Studi applicativi finalizzati all’attivazione del sistema di monitoraggio delle acque marino costiere della Regione Sicilia.

Progetto: Research project

Layman's description

Lo studio si inserisce nel quadro di una convenzione di ricerca tra l’ARPA Sicilia e il Centro Interdipartimentale per lo Studio dell’ecologia degli Ambienti Costieri (CISAC) dell’Università di Palermo svolgimento delle attività previste nella realizzazione del progetto del sistema di monitoraggio finalizzato alla prima caratterizzazione dei corpi idrici superficiali della regione siciliana. In particolare, tali attività sono relative alle acque marine costiere che sono state individuate significative ai sensi del D. Lgs. 152/99. Al fine di ottenere elementi di valutazione che concorrano a definire il giudizio di qualità dei corpi idrici oggetto dell’indagine, le attività di ricerca hanno comportato l’effettuazioni di prelievi, analisi e misure sulla matrice acqua, sui sedimenti e sul biota. Gli obiettivi dello studio possono essere riassunti nei seguenti punti tra loro complementari: 1. contribuire insieme all’ARPA a valutare l’assetto trofico e classificare le acque marine costiere;2. contribuire insieme all’ARPA a valutare la granulometria e gli inquinanti inorganici ed organici nei sedimenti;3. valutare e misurare la risposta delle praterie di Posidonia oceanica in condizioni ambientali diverse, identificando e convalidando alcuni descrittori all’interno di esse;4. valutare e misurare la risposta delle comunità meiobentoniche di fondi mobili in condizioni ambientali diverse, identificando e convalidando alcuni descrittori all’interno di esse;5. stabilire precise griglie multicriteriali che permettano l'utilizzo pratico e standardizzato di questi descrittori per la determinazioni di classi di qualità;6. predisporre i criteri per il posizionamento di reti di sorveglianza della qualità dell’acqua, basate sul monitoraggio delle praterie di P. oceanica.L’analisi del complesso dei dati raccolti ha portato ad evidenziare e validare rapporti di causalità tra variabilità dei descrittori adottati e variabilità naturale ed antropica, separando il contributo alla variabilità complessiva dovuto ai fattori naturali rispetto a quelli antropici. Inoltre, sono state evidenziate le relazioni multivariate di interdipendenza tra descrittori, con lo scopo di pervenire alla riduzione degli stessi mantenendo inalterata la capacità informativa dei dati.
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/06 → …