Gestione dei sistemi idrici in condizioni di scarsità di risorse

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Layman's description

La disponibilità della risorsa idrica oggi è una delle maggiori preoccupazioni a livello internazionale. La domanda globale di acqua potabile è in aumento mentre la sua reperibilità diminuisce. L’acqua sta quindi diventando un bene sempre più prezioso, non solo nei paesi in via di sviluppo, ma anche in quelle zone in cui storicamente l’approvvigionamento idrico non è mai stato un problema. In Italia, ad esempio, centri abitati anche di notevoli dimensioni sono costretti a fronteggiare periodicamente, soprattutto nei periodi estivi, situazioni di emergenza e di razionamento idrico. Tali scenari sono da imputarsi sia all’incremento dei fabbisogni idrici, in particolare per gli usi civili, sia alla difficoltà di reperimento di nuove fonti di approvvigionamento, sia soprattutto a significative percentuali di perdite idriche conseguenti ad una serie di carenze strutturali, gestionali e di manutenzione (ordinaria e straordinaria) dei sistemi idrici. In particolare, relativamente alle perdite idriche, l’anello debole del sistema idrico è rappresentato dalle reti di distribuzione in ambito urbano. A fronte di perdite fisiologiche stimate intorno al 20%, in Italia la percentuale di “acqua non fatturata”, costituita da perdite reali e da perdite apparenti, quest’ultime dovute a imprecisioni degli strumenti di misura, furti e usi autorizzati ma non fatturati, è mediamente superiore al 40% dell’acqua immessa in rete. Tale percentuale, soprattutto nelle regioni meridionali, raggiunge anche valori superiori. Le ricadute economiche e ambientali di un così notevole tasso di perdita sono evidenti. Una rete di distribuzione senza perdite è un obiettivo irrealizzabile, sia tecnicamente che economicamente, ma ogni gestore dovrebbe conoscere il livello di efficienza del proprio sistema, calcolare le perdite economicamente ammissibili ed attuare un programma di gestione che gli consenta di raggiungere e mantenere livelli di efficienza ottimali per il servizio. A tal fine è fondamentale che il gestore abbia coscienza delle cause e delle modalità con cui l’acqua viene dispersa nel propria rete e possa valutare le componenti più significative di tali perdite. In tal modo, in base alle reali problematiche presenti nell’acquedotto in esame, sarà possibile stabilire delle priorità di intervento e definire quindi le procedure operative e le tecnologie da applicare per rendere più efficiente la rete di distribuzione idrica. Per raggiungere tali obiettivi il gestore può dotarsi di un modello di simulazione idraulica che, insieme con un efficace monitoraggio della rete, gli consenta di avere un quadro conoscitivo ben chiaro del reale funzionamento del sistema di distribuzione, dei consumi e delle perdite, e gli sia di supporto alle sue scelte gestionali e di pianificazione. È in questo contesto che si inserisce il progetto proposto. In particolare, nel corso del primo anno si prevede di mettere a punto un metodo per l'analisi e gestione delle perdite apparenti, che assumono caratteri di rilievo in presenza di serbatoi privati. L’attività di ricerca prevede poi l’implementazione di un modello idraulico in grado di simulare le reti di distribuzione urbana in condizioni di scarsità idrica. Queste condizioni sono peculiari in regioni aride o semi aride e richiedono spesso l’adozione di una gestione turnata del servizio di distribuzione inducendo l’utente a dotarsi di serbatoi privati. Tali volumi di accumulo, spesso sovradimensionati, causano problemi nella gestione della rete sia in termini di allocazione della risorsa tra la popolazione sia di perdite idriche che di qualità. Il modello si propone quindi di simulare il comportamento della rete in diverse condizioni di funzionamento, e di analizzare gli effetti della presenza di serbatoi privati, di impianti di sollevamento, di valvole di riduzione della pressione e di pompe come turbine. Il modello potrà es
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/12 → …

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.