Restauro e tutela in Sicilia e Calabria nella prima metà del Novecento. Istituzioni, protagonisti e interventi

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Layman's description

Lo studio degli interventi di tutela e restauro condotti in Sicilia e in Calabria, nella prima metà del Novecento, offre l'opportunità di indagare uno spaccato significativo della metodologia espressa, sia nell'azione amministrativa che nella prassi professionale, che ha inciso anche nella conservazione del patrimonio culturale del nostro Paese. I numerosi protagonisti sono i soprintendenti e il poco personale addetto, ma anche i vari professionisti che lavorarono per la conservazione del notevole e articolato patrimonio. A tal proposito basti ricordare che, in campo archeologico, Sicilia e Calabria erano parte integrante della Magna Grecia, e ancora, in queste regioni, la notevole presenza dell'architettura basiliana e normanna e in generale medievale, costituivano l'enorme specifico patrimonio culturale da tutelare e conservare. La ricerca ha come principale obiettivo lo studio della tutela e del restauro dei monumenti in queste regioni e in questo particolare periodo. Per affrontare lo studio in questione è utile la partecipazione allo stesso di ricercatori sia dell'Università di Palermo che dell'Università di Reggio Calabria, entrambi del settore scientifico disciplinare Icar/19 Restauro. Inoltre è altrettanto utile la partecipazione di funzionari della Direzione Regionale dei Beni culturali e paesasaggistici di Reggio Calabria e della Soprintendenza BB. CC.AA. di Palermo, in modo da potere collaborare con le stesse istituzioni che indirizzarono e controllarono l'attuazione dei principi e delle norme del Restauro nelle due regioni. Il gruppo di ricerca si avvale anche della partecipazione di due dottori di ricerca in "Conservazione dei beni architettonici e del Paesaggio", professori a contratto, e di un dottorando in "Storia e conservazione dei Beni architettonici e del Paesaggio", indirizzo in "Conservazione dei beni architettonici e del paesaggio", dell'Università degli Studi Federico II di Napoli e dell'Università degli Studi di Palermo (sede consorziata), per le loro specifiche competenze sul tema della ricerca. Sulla metodologia da utilizzare per la ricerca in oggetto, essa sarà indirizzata all'incremento delle conoscenze sul patrimonio storico e architettonico pervenuto, partendo dall'analisi degli stessi manufatti e affiancando a questi dati lo studio bibliografico e degli archivi presso le soprintendenze territoriali e nell'Archivio Centrale di Stato, Direzione Generale Antichità e Belle Arti di Roma. Pertanto il programma di ricerca svilupperà da un lato l'analisi diretta dei monumenti, e dall'altro lo studio dei documenti (bibliografici e archivistici) che l'interessano. Da questa fase scaturiranno anche le essenziali informazioni sui protagonisti degli interventi, siano essi di tutela che di restauro, in modo da fornire un quadro generale di riferimento. I risultati delle analisi saranno raccolti in saggi di inquadramento generale e in schede sui vari "casi studi" . Come accennato, oltre all'aumento delle nostre conoscenze sui protagonisti degli interventi di tutela e restauro nelle due regioni, così vicine e così ricche di patrimonio culturale, fra i risultati attesi dalla ricerca vi sono certamente anche l'incremento dei nostri dati sulle architetture restaurate nel periodo considerato. Di fatto le preesistenze architettoniche, sulle quale occorre oggi, eventualmente, intervenire ancora una volta mediante un accurato processo conoscitivo e poi con specifiche metodiche d'intervento conservativo, sono il frutto stratificato dell'azione continua del tempo e degli eventi naturali, con i suoi effetti degenerativi e del fare dell'uomo. In generale gli interventi di restauro del passato sulle preesistenze architettoniche, fanno parte integrante delle stesse e, pertanto, oggi qualsiasi intervento di restauro su di esse deve sempre interessare anche i passati interventi. Solo in tal modo sarà possibile conservare il patrimonio culturale pervenutoci e trasmetterl
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/12 → …

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.