Ruolo della quantificazione del volume adiposo (viscerale e sottocutaneo) tramite Risonanza Magnetica Nucleare (RMN) del compartimento addominale, nella valutazione del Rischio Cardiometabolico.

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Layman's description

BACKGROUND
L’obesità viscerale è considerata oggi la principale causa delle malattie metaboliche e del rischio cardiovascolare ad esse associato. Il tessuto adiposo viscerale in quanto tessuto ad attività endocrina, merita inoltre un’attenzione particolare sia nello studio della sua distribuzione che della sua funzione. Fatta questa premessa, si rende necessario disporre di validi strumenti in grado di valutare rapidamente e con un'accurata precisione diagnostica la distribuzione adiposa corporea, allo scopo di mettere in atto adeguate misure terapeutiche e preventive contro l’obesità e le sue comorbidità. Quindi la valutazione non invasiva del grasso corporeo è diventata oggi una componente importante nella ricerca sull’obesità e le misure del tessuto adiposo sottocutaneo (SAT) e viscerale (VAT) utili markers nella stratificazione del rischio e nella valutazione dell’efficacia d’intervento terapeutico.
Negli ultimi anni hanno visto un forte incremento l'utilizzo sia della Tomografia Computerizzata (TC), che della Risonanza Magnetica Nucleare (RMN), tecniche dirette basate sulle proprietà uniche del tessuto adiposo, ed in grado di differenziare SAT e VAT attraverso immagini multidimensionali. L’RMN non comporta l’utilizzo di radiazioni ionizzanti, il che ne consente la ripetibilità negli studi prospettici e l’esecuzione anche nelle fasce d’età infantili adolescenziali, rendendola un’importante strumento per la quantificazione del grasso.
Attualmente comunque sono richieste procedure indaginose e costose per l’estrazione del volume del tessuto adiposo e della frazione di grasso contenuta nei tessuti magri (grasso ectopico) a partire dai dati RMN, e la fase di analisi post elaborazione rimane riservata a personale esperto. Tale procedura prevede il trasferimento delle immagini ad una stazione di lavoro offline, seguita dall’utilizzo di software dedicato, che richiede un intervento manuale.
A causa di tali vincoli, ancora oggi la maggior parte degli studi di imaging atti ad indagare il ruolo della distribuzione adiposa sul rischio cardiometabolico si basano su una sola immagine RMN o TC dell’addome, tipicamente in corrispondenza dello spazio intervertebrale L4-L5.
OBIETTIVI
Obiettivo principale dello studio è determinare su una popolazione di soggetti con almeno 1 criterio di sindrome metabolica (diabete dislipidemia, ipertensione arteriosa, obesità addominale), di età compresa tra 18 e 60 anni, la prevalenza, stratificata per sesso e per età, della MetS, delle singole componenti della MetS e dei pregressi eventi cardiovascolari, nei vari quintili di:
• volume adiposo viscerale (omentale e perimesenterico) (VAV)
• volume adiposo sottocutaneo addominale (VASA)
Obiettivo secondario dello studio è verificare l’associazione fra VAV, VASA e rapporto VAV/VASA con i seguenti parametri metabolici:
area sotto la curva glicemica durante OGTT, Area sotto la curva nsulinemica durante OGTT, Indici indiretti di insulino-sensibilità basati su glicemia ed insulinemia a digiuno, Indici indiretti di insulinosensibilità basati su glicemia ed insulinemia durante OGTT, Visceral Adiposity Index (VAI), Assetto lipidico, Markers di rischio cardiovascolare non classici, Principali adipocitochine.
Lo studio sarà di tipo trasversale e prevederà in tutti i pazienti afferenti in modo consecutivo presso i vari centri e che firmeranno un consenso informato, l’esecuzione di:
•una raccolta dati anamnestici
•un esame obiettivo completo
•un ECG
•un carico orale di glucosio (75 gr) con prelievi venosi al tempo 0’, 30’, 90’, 120’.
•una sequenza di risonanza magnetica senza mezzo di contrasto, sul distretto addominale.
Lo studio prevede l’arruolamento di 150 pazienti con età > 18 anni e < 60 anni, scelti con arruolamento continuativo, che afferiranno presso l' UOC di Endocrinologia e Malattie Metaboliche.
Le sequenze RMN acquisite presso l'UO
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/12 → …

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.