L'EDILIZIA INDUSTRIALIZZATA TRA GLI ANNI '60 E '80 IN SICILIA. I DIFFICILI QUARTIERI DI PALERMO E CATANIA.

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Description

Nell'ambito della ricerca nazionale l'unità di Palermo affronta il tema della costruzione industrializzata in Sicilia negli anni tra il 1960 e il 1980. Si propone di ricostruire quella vicenda dal punto di vista storico e tecnico-costruttivo e di utilizzare tale conoscenza per individuare le linee guida per la conservazione, manutenzione e riabilitazione del patrimonio architettonico frutto di quell’esperienza.
La costruzione industrializzata si è diffusa in Sicilia con notevole ritardo rispetto alle esperienze del resto d'Italia e solo a seguito della modifica del sistema di appalto dell'edilizia residenziale pubblica. E' soltanto con interventi di grandi dimensioni e con affidamenti per appalti-concorso che possono partecipare i consorzi di Imprese del Nord Italia ed in particolare dell'Emilia-Romagna che riescono ad offrire forti ribassi a causa delle tecnologie di industrializzazione che, importate dalla Francia, venivano applicate nel resto d'Italia.
Vengono realizzati negli anni '70 diversi insediamenti nei quartieri Borgo Nuovo, Sperone, Medaglie d'Oro tutti caratterizzati da una progettazione condizionata dal sistema di industrializzazione adottato e dall'ottimizzazione del cantiere.
Viene inoltre indetto un concorso nazionale per la progettazione di un quartiere di 20.000 abitanti, lo ZEN 2 oggetto di un dibattito che è ancora attuale.
La sperimentazione, articolata in fasi successive, giunge ad esaurimento dopo pochi anni anche perchè la qualità dei nuovi interventi non si ritiene accettabile, la riduzione dei costi e dei tempi diventa sempre meno fondamentale a causa dei tempi burocratici che si allungavano e rendevano inapprezzabili le riduzioni dovute all'industrializzazione.
Paradosso di questa problematica è la realizzazione per appalti-concorso delle varie insulae del quartiere ZEN 2 per le quali le varie Imprese offrono una vasta e differente gamma di soluzioni tecnologiche, dalla struttura intelaiata in c.a., ai pannelli, al coffrage-tunnel adattati alla particolare morfologia del quartiere.
Pur coinvolgendo un periodo relativamente breve, gli edifici industrializzati realizzati hanno costituito, pur all’interno di un patrimonio edilizio molto articolato, esperienze architettoniche di ottimo livello, anche perché si sviluppano parallelamente ad una vivacissima fase di “rifondazione” della cultura del progetto e del cogente problema della casa che in quegli anni dominava il dibattito architettonico ed urbanistico del dopo '68.
Lo Sperone di S. Lenci e B. Colajanni e lo ZEN 2 di F. Amoroso S. Bisogni e V. Gregotti sono opere che senza dubbio saranno inserite tra le più significative da mantenere nel prossimo futuro.
Il fenomeno dell’industrializzazione edilizia in Sicilia, di cui si hanno notevoli esempi in alcuni fabbricati industriali realizzati nell'immediato secondo dopoguerra non è mai stato studiato in prospettiva storica, soprattutto nei suoi più specifici aspetti tecnico-costruttivi. Questo vuoto di studi, costituisce il motivo di fondo delle evidenti difficoltà che si incontrano negli interventi di manutenzione e di recupero delle realizzazioni di questo periodo.
Il progetto di ricerca si propone di colmare, anche se parzialmente, ed in maniera campionaria, questo vuoto.
Il lavoro dell'unità locale sarà articolato nelle tre fasi previste dal coordinamento nazionale: la storico-tecnica, l'analitica, la progettuale.
In primo luogo verrà ricostruita nel dettaglio l'evoluzione del dibattito locale sull'industrializzazione e razionalizzazione dell'edilizia, dalle fasi iniziali alla fine degli anni '60 fino al progressivo accantonamento.
Quindi sarà esaminato un ristretto numero di edifici significativi e saranno indagati lo stato e le cause di degrado più tipiche e diffuse cercando di individuare le intrinseche fragilità delle tecniche costruttive industrializzate.
Sulla base dell’indagine storica-costruttiva e delle puntuali diagnosi sul degrad
StatoFinito
Data di inizio/fine effettiva3/22/103/21/12

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.