SVILUPPO TURISTICO SOSTENIBILE A LIVELLO REGIONALE ED AZIONI DI POLICY

    Progetto: Research project

    Dettagli progetto

    Description

    I principali temi della ricerca riguarderanno: a) Turismo e crescita territoriale; b) La presa di coscienza a livello globale e locale (territoriale, regionale)oltre che dei benefici effetti dell’attività turistica, anche dei dannosi effetti provocati dal turismo di massa o di altre forme insostenibili, per favorire la nascita e il rapido sviluppo di modelli di sviluppo turistico endogeno, rispettosi dell’ambiente e delle culture locali, definiti “dello sviluppo turistico sostenibile”; c) Il ruolo del settore pubblico nello sviluppo di un turismo sostenibile a livello locale: aspetti teorici, empirici e di “best practice”. Le metodologie di monitoraggio di uno sviluppo turistico sostenibile si basano su: a) Azioni di intervento del settore pubblico a livello nazionale, regionale, locale con forme di programmazione sostenibile delle risorse, con leggi, sanzioni, meccanismi di incentivazione, con interventi amministrativi diretti ed indiretti. b)Azioni private mediante il meccanismo dei prezzi, e/o con accordi volontari tra le associazioni, imprese o individui. I modelli di monitoraggio sono: 1) La valutazione di impatto ambientale (VIA). Tale modello si propone di stimare l’impatto sull’ambiente di un determinato progetto di sviluppo turistico. Tende ad essere un studio preventivo. Si tratta di una metodologia multidimensionale, la quale include sia aspetti non monetari, quali, ad esempio, l’impatto che la costruzione di un villaggio turistico ha sul sistema sociale locale, sia aspetti economici, come la stima dei costi di bonifica e di depurazione dell’ambiente, nonché il costo opportunità di rinuncia, a seguito dell’attività turistica, ad attività concorrenti. L’altro metodo di monitoraggio è l’eco-Audit, che è un processo continuo e sistematico di monitoraggio dell’ambiente sulla base di standard (internazionali) prefissati. E’ un processo volontario, che consente alle imprese di controllare il raggiungimento di obiettivi di salvaguardia ambientale e può contribuire a comunicare al turista una migliore immagine di sé. In tempi molto recenti a livello internazionale sono stati introdotti due schemi di gestione ambientale e certificazione, che sono:. a) ISO 14000. E’ uno schema volontario (totalmente privato) approvato dall’ISO (ISO- International Standard Organization).Esso contiene una serie di principi e criteri di miglioramento della gestione delle imprese e delle organizzazioni. b) EMAS: è uno schema volontario istituito da un regolamento dell’UE nel 1993, nell’ambito dell’impegno dell’UE a favore di uno sviluppo sostenibile, basato non solo su controlli e comandi ma anche sull’assunzione di responsabilità delle singole imprese, organizzazioni e, in particolare, enti locali.

    Layman's description

    Il turismo come attività per lo sviluppo economico di territori e degli Stati è stato da alcuni decenni posto in risalto sia dagli studiosi, che dai dati, che confermano inarrestabilmente un trend di crescita del settore su scala internazionale. Nel 2000 il turismo internazionale mondiale rappresentava un tasso di crescita del 4,9% a prezzi correnti del PIL e un tasso del 6% dell’export internazionale (globale) Secondo l’Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT) (2002) circa il 7% dei lavoratori nel mondo è impiegato nell’industria turistica. Queste percentuali molto significative spiegano la natura estremamente articolata dell’industria turistica, che comprende diversi comparti produttivi, diversi tra loro (trasporti, ricettivo, ristorazione, attività di intermediazione e di informazione, prodotti locali, ecc.), ma tutti complementari nell’ambito del prodotto turistico. Nello stesso tempo, tuttavia, è stata rilevata da più parti la natura ambivalente del turismo. Esso può contribuire positivamente allo sviluppo economico, sociale e culturale della destinazione, ma può causare, allo stesso tempo, fenomeni di degrado ambientale sociale ed economico. Negli ultimi anni le crescenti pressioni ambientali esercitate dalle attività turistiche nei territori, evidenziano una serie di esternalità negative sull’identità sociale e culturale, quale l’aumento del consumo delle risorse primarie (acqua, energia, ecc.), la modificazione e la distruzione degli ecosistemi montani, lacustri, costieri marini , l’inquinamento del suolo e dell’acqua, l’erosione delle spiagge, la congestione ecc. In risposta a questi eventi si sta diffondendo gradualmente, sia all’interno del settore che nella comunità internazionale, la nozione di turismo sostenibile, che estrinseca un modello di offerta attenta alla tutela delle risorse naturali, alla promozione di benefici economici per le popolazioni locali e al rispetto delle peculiarità socio-culturali della destinazione. Verso la fine degli anni Ottanta, l’Organizzazione Mondiale per il Turismo ha formulato la nozione di turismo sostenibile come “Una forma di sviluppo che soddisfa le attuali esigenze dei turisti, e delle comunità ospitanti, proteggendo allo stesso tempo le risorse e creando opportunità per il futuro. Il turismo sostenibile implica una gestione di tutte le risorse tale da soddisfare le esigenze economiche, sociali ed estetiche, preservando contemporaneamente l’integrità culturale, i processi ecologici essenziali, la diversità biologica e i sistemi di supporto alla vita”. I principali obiettivi di questa ricerca tendono a colmare tre lacune nella letteratura corrente. Esse riguardano: 1) Le relazioni positive tra crescita e turismo a livello regionale (locale) in modelli di crescita endogena; 2) Il sentiero di crescita associato a una specializzazione turistica; 3) Le funzioni e i doveri istituzionali del settore pubblico per una sviluppo turistico sostenibile in termini teorici, empirici e di “best practice”. Metodologie
    StatoAttivo
    Data di inizio/fine effettiva1/1/06 → …

    Fingerprint

    Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.