Interazioni tra funghi e piante ospiti in ambiente mediterraneo

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Description

Nei diversi ecosistemi agrari e forestali, le piante convivono con vari microrganismi che possono svolgere funzioni differenti.
Gli endofiti fungini, in particolare, possono avere nei confronti della pianta ospite un ruolo mutualistico se, oltre a trovare in essa riparo e nutrizione, la proteggono dai patogeni, o esplicare un'attività antagonistica quando ne accentuano l'eventuale deperimento in atto. A tale proposito, in piante forestali ed agrarie, sane o deperienti saranno condotte indagini mirate all'individuazione della flora fungina associata e alla tipologia d'interazione ospite-micete.

Layman's description

Le osservazioni saranno rivolte all'individuazione ed identificazione dei funghi endofiti in piante mediterranee apparentemente sane e/o deperienti; sarà valutata, inoltre, l'eventuale fluttuazione temporale d'isolamento dei diversi microrganismi fungini allo scopo di accertare il loro ruolo nei confronti del differente substrato e dell'ambiente.
Tali studi potranno fornire utili indicazioni sulla biologia dei microrganismi endofiti, sulla natura del loro rapporto con l'ospite e definire, nel contempo, alcuni aspetti dell'epidemiologia dei deperimenti sui quali basare la scelta delle più appropriate strategia di difesa.
Lo studio prevede indagini epidemiologiche e saggi "in vitro" d'isolamento ed identificazione. In particolare, nella località oggetto d' indagine sarà delimitata una parcella comprendente piante asintomatiche e sintomatiche, della stessa specie vegetale; si procedrà, quindi, al calcolo dell'indice di deperimento degli ospiti sintomatici, facendo riferimento ad una scala di gravità dei sintomi. Dalle piante, oggetto d'inadgine, nel periodo compreso tra la schiusura delle gemme e la caduta delle foglie, saranno prelevati, mensilmente, rametti dell'anno in corso, gemme e foglie. I campioni, opportunamente sezionati in laboratorio, saranno in parte disinfettati superficialmente ed impiegati per l'allestimento di camere umide, in parte sottoposti a saggi d'isolamento. Utilizzando una cappa a flusso laminare, porzioni di rametti saranno sterilizzati mediante immersione in acqua ossigenata al 10% per 15 minuti; lo stesso trattamento, ma limitato a 5 minuti, sarà invece effettuato sui frammenti provenienti da gemme e foglie.I campioni posti ad asciugare su carta da filtro, a temperatura ambiente, saranno seminati sterilmente in piastre Petri, contenenti Agar-malto, addizionato con streptomicina (0,06g/l)al fine di impedire l'eventuale sviluppo di colonie batteriche. Le piastre, così allestite, poste ad incubare per 1-2 settimane in termostato alla temperatura di 22-23°C saranno controllate ,giornalmente,allo stereomicroscopio per accertare lo sviluppo di colonie fungine endofitiche. Queste ultime, così come quelle sviluppatesi in camera umida, saranno allevate in purezza ed identificate sulla base dei caratteri macro e microsporici, rilevati mediante l'impiego di un microscopio confocale. La frequenza d'isolamento di ogni taxon fungino endofitico sarà valutata applicando la formula: FI=Ni/Nt x 100, dove Ni rappresenta il numero dei frammenti ottenuti dai diversi organi dai quali verrà isolato il micete, mentre Nt il numero totale dei frammenti esaminati.
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/05 → …

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.