Valutazione della presenza di Enterobacter sakazakii negli alimenti in polvere per lattanti

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Description

Enterobacter sakazakii è un microrganismo patogeno opportunista che, di recente, si è reso responsabile di gravi patologie, quali meningiti, batteriemie, enterocoliti necrotizzanti, anche ad esito letale, nei neonati, in particolare quelli sottoposti a terapia intensiva (bambini pre-termine, a basso peso o immunocompromessi). Il principale veicolo della sua trasmissione fino ad oggi riconosciuto è il latte in polvere per l’infanzia. Tali formulazioni in polvere, diversamente dal latte formulato liquido, che risulta “sterile” per effetto dei trattamenti tecnologici subiti, hanno una flora microbica residua, composta generalmente da germi saprofiti e da coliformi (o più in generale, da Enterobacteriaceae, batteri considerati non patogeni o patogeni opportunisti). Le infezioni provocate da E. sakazakii possono presentarsi in forma sporadica o come eventi a carattere epidemico. L’aumento del numero delle segnalazioni registrate negli ultimi anni ha suscitato il crescente interesse della comunità scientifica. L’obiettivo che ci si prefigge con tale ricerca è di verificare la presenza di Enterobacteriaceae in genere, e di E. sakazakii in particolare, nei campioni di alimenti in polvere destinati all’alimentazione dei neonati ricoverati e non, al fine di effettuare una valutazione sulla qualità igienica dell’alimento e dei potenziali rischi sulla salute dei consumatori di questi prodotti. Si cercherà, inoltre, di individuare possibili comportamenti a rischio da parte di coloro che si occupano della preparazione e somministrazione di tali alimenti, e di individuare misure preventive da adottare a cura del personale sanitario e dei genitori allo scopo di eliminare o almeno minimizzare il rischio di infezioni veicolate con gli alimenti ricostituiti. Saranno, infine, verificate le possibili correlazione tra dati rilevati attraverso le indagini microbiologiche sugli alimenti in polvere per neonati e dati clinici che verranno evidenziati attraverso analisi microbiologiche su campioni di feci e tamponi rettali prelevati da neonati con evidenza di malattia da patologie gastrointestinali.

Layman's description

Obiettivi Alla luce di quanto emerso da recenti studi sul ruolo di Enterobacter sakazakii quale patogeno emergente e responsabile di patologie anche molto severe nei neonati, lo scopo di questo progetto di ricerca è di verificare la presenza di tale batterio in campioni di alimenti in polvere per lattanti prelevati sia direttamente dal commercio che presso i reparti di neonatologia e di pediatria di ospedali siciliani. Poiché nei formulati in polvere per neonati oltre a E. sakazakii possono trovarsi altri microrganismi gram-negativi e durante le fasi di prearricchimento e di arricchimento selettivo la crescita di E. sakazakii potrebbe essere sopraffatta dalla presenza e dalla moltiplicazione di altre Enterobacteriaceae, l’indagine sarà estesa anche alla ricerca di tutte le specie di Enterobacteriaceae e di Salmonella, in particolare, essendo quest’ultimo un microrganismo patogeno per il quale la tolleranza negli alimenti è zero in tutto il mondo. L’obiettivo che ci si prefigge con tale ricerca è di verificare la presenza di Enterobacteriaceae in genere, e di E. sakazakii in particolare, nei campioni di alimenti in polvere destinati all’alimentazione dei neonati ricoverati e non, al fine di effettuare una valutazione sulla qualità igienica dell’alimento e dei potenziali rischi sulla salute dei consumatori di questi prodotti, attraverso la presenza di microrganismi indicatori di probabile contaminazione da patogeni intestinali. Si cercherà, inoltre, di individuare possibili comportamenti a rischio da parte di coloro (personale sanitario, genitori) che si occupano della preparazione e somministrazione di tali alimenti, e di individuare misure preventive da adottare a cura del personale sanitario e dei genitori allo scopo di eliminare o almeno minimizzare il rischio di infezioni veicolate con gli alimenti ricostituiti. Saranno, infine, verificate le possibili correlazione tra dati rilevati attraverso le indagini microbiologiche sugli alimenti in polvere per neonati e dati clinici che verranno evidenziati attraverso analisi microbiologiche su campioni di feci e tamponi rettali prelevati da neonati con evidenza di malattia da patologie gastrointestinali. Metodi Campioni di latte in polvere e di preparati formulati in polvere per l'infanzia prodotti da ditte diverse e rappresentativi delle marche e delle tipologie di prodotto maggiormente utilizzate in Italia per l'alimentazione dei neonati saranno raccolti sia dalla vendita al dettaglio che dai reparti di neonatologia di diversi ospedali della nostra provincia. La ricerca di Enterobacter sakazakii sarà condotta su questi prodotti secondo il metodo FDA. Per ogni campione saranno prelevati 100 gr di polvere che verranno trasferiti in bottiglie contenenti 900 ml di acqua distillata sterile preriscaldata a 45°C. Dopo agitazione manuale si procederà ad una fase di prearricchimento mediante incubazione a 36°C overnight. Dopo incubazione, 10 ml della brodocoltura saranno trasferiti in 90 ml di Enterobacteriaceae enrichment broth (EE broth) e sottoposti ad una ulteriore incubazione a 36°C overnight (fase di arricchimento selettivo). L’EE broth contiene sali biliari e verde brillante che sopprimono la crescita di batteri non appartenenti alla famiglia delle Enterobacteriaceae. Al termine del periodo di incubazione, 0,1 ml delle colture di arricchimento saranno seminati in doppio in piastre di VRBGA. Le piastre saranno incubate a 36°C overnight. L'identificazione presuntiva di E. sakazakii verrà effettuata in base al tipico colore rosso porpora delle colonie. Per la conferma dell'identificazione di E. sakazakii cinque colonie presuntive saranno trasferite in Tryptone Soya agar ed incubate a 25°C per 48-72 per favorire lo sviluppo del tipico pigmento giallo. Inoltre, si procederà ad una conferma biochimica delle colonie gialle mediante il sistema miniaturizzato API 20E. Nelle piastre in cui si è ottenuto sviluppo microbico, anche l
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/06 → …

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.