Uso di foraggi con azione di controllo dei parassiti gastrointestinali per lo sviluppo di una zootecnia biologica

Progetto: Research project

Layman's description

L’attività avrà i seguenti obiettivi: individuare popolazioni siciliane di Hedysarum coronarium ad elevata efficacia antielmintica; fornire una valida alternativa al controllo chimico dei parassiti gastrointestinali ampliando in tal modo le opportunità di sviluppo della zootecnia biologica.La ricerca sarà così articolata:inizialmente, verrà valutato il contenuto di tannini condensati in popolazioni siciliane di sulla. Il contenuto in tannini verrà rilevato in diversi stadi fenologici sia su foraggio fresco sia sul prodotto affienato;successivamente, verrà valutato in vivo dell’azione antielmintica del foraggio di sulla (Hedysarum coronarium).Gruppi costituiti da 6-8 agnelli ciascuno (omogenei per età, peso e grado di infestazione da parassiti gastrointestinali), sia preventivamente deparassitizzati con trattamenti farmacologici che naturalmente infetti, verranno alimentati con foraggio di sulla, con o senza la somministrazione di polietilene glicole (PEG - sostanza che blocca i tannini formando complessi inerti escreti con le feci), e con foraggi tannino esenti (loiessa - Lolium multiflorum).Pertanto i trattamenti a confronto saranno i seguenti:•T1Alimentazione con foraggio di sulla •T2Alimentazione con foraggio di sulla + PEG •T3Alimentazione con foraggio di loiessa•T4Alimentazione con foraggio di sulla + deparassitizzazione •T5Sulla + PEG + deparassitizzazione •T6Loiessa + deparassitizzazioneL’efficacia dei differenti regimi alimentari verrà valutata nell’arco di circa 8 settimane, in modo da abbracciare i diversi stadi evolutivi delle infestazioni parassitarie (fase di sviluppo, caratterizzata da un marcato incremento dell’entità dell’infestazione e fase di stabilizzazione, in cui l’ospite sviluppa una risposta immunitaria in grado di contenere le parassitosi). Il foraggio verrà somministrato giornalmente in mangiatoia, previo sfalcio e trinciatura, in quantità note, in modo da controllare i consumi quanti-qualitativi. Il monitoraggio dell’entità dell’infestazione verrà condotto attraverso la stima, a cadenza settimanale, del livello di uova di parassiti emesse con le feci degli animali che verrà effettuato per flottazione, utilizzando il metodo di McMaster modificato, prelevando i campioni direttamente dall’ampolla rettale dei singoli soggetti. Tutti i campioni di foraggio, somministrati e residui, verranno analizzati per determinarne il valore energetico ed il contenuto in tannini condensati (CT); a tal fine verrà adottato il metodo di Porter et al (1986), adoperando HCl-Butanolo con lettura spettrofotometrica a 550 nm ed il metodo in HPLC adottato da Stewart et al (2000) per determinare il rapporto delfinidina/cianidina.A fine sperimentazione, gli animali in prova verranno pesati e successivamente macellati per consentire l’analisi dell’apparato gastrointestinale e stimare ed identificare i parassiti gastrointestinali presenti, adottando le chiavi tassonomiche di Euzéby e Soulsby ed illustrate nell’atlante di Barth.
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/02 → …