Salvaguardia e valorizzazione di popolazioni e varietà siciliane di specie erbacee di interesse agrario

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Description

The Sicilian agricultural land is characterized by a large variability in physical and climatic factors, climatic factors and soil characteristics. These aspects, as well as the local cultural traditions, preferences and tastes of local consumers, have led, over the centuries, to a wide genetic diversity of the species traditionally grown in the region. The spreading of new varieties selected to meet the needs of more intensive agriculture has caused the abandonment of agro-ecotypes or a drastic reduction in the area dedicated to them, leading to the loss of part of the accumulated precious variability in the millennial history of Sicilian agriculture. The agro-ecotypes still cultivated, are currently subjected to a very strong risk of extinction. The collection, characterization and conservation of genetic resources of the isle still available from farmers or at the banks of germplasm is recognized as particularly important for immediate use (development of typical products agricultural) and because they also represent a reservoir of genes of potential value for the future needs of humanity.The research project covers the following herbaceous and shrub species :Cereals: durum wheat (Triticum durum ), oats (Avena sativa)Grain legumes: lentil (Lens esculenta ), chickpea ( Cicer arietinum ); grasspea (Lathyrus sativus )Forage species: fenugreek (Trigonella foenum-graecum), sulla (Hedysarum coronarium), vetch (Vicia sativa), Scorpiurus muricatusVegetables: garlic (Allium sativum L.), onion (Allium cepa ), melon (Cucumis melo var. inodorus); tomato ( Lycopersicon esculentum ); faba bean (Vicia faba var. major)Aromatic: rosemary (Rosmarinus officinalis)For all species the subject intervention, the project aims to:recover populations still cultivated in Sicily;evaluate and characterize (through appropriate descriptors morpho-physiological, production and quality) the collected accessions;conserve the seed of the accessions at the Germplasm Bank of the department SAF and ensure the availability of accessions to potential users (farmers, researchers, breeders, etc.);ensure the dissemination of the information gathered through a specific website, networks, scientific and educational publications, meetings, seminars, conferences, etc.;register some of the accessions object characterization and evaluation on the Catalog of conservation varieties.The characterization and evaluation of accessions will be carried out ex situ at two farms (Pietranera, S. Stefano Q., AG, 37 ° 30'N, 13 ° 31'E, 178 m a.s.l.; Sparacia, Cammarata, AG, 37 ° 37'N, 13 ° 42'E) that for pedo-climatic characteristics are both representative of the areas of arable land in Sicily. In particular, at Pietranera farm will be conducted the activities regarding durum wheat, fenugreek, vetch, Scorpiurus muricatus and lentil whereas at the Sparacia farm the species under investigation will be oat, chickpea, grasspea, garlic, onion, melon, tomato, faba bean and rosemary.

Layman's description

Il territorio agricolo siciliano è caratterizzato da un’ampia variabilità per fattori fisici (morfologia, altitudine), climatici (ad esempio piovosità annue comprese tra poco più di 400 mm ad oltre 1200 mm) e pedologici. Tali aspetti, unitamente alle tradizioni colturali locali ed alle preferenze e gusti dei consumatori locali hanno portato, nel corso dei secoli, ad una ampia diversificazione genetica delle specie tradizionalmente coltivate. Sino al secondo dopoguerra, tale diversità è stata mantenuta dagli stessi agricoltori attraverso la moltiplicazione delle popolazioni locali tramandate di generazione in generazione. Successivamente, il diffondersi delle nuove varietà selezionate per rispondere alle esigenze di un’agricoltura sempre più intensiva ha causato l’abbandono degli agro-ecotipi o la drastica riduzione delle superfici loro dedicate; ciò di conseguenza ha portato alla perdita di parte della preziosa variabilità accumulatasi nella millenaria storia dell’agricoltura siciliana. Gli agro-ecotipi ancora coltivati, sono attualmente a fortissimo rischio di estinzione poiché il loro mantenimento si deve spesso solo ad anziani agricoltori ancora tenacemente legati alle tradizioni che conducono le colture su superfici modeste e con margini economici estremamente ridotti. L’avvio di attività di raccolta, caratterizzazione e conservazione delle risorse genetiche del territorio isolano ancora reperibili presso gli agricoltori o presso le banche di germoplasma appare oggi imprescindibile; tali risorse infatti da una parte costituiscono un patrimonio immediatamente utilizzabile attraverso la valorizzazione della tipicità dei prodotti agricoli e dall’altra rappresentano un serbatoio di geni adattativi e di resistenza che potranno risultare preziosi per le future necessità dell’umanità attraverso programmi di miglioramento genetico.Il progetto di ricerca interessa le seguenti specie erbacee ed arbustive: Cereali : Frumento duro (Triticum durum); Avena (Avena sativa) Leguminose da granella: Lenticchia (Lens esculenta); Cece (Cicer arietinum); Cicerchia (Lathyrus sativus)Foraggere: Trigonella (Trigonella foenum-graecum); Sulla (Hedysarum coronarium); Veccia (Vicia sativa); Scorpiurus muricatusOrtive: Aglio (Allium sativum L.); Cipolla (Allium cepa); Melone (Cucumis melo var. inodorus); Pomodoro da serbo (Lycopersicon esculentum); Fava da mensa (Vicia faba var. major)Aromatiche: Rosmarino (Rosmarinus officinalis)Per tutte le specie oggetto d’intervento, il progetto si propone di:recuperare le popolazioni ancora coltivate in Sicilia;valutare, caratterizzare (attraverso appositi descrittori morfo-fisiologici, produttivi e qualitativi) e catalogare le accessioni raccolte;conservare il seme delle accessioni presso la Banca del Germoplasma del Dip.to SAFgarantire la diffusione delle informazioni raccolte attraverso uno specifico sito web, networks, pubblicazioni scientifiche e divulgative, incontri, seminari, convegni, etc.;garantire la disponibilità delle accessioni a possibili fruitori (imprenditori agricoli, ricercatori, breeders, etc.);iscrivere alcune delle accessioni oggetto della caratterizzazione e valutazione nel Registro Nazionale delle varietà da conservazione.Le ricadute del progetto di ricerca riguarderanno principalmente: la salvaguardia di popolazioni autoctone di importanti specie erbacee ed arbustivo di interesse agrario, attualmente a forte rischio di estinzione, sia attraverso strategie di conservazione ex situ che favorendone la diffusione (re-introduzione) nei sistemi agricoli delle aree d’origine;la valorizzazione del

Key findings

Biotecnologie, prodotti alimentari e agricoltura
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/11 → …