Ricerca intervento sulla comunicazione delle leucemie feline

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Description

Risulta preoccupante l’incremento dei casi di leucemia felina tra i gatti, soprattutto ma non esclusivamente tra i randagi. Appartengono al gruppo delle leucemie feline alcune malattie quali la FIP, la FIV, la FELV che si presentano, per caratteristiche e decorso, come estremamente simili alla AIDS dell’uomo. La trasmissione avviene sia per via genetica, sia a seguito di contatti sessuali, per il contatto tra feci, sangue e saliva di individui diversi. Allo stato attuale, non esistono cure e i vaccini per la leucemia felina funzionano solo se il gatto non è già sieropositivo. Inoltre, possono prevenire che il gatto la prenda per dei contatti con altri individui malati ma non possono fare nulla per la trasmissione genetica: se cioè il gatto ha preso la malattia dai genitori, non c’è nulla che si possa fare. Una tipica risposta a questo problema: si pensa sia utile incrementare le sterilizzazioni che costituiscono l’unico strumento di contrasto della malattia. L’opinione pubblica potrebbe forse non comprendere fino in fondo, e quindi non sostenere, una campagna di sterilizzazione: molti ritengono infatti che privare gli animali della loro sessualità sia un po’ come rubargli l’identità. D’altra parte, la rivelazione all’opinione pubblica dell’esistenza e del grado di diffusione delle suddette malattie potrebbe costituire uno shock, creare un allarme ingiustificato e disincentivare le adozioni. O forse, se l’opinione pubblica potesse essere raggiunta da una comunicazione chiara e corretta in materia, se potesse farsi un’idea del grado di sofferenza che esse possono portare forse comprenderebbe e collaborerebbe con gli enti di ricerca. Scopo della ricerca è l’individuazione del modo più adeguato per comunicare l’esistenza, la diffusione e la gravità di tali malattie. Il fine ultimo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica e raccogliere fondi da devolvere alla ricerca veterinaria in questo campo.

Layman's description

L'obiettivo della ricerca è quello di individuare argomenti e modalità per la comunicazione delle leucemie feline, a mezzo stampa, per radio e per televisione, in quanto comunicarne l'esistenza risulta un compito delicato. Bisogna cioè evitare che la comunicazione della probabile sieropositività di animali randagi e domestici crei allarmismo, disincentivi le adozioni o, peggio, favorisca gli abbandoni, trasformandosi in un effetto boomerang. D'altra parte, sensa comunicazione non potrà mai esserci sensibilizzazione e non si potrà, quindi, aiutare la ricerca veterinaria. Un ulteriore obiettivo è quello di sondare quale sia l'atteggiamento prevalente tra gli animalisti e le persone che, più in generale, amano gli animali e in particolare i gatti. Si cercherà cioè di scoprire se l'approccio ai problemi degli animali che popolano le nostre città sia prevalente un approccio ecologico, o se, piuttosto, prevalga ancora una mentalità assistenziale. Si tratta di una ricerca esplorativa che si avvarrà di interviste semi-strutturate, rivolte, con la collaborazione dell'Ordine dei Veterinari della Provincia di Palermo, all'intero universo dei titolari di studi veterinari privati nel territorio della città di Palermo. Le interviste cercheranno di far emergere tutte le dimensioni del problema, la percezione che veterinari ne hanno e, tramite loro, la percezione che ne hanno i loro clienti, in quanto proprietari di gatti.
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/05 → …

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.