Il funzionamento psicologico del bambino con cardiopatia congenita e dei suoi genitori: tra compromissioni e risorse

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Description

La ricerca si identifica come percorso di assessment (Andrews, Saklofske, Janzen, 2001) su specifiche dimensioni del funzionamento psicologico del bambino con cardiopatia congenita e dei suoi genitori, e viene condotto secondo l’attuale prospettiva della psicologia dello sviluppo che tende a studiare, nelle condizioni di rischio evolutivo, non solo le compromissioni, ma anche i fattori di resilienza (Cyrulnik, 2005). In particolare, viene focalizzato il possibile rapporto tra specifiche caratteristiche del funzionamento psicologico dei genitori e caratteristiche evolutive del bambino cardiopatico. Lo studio, condotto secondo una prospettiva esplorativa, vuole rispondere alle richieste di informazioni relative a tale rapporto, che i cardiologi pediatrici oggi pongono, in quanto, dalla configurazione di questo rapporto dipende, spesso, la natura della qualità della vita, del bambino prima e dell’adulto poi, nei casi di cardiopatie congenite. Si tratta di una richiesta che non trova dati specifici nella letteratura del settore (Careddu et al., 2002; Chen et al., 2004; Green, 2004; Spijkerboer et al., 2007); all’interno di questa, infatti, si dispone di contributi di ricerca che si limitano, quasi sempre, allo studio analitico di specifici comportamenti del bambino e/o del sistema familiare. La natura correlazionale del percorso di ricerca, consente di considerare il rapporto tra fattori di funzionamento psicologico del genitore e del bambino come variabile che orienta percezioni, atteggiamenti e comportamenti di quest’ultimo. Se è vero che numerose risultano le compromissioni connesse alle cardiopatie congenite relative alle diverse dimensioni di sviluppo del bambino, è pur vero che la natura del rapporto tra queste dimensioni e la competenza genitoriale, definisce “condizioni pediatriche” diverse, sia nell’infanzia che nell’adolescenza,. In tal senso, le compromissioni individuate dalla letteratura per quanto attiene al piano psicomotorio (Chen et al., 2004) (riduzione della vitalità e dell'esplorazione del mondo, etc…) potrebbero essere correlate a specifici profili di personalità della coppia genitoriale e ad una percezione che questa ha della propria competenza nella gestione del ruolo. Tutto ciò potrebbe essere rilevato, anche, per quanto attiene al piano cognitivo della rappresentazione di sé, laddove, per esempio, una rappresentazione che il bambino ha di se stesso in termini di fragilità e di incompetenza, così come, di assenza di energia fisica e mentale e di poca attenzione alla relazione con l’altro, potrebbe risultare associata ad una rappresentazione di sé, da parte del genitore, in termini di fragilità e di incompetenza rispetto alla gestione del proprio ruolo genitoriale. La possibilità di esplorare queste correlazioni consente al percorso di ricerca di costituire un assessment funzionale, anche, alla definizione di interventi di supporto e di accompagnamento dell’intero nucleo familiare nelle condizioni di cardiopatia congenita.

Layman's description

Obiettivo: Studiare il rapporto tra livelli e piani di sviluppo delle dimensioni evolutive del bambino con cardiopatia congenita e specifiche dimensioni evolutive del genitore

Ipotesi:
1. Verificare se esistono correlazioni statisticamente significative tra la struttura di personalità e la rappresentazione di sé del bambino con cardiopatia congenita e la struttura di personalità e la percezione della competenza genitoriale da parte dei genitori.
2. Verificare se esistono differenze statisticamente significative nel rapporto studiato in relazione alla tipologia di cardiopatia congenita

Metodologie
Per la verifica delle ipotesi, la ricerca prevede il coinvolgimento di un gruppo costituito da 100 bambini affetti da cardiopatia congenita complessa e dal gruppo costituito dai relativi genitori. L’individuazione di tali soggetti avverrà all’interno delle U.O. di Cardiologia Pediatrica di presidi ospedalieri di città del territorio regionale (Palermo e Catania) in funzione di specifici criteri. Per quanto attiene al gruppo dei bambini, tali criteri di reperimento vanno rintracciati in:

- età compresa tra gli 8 e gli 11 anni

- presenza di una cardiopatia congenita complessa

- assenza di sequele neurologiche importanti (minima riduzione della capacità di apprendimento)

- assenza di sindromi genetiche

Per quanto attiene, invece, al reperimento dei genitori i criteri vanno rintracciati in:

- essere genitore di un bambino con cardiopatia congenita complessa e di età compresa tra 8 e 11 anni

- età compresa tra i 20 e i 40 anni



La ricerca si caratterizza, rispetto alla metodologia, secondo un disegno within subject; in tal senso, per la verifica delle ipotesi indicate, verranno utilizzati: prove psicometriche, strumenti semiproiettivi e tecniche di osservazione. Nello specifico, per quanto attiene all’indagine con i bambini:

- il Big Five Questionnaire Children (Barbaranelli, Caprara, Rabasca, 1998), per esplorare, nei bambini con patologie cardiache, specifici indicatori relativi alla personalità (energia, amicalità, coscienziosità, stabilità emotiva, apertura mentale)

- il Disegno della figura umana, secondo la procedura di Royer (1979), per esplorare, nei bambini con patologie cardiache, specifici indicatori della percezione del corpo che rappresentino fattori di compromissione o fattori di risorsa



Per quanto attiene, invece, all’indagine con i genitori, è prevista l’applicazione dei seguenti strumenti:

- un Q-Sort (Stephenson, 1953; Perricone Briulotta, 2003) sulla competenza genitoriale, quale specifico strumento di auto-osservazione rivolto ai genitori per indagare la loro percezione sulla competenza genitoriale. Lo strumento, che è stato costrutio secondo i criteri suggeriti dalla procedura standard per il Q-Sort, è attualmente in corso di validazione su campione europeo

- Il Big Five Questionnaire II (Caprara, Barbaranelli, Borgogni, Vecchione, 2007), per esplorare specifici fattori di personalità (energia, amicalità, coscienziosità, stabilità emotiva, apertura mentale) nei genitori dei bambini con cardiopatia congenita



Si effettueranno analisi statistiche di tipo parametrico e non, e nello specifico, il trattamento dei dati prevede l’applicazione di test correlazionali e analisi della varianza. Inoltre, il trattamento dei dati prevederà un confronto integruppo in relazione alle seguenti variabili strutturali:

- sesso del bambino

- età del bambino

- sesso del genitore

- età del genitore

- familiarità rispetto alla cardiopatia
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/07 → …

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.