Il controllo sull'equilibrio contrattuale tra codice civile e discipline di fonte comunitaria

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Description

La ricerca si propone una preliminare verifica delle fonti, in particolare di quelle extracodicistiche - segnatamente le norme che nel Codice del Consumo e fuori hanno recepito le direttive comunitarie in materia di contratti - nelle quali compaiono tecniche di controllo, anche in itinere, del contenuto del contratto, e dell'equilibrio, normativo ancor prima che economico, delle posizioni delle parti, accompagnate spesso da rimedi in funzione di recupero della corrispettività e/o riequlibrio delle posizioni. Di seguito, l'attenzione sarà rivolta ad indagare la natura delle tecniche e dei rimedi in parola, onde verificarne la portata sistematica , vale a dire la coerenza con i principi che presiedono nella nostra tradizione giuridica al rispetto del sinallagma contrattuale ovvero gli elementi di novità nella direzione di un profilarsi, nella disciplina del contratto, di una tensione verso obiettivi di c.d. giustizia contrattuale. L'indagine, da questo profilo, si gioverà di elementi di comparazione, avuto riguardo sia a soluzioni già consolidate o emergenti in altri ordinamenti europei, sia a regole di c.d. lex mercatoria consegnate, ad esempio, ai Princìpi Unidroit.

Layman's description

Obiettivo della ricerca é quello di contribuire a fare chiarezza sulla pretesa presenza, nell'ordinamento interno e sia pure sotto la spinta di norme comunitarie, di una inedita attenzione verso finalità di giustizia contrattuale, che vedrebbero la legge - direttamente o, più spesso, per il tramite dell'intervento del giudice - farsi controllore dell'equilibrio "sostanziale" della posizione delle patti, scrutinata sotto il profilo economico e di diritti ed obblighi, e, soprattutto, farsi artefice di una sorta di manipolazione/correzione del programma contrattuale in funzione equitativa. Il tema coinvolge la lettura di regole apparse nel diritto europeo dei contratti, anche fuori dell'area dei contratti dei consumatori, ma anche la considerazione delle implicazioni sul piano sistematico di rimedi noti ( esempio riscoluzione per eccessiva onerosità sopravvenuta; riduzione in via equitativa della penale eccessivamente onerosa) e del ricorso all'equità e, soprattutto, del ruolo del giudice. Nell'alternativa che lo vede (tradizionalmente) organo super partes di applicazione delle regole scritte piuttosto che "terzo contraente", mediatore/amministratore del conflitto, secondo più recenti auspici della dottrina (anche straniera e specie anglosassone) e aperture forse incontrollate della nostra giurisprudenza. L'indagine, quanto alla metodologia, si gioverà di un approccio giuridico-economico e socio-giuridico e, in particolare, del metodo comparatistico.
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/07 → …

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.