La liquidazione dell’attivo: tutela dei creditori e dei valori di impresa

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Description

La legge fallimentare del 1942 prevedeva come conseguenze del dissesto la cessazione dell’attività d’impresa e la liquidazione del suo patrimonio; e ciò in connessione al modello di mercato liberista, tenuto presente dal legislatore storico nel formulare la normativa concorsuale. Reputando che, in un’economia liberale, fosse opportuno escludere dal mercato l’impresa insolvente e allocare le sue risorse presso altre imprese, capaci di utilizzarle in maniera più efficiente, non si avvertiva ancora l'esigenza di procedure di risanamento e di liquidazione idonee alla conservazione dei valori di impresa.Il legislatore della riforma fallimentare, preso atto che l’impianto normativo della disciplina delle procedure concorsuali aveva progressivamente perso la sua aderenza al modello di mercato invalso, ha perciò emanato due provvedimenti di estrema rilevanza: dapprima, la legge 14 maggio 2005, n. 80 (c.d. “miniriforma”), che ha modificato le norme in tema di revocatoria fallimentare e concordato preventivo; poi, il d.lgs. 17 gennaio 2006, n. 5, recante una riforma organica delle procedure concorsuali (da ultimo emendata e integrata con il d.lgs., 12 settembre 2007, n. 169). Tali provvedimenti appaiono orientati da una prospettiva nettamente differente da quella tradizionale, giacché il proposito delle nuove procedure non sembra più quello di eliminare le “imprese malate” per assicurare il risanamento dell’economia, ma all’opposto quello di tutelare, ove possibile, la conservazione dei complessi aziendali (o del relativo valore combinato) al fine di garantire la maggior soddisfazione possibile dei creditori. È indubbia, perciò, la presa d’atto che la cessazione dell’attività e la liquidazione del patrimonio dell’impresa non sempre sono il mezzo più adeguato per la tutela dei soggetti a vario titolo esposti all’insolvenza di un im-prenditore; lo stesso scopo può essere a volte meglio conseguito attraverso strumenti diversi, effettivamente corrispondenti agli interessi dei creditori o degli altri interlocutori che ruotano attorno all’impresa.Il nuovo orientamento sotteso all’elaborazione della normativa concorsuale è particolarmente evidente nella disciplina, recentemente riformata, della liquidazione dell’attivo – e del programma di liquidazione in particolare – dove si possono riscontrare gli assi portanti della riforma.Centrale – nell’impianto della nuova disciplina – appare l’idea secondo cui la liquidazione dell’attivo implica anche un’attività di amministrazione/gestione da parte del curatore, nel senso di programmazione, pianificazione, ponderazione degli interessi, valutazione e scelta fra le alternative, apprezzamento discrezionale delle opportunità e delle istanze in gioco. Ciò pare peraltro confermato dalla nuova formulazione dell’art. 104-ter, comma primo, l.f. (nella formulazione risultante dal d.lgs, 16 ottobre 2007, n. 169), in cui viene ora espressamente chiarito che il programma di liquidazione “costituisce l’atto di programmazione e di indirizzo in ordine alle modalità e ai termini previsti per la realizzazione dell’attivo”. Al contrario, appare ormai tramontata l’idea più tradizionale secondo la quale la liquidazione del patrimonio del debitore non comporterebbe alcuna attività gestoria da parte del curatore ma solo un’attività vincolata, posta in essere sotto lo stretto controllo dell’autorità giudiziaria.Per questa ragione in dottrina è stato sostenuto che la riforma della legge fallimentare ha attuato una “privatizzazione” delle procedure concorsuali. Il presente progetto si pone l’obiettivo di verificare se e in che termin

Layman's description

Nella nuova disciplina della liquidazione dell’attivo (artt. 104 ter ss., l.fall.) si possono riscontrare tutti gli assi portanti della riforma fallimentare. Più precisamente, dalle predette norme - interpretate anche alla luce delle indicazioni fornite dalla legge delega - emergono i principali motivi conduttori della riforma: 1) il rinnovato ruolo del curatore, cui viene oggi tipicamente riconosciuta una funzione cd. “manageriale”; 2) il ruolo centrale, propulsivo e decisorio assegnato al comitato dei creditori (ed il correlato ridimensionamento del ruolo del giudice delegato); 3) la riconfigurazione delle procedure liquidative all’insegna della negozialità (almeno delle forme); 4) le istanze cardine di semplificazione e accelerazione delle procedure.Centrale – nell’impianto della nuova disciplina – appare l’idea secondo cui la liquidazione dell’attivo implica anche un’attività di amministrazione/gestione da parte del curatore, nel senso di programmazione, pianificazione, ponderazione degli interessi, valutazione e scelta fra le alternative, apprezzamento discrezionale delle opportunità e delle istanze in gioco. Ciò pare peraltro confermato dalla nuova formulazione dell’art. 104-ter, comma primo, l.f. (nella formulazione risultante dal d.lgs, 16 ottobre 2007, n. 169), nel quale viene ora espressamente chiarito che il programma di liquidazione “costituisce l’atto di programmazione e di indirizzo in ordine alle modalità e ai termini previsti per la realizzazione dell’attivo”. Al contrario, appare ormai tramontata l’idea più tradizionale secondo la quale la liquidazione del patrimonio del debitore non comporterebbe alcuna attività gestoria da parte del curatore - con le scelte discrezionali che la caratterizzano - ma solo un’attività vincolata, posta in essere sotto lo stretto controllo dell’autorità giudiziaria.Quanto sopra mette in luce come la disciplina della liquidazione dell’attivo introdotta dalla recente riforma, per il carattere di assoluta novità e per la rilevanza delle modifiche normative apportate, meriti un attento approfondimento, onde valutarne l’effettivo impatto sul complessivo impianto delle procedure concorsuali.In particolare, il presente progetto si pone l’obiettivo di verificare se e in che termini, alla luce delle nuove norme, si possa effettivamente parlare di “privatizzazione” delle procedure concorsuali (come parte della dottrina ha sostenuto), nonché, per quel che più ci interessa, della liquidazione dell’attivo fallimentare, come strumento di tutela degli interessi dei creditori. La questione non ha rilevanza meramente teorica, posto che l’accoglimento dell’una o dell’altra soluzione comporta significative conseguenze sotto il profilo della disciplina applicabile, ogniqualvolta le norme fallimentari non dettino regole specifiche; come avviene, in particolare, per quel che concerne gli effetti degli atti liquidativi posti in essere dal curatore in esecuzione del programma di liquidazione (ad es. vendita di azienda o di ramo d’azienda, cessione di beni individuabili in blocco, etc.).Stando alla dottrina che si è pronunciata sul tema, il termine “privatizzazione” in questo campo si colora di due differenti – ma correlati - significati: a) privatizzazione del ruolo e dei contenuti del programma di liquidazione; b) privatizzazione delle tecniche liquidative (sotto il profilo delle forme e degli effetti).a) privatizzazione del ruolo e dei contenuti del programma di liquidazione: in questa prospettiva s’inseriscono le considerazioni, già anticipate, circa il nuovo e potenziato ruolo del curatore fallimentare e, so
StatoFinito
Data di inizio/fine effettiva9/22/089/21/09