L'edilizia in Sicilia nel secondo dopoguerra. Tecniche innovative per il recupero.

Progetto: Research project

Description

In conformità con il programma nazionale, l'unità di Palermo procederà all'analisi puntuale, finalizzata alla definizione di linee guida per la conservazione, di un gruppo di architetture costruite tra il 1945 e il 1965 in Sicilia. E' già stata fatta una prima selezione di edifici, alcuni realizzati da architetti siciliani (quali Giuseppe Caronia, Giuseppe Samonà, Vittorio Ziino). Gli edifici scelti sono accomunati dal fatto che, pur mostrando i caratteri più tipici dell'architettura italiana del ventennio successivo alla seconda guerra mondiale, presentano riferimenti più o meno espliciti alle specificità del contesto regionale sia per quanto riguarda il linguaggio architettonico che per quanto riguarda la tradizione costruttiva locale. Si tratta di esempi che mettono in luce il modo in cui i modelli elaborati dalla cultura architettonica e tecnica nazionale hanno trovato, in un ambito regionale quale quello siciliano, specifici e originali modi di espressione. Ciò corrisponde ad una delle finalità del programma di ricerca: quella di cogliere la specificità della costruzione italiana del secondo dopoguerra attraverso l'eterogeneità delle declinazioni regionali. Per la gran parte degli edifici selezionati è confermata l'accessibilità agli archivi pubblici e privati in cui sono conservati i materiali progettuali originari, e la possibilità di effettuare sopralluoghi e rilievi diretti degli edifici per poter condurre l'analisi costruttiva e dello stato di degrado. Il lavoro sarà finalizzato, in sintonia con le altre unità di ricerca, all'obiettivo di formare un repertorio di proposte di intervento conservativo secondo le linee strategiche del progetto di ricerca.

Layman's description

LA COSTRUZIONE DELL'ARCHITETTURA IN ITALIA NEL DOPOGUERRA (1945-65). MODI E TECNICHE DI CONSERVAZIONE E RECUPERO
StatoFinito
Data di inizio/fine effettiva2/9/072/8/09