Letteratura inghevone: un'analisi dei composti nominali

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Description

La ricerca mira ad individuare le strategie affini costitutive del lessico poetico inghevone per mezzo di un'analisi dell'utilizzo della composizione nominale.L’aggettivo inghevone, utilizzato da Tacito a scopi esclusivamente etnografici “..proximi ocaeano Ingvaenos..” Germania I, 2), è stato ripreso dagli studiosi di filologia germanica per indicare quel complesso di isoglosse linguistiche e culturali pertinenti all’area costiera prospiciente il Mare del Nord, con riferimento quindi alla tradizione anglosassone, sassone antica e frisone antica. La datazione alquanto tarda (XII-XIII secolo) del corpus frisone antico e la tipologia dei testi, (si tratta quasi esclusivamente di raccolte di disposizioni giuridiche redatte in prosa), focalizzano la ricerca sui testi poetici anglosassoni e sassoni, di datazione anteriore (IX-X secolo) rispetto a quella frisone e, pertanto, più assimilabili a quel complesso di interrelazioni politiche, storiche e culturali intercorse fra le due sponde del Mare del Nord a partire dalla migrazione di popolazioni germaniche in territorio britannico nel V secolo. La datazione pressoché coeva dei due corpora, e il ruolo decisivo dei missionari anglosassoni nel lungo e travagliato processo di conversione del popolazioni sassoni al Cristianesimo, propendono per una reciproca influenza per quanto attiene alla produzione letteraria, in modo particolare quella di ispirazione religiosa. Un preventivo spoglio dei due corpora ha evidenziato la presenza di elementi linguistici comuni relativi all’utilizzo dei composti nominali. I risultati, alquanto promettenti, hanno messo in luce una porzione di lessico poetico “specialistico” caratterizzato da composti nominali e aggettivali, presenti esclusivamente nelle due tradizioni (circa 120). I composti saranno analizzati linguisticamente e nella loro dimensione testuale, alla luce del loro utilizzo e funzione nei rispettivi corpora. Base di partenza metodologica è costituita dallo spoglio, già effettuato, dei due corpora. In ragione della minore consistenza numerica dei versi sassoni (Heliand 3200 e Genesi 300 versi circa), è apparso proficuo partire dapprima dall’individuazione dei composti registrati in tutto il corpus poetico sassone antico per poi cercarne riscontro in quello anglosassone. I composti nominali sono stati, pertanto, raccolti partendo dallo spoglio del dizionario di E. H. Sehrt (Vollständiges Wörterbuch zum Heliand und zur Atlsächschen Genesis, Göttingen, Vandenhoech & Ruprecht, 1966) e del lavoro sui composti nominali nella poesia sassone antica di P. Ilkow (Die Nominalkomposita der altsächsischen Bibeldichtung. Ein semantisch-kulturgeschichtliches Glossar, Vandenhoech & Ruprecht, Göttingen, 1968). Parallelamente si è cercata corrispondenza nei dizionari di anglosassone (J. Bosworth - T. N. Toller, An Anglo-Saxon Dictionary, London, Oxford University Press, 1898 (rist. 1972); J. Bosworth - T. N. Toller,An Anglo-Saxon Dictionary-Supplement, London, Oxford University Press, 1921 (rist. 1973); J.R. Clark Hall, A Concise Anglo-Saxon Dictionary. Fourth Edition with a Supplement by H.D. Meritt, Cambridge, 1960) e, con l’ausilio delle concordanze (A. Di Paolo, R. L. Venezky, A Microfiche Concordance to Old English, Toronto, University of Toronto Press, 1980), si è proceduto a individuare le occorrenze dei lemmi individuati nel corpus antico inglese. Allo stesso modo si è proceduto per i casi, in verità piuttosto rari, in cui si è trovata corrispondenza in antico frisone (F. Holthausen, Altfriesisches Wörterbuch, Heidelberg, 1925; 2ª ed. a cura di D. Hofmann, 1985). Il corpus così elaborato sarà oggetto di indagine linguistica (analisi dei costituenti dei composti)sia dal punto di vista etimologico che semantico. Quest'ultimo aspetto consentirà l'individuazione di sfere semantiche "specializzate" dall'uso della composizione nominale in entrambe le due tradizioni letterarie. Inoltre un'analisi di tipo d

Layman's description

Attraverso uno studio sistematico dei composti nominali presenti esclusivamente nei corpora poetici anglosassone e antico sassone, la ricerca mira all'individuazione delle strategie linguistico-poetiche comuni che soggiacciono alle due tradizioni. I risultati di questo tipo di analisi "comparata", che non ha precedenti, consentiranno una più approfondita riflessione sul ruolo e la funzione della Wortbildung germanica antica nell'esperienza poetica, argomento trattato in maniera poco esaustiva in letteratura. Inoltre,l'indagine che ha come punto di partenza basilare il carattere esclusivo della occorrenza di questi composti nominali nelle due tradizioni, mira ad una redifinizione del postulato di interdipendenza fra le due esperienze poetiche, peculiari nel panorama delle letterature delle germaniche antiche.
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/07 → …

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.