Inoltre sia in Inghilterra sia in Germania, a partire dall’VIII sec., si assiste alla nascita di una serie notevole di visioni ispirate a tematiche della VSP. Una delle ulteriori fonti di queste opere sono le narrazioni visionarie raccolte da Gregorio Magno nel IV libro dei Dialoghi (593). Il racconto di visioni ultraterrene ha trovato posto anche all’interno delle cronache o di opere storiche, come la Historia Francorum di Gregorio di Tours (VI sec.) e la Historia Ecclesiastica Gentis Anglorum di Beda (731). L’opera di Beda comprende, tra l’altro, le visioni di Fursa e di Dryhthelm, un laico che, in seguito all’esperienza visionaria, abbraccia la vita monastica, dedicandosi alla preghiera e alla penitenza. Visioni estatiche sono narrate anche in una serie di epistole, come la lettera di Wynfrith alla badessa Eadburga (717), di cui si conserva anche una versione in inglese antico, nella quale è narrata la visione ultraterrena di un monaco e dove figurano i motivi tipici delle ‘Visioni’, quali la separazione dell’anima dal corpo, la contesa tra angeli e demoni per il suo possesso, i pozzi infuocati, il ponte sospeso. Influssi della VSP si rintracciano anche in uno degli exempla più frequenti nel corpus delle Vitas Patrum in circolazione in Inghilterra che vede un anacoreta e un demone dibattere sul destino ultimo delle anime e sui regni dell’oltretomba. Tali exemp
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/12 → …

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.