Ruolo della simbiosi micorrizica sul trasferimento di azoto (N transfer) da leguminosa a graminacea

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Description

La prova verrà realizzata in 30 vasi compartimentati in plastica. Nella tesi (1) i compartimenti non saranno separati da alcun diaframma; nella tesi (2) saranno separati da un tessuto poroso in nylon permeabile al solo ERM; nella tesi (3) saranno divisi da un setto completamente impermeabile posizionato al centro. L’inoculo sarà effettuato ponendo appena sotto il seme circa un grammo di radici di porro colonizzate da un consorzio di Glomus intraradices e G.mosseae provenienti da un’apposita coltura in vaso. Una stessa quantità di radici passate in autoclave più 25 ml di un soluzione di lavaggio filtrata del medesimo inoculo saranno applicate alle tesi non micorrizate. La soluzione fungerà da veicolo per tutti i microrganismi (eccetto i AMF) applicati alle tesi micorrizate. Durante la prova, i vasi verranno mantenuti in condizione di umidità costante (70% CIC) monitorata tramite TDR. I semi utilizzati (T.alexandrinum cv. Lilibeo, L.multiflorum cv Elunaria) per la semina saranno sterilizzati in una soluzione al 3% di NaClO4 per 10 min., lavati con abbondante acqua distillata e pregerminati su carta assorbente umidificata per 3 giorni. Nove semi per specie verranno seminati in ogni vaso e quindi ridotti a 7 dopo la germinazione. A 35 giorni dalla semina, il trifoglio alessandrino verrà marcato con 0.1 mg di KNO3 (99% arricchimento in 15N) in acqua distillata e deionizzata. La soluzione tracciante verrà iniettata al peziolo delle foglie usando una siringa Hamilton; l’iniezione verrà ripetuta per 10 giorni incrementando giornalmente la quantità di 15N iniettata. A circa 60 gg dalla semina tutta la biomassa verrà prelevata e divisa nelle porzioni epigeiche ed ipogeiche. La parte epigeica verrà in parte suddivisa nelle frazioni botaniche e in parte liofilizzata per determinare la percentuale di s.s. e la concentrazione in P, N, arricchimento isotopico e zuccheri solubili. La frazione ipogeica verrà in parte liofilizzata per le determinazioni c.s. (s.s., concentrazione in P, N, arricchimento isotopico, zuccheri solubili) e in parte destinata alla determinazione del grado di micorrizazione secondo Phillips e Hayman (1970). La simbiosi sarà inoltre scomposta nelle tre parti anatomiche (vescicole, arbuscoli ed ife) mediante analisi di 30 segmenti di radici (1 cm per segmento). I dati ottenuti verranno sottoposti ad analisi statistica.

Layman's description

Obiettivo della ricerca è lo studio della possibilità da parte di una simbiosi micorrizica di mediare il transfer di N da una pianta azotofissatrice (Trifolium alexandrinum) a una graminacea (Lolium multiflorum) mediante l’uso della metodologia dell’arricchimento isotopico. Adoperando una barriera permeabile alle sole ife fungine tra la pianta donatrice di N e la recettrice è possibile evidenziare sia il contributo al transfer delle ife extraradicali (ERM) dei funghi AM, che il contributo per contatto radicale e l’interazione tra i due fattori, mentre l’utilizzo di una barriera che non consente alcuna sovrapposizione della micorrizosfera delle due specie permetterà di evidenziale il vantaggio produttivo dovuto alla sola presenza dei AMF.La prova prevede la predisposizione di uno schema randomizzato (2 x 3) a blocchi completi con 5 ripetizioni, con l'obiettivo di valutare l'effetto dei seguenti trattamenti: - Livello di separazione tra le radici: (1) Nessuna separazione; (2) interconnesse solamente da ife micorriziche; (3) nessun contatto. - Simbiosi: + Myc; - Myc La prova viene realizzata in 30 vasi compartimentati in plastica. Nella tesi (1) i compartimenti non sono separati da alcun diaframma; nella tesi (2) sono separati da un tessuto poroso in nylon permeabile al solo ERM; nella tesi (3) sono divisi da un setto completamente impermeabile posizionato al centro.
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/07 → …

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.