Dettagli progetto

Description

La proposta progettuale prevede la definizione, la progettazione e la realizzazione, all’interno del Campus dell’Università degli Studi di Palermo, di un dimostratore di parcheggio di nuova concezione, denominato SMARTEP, ossia Sustainable Model And Renewable Thinking Energy Parking.
Il dimostratore di parcheggio avrà dimensioni e caratteristiche tali da poter fungere da elemento per azioni di analisi e sperimentazione su scala reale, sia sui materiali che sulle soluzioni ed applicazioni energetiche, gestionali ed ICT, immediatamente esportabile e scalabile in ambito urbano.
Il dimostratore, da un lato, unisce, allo sfruttamento delle fonti di energia rinnovabile per la ricarica dei veicoli elettrici, l’accumulo elettrico per minimizzare gli scambi energetici con la rete e tutta una serie di funzioni smart date dall'implementazione dell’ICT; dall’altro costituirà un esempio di modello sostenibile, fondato su un nuovo e rinnovato pensiero di sviluppo tecnologico per applicazioni urbane, che punta alla valorizzazione energetica ed all’efficientamento energetico di strutture, componenti e materiali.
L’idea consiste nello studio e successiva realizzazione di uno SMARTEP innovativo caratterizzato da:
1. una struttura di copertura degli stalli, di nuova concezione perché equipaggiata, oltre che da pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica da fonte solare, da un sistema di illuminazione di nuova concezione per la riduzione dei consumi ed il soddisfacimento di requisiti adeguati per le aree di parcheggio/passaggio, un sistema “civetta” per monitorare il livello di sporcizia dei moduli fotovoltaici (Dust detector), e quindi programmare gli interventi di pulizia e massimizzare il rendimento su base annua dell’impianto fotovoltaico, un sistema di accumulo elettrico (storage) per il funzionamento dell’impianto di illuminazione stesso, e da sensori per l’esplicazione delle funzioni smart di ICT; tale struttura sarà caratterizzata da modularità in modo da potersi replicare facilmente al variare del numero degli stalli da ricoprire;
2. un sistema di ricarica veicoli elettrici di tipo wired e wireless orientata al Vehicle to Grid (V2G);
3. un sistema di accumulo elettrico di back-up per la ricarica dei veicoli elettrici;
4. una pavimentazione realizzata con miscele di conglomerati bituminosi innovativi, nell’ottica della sostenibilità, e studiati per unire alle tradizionali caratteristiche di durata, resistenza meccanica ed all’usura, quelli necessari ad una loro valorizzazione energetica di cui al
successivo punto;
5. un sistema di recupero di calore dall’area asfaltata (road thermal collector) per la
realizzazione di un campo geotermico a bassa temperatura, al fine di esplorare le potenzialità di accumulo termico e successivo utilizzo in sistemi a pompa di calore o per il pre-riscaldamento dell’acqua;
6. un sistema ICT (hardware e software) di monitoraggio e gestione del parking (controllo e segnalazione stalli liberi, suggerimenti sugli intervalli temporali più indicati per usufruire del servizio, servizi necessari ad effettuare i pagamenti tramite dispositivi mobili, guida veicoli con ottimizzazione percorsi) e monitoraggio e gestione ottimale dei flussi energetici (produzione, accumulo, ricarica veicoli, scambio con le rete).
Gli obiettivi generali della proposta progettuale possono essere, in estrema sintesi, esposti come di seguito:
• promozione e sviluppo di sistemi di generazione distribuita da fonti rinnovabili e relativa integrazione con l’accumulo elettrico;
• sviluppo di differenti tecnologie di sistemi di ricarica per veicoli elettrici;
• ottimizzazione dei sistemi di produzione, accumulo di energia e ricarica veicoli;
• sviluppo di materiali innovativi, basati sul recupero e la valorizzazione di materiali di scarto o di
riciclo localmente disponibili, con conseguente riduzione del cons
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva2/12/208/11/22

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.