Frequenza di T linfociti CD4+CD28null nel sangue periferico di soggettti con ictus ischemico acuto. Associazione con il sottotipo TOAST e con il deficit neurologico nella fase acuta.

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Layman's description

Le cellule T CD4+CD28 null sono funzionalmente distinte dalle classiche cellule CD4 T helper sia nel fenotipo che nella funzione. Infatti queste cellule sono citotossiche e capaci di uccidere le cellule endoteliali in vitro.
Le cellule T CD4+CD28null esprimono in maniera variabile recettori della famiglia KIR, che appartengono ad una famiglia multigenica costituita da 13 geni codificati all’interno del cosiddetto “ Leukocyte receptor comples ( LRC)” sul cromosoma 19q13 e vengono espresse sulle cellule NK ed anche sulle cellule T. Gli aplotipi differiscono marcatamente nel numero di geni, in aggiunta sono possibili polimorfismi .
A causa delle differenze nel numero di geni e del polimorfismo distintivo dei singoli geni, la regione genica dei recettori KIR mostra una elevata variabilità nei singoli individui. Quattordici diversi recettori KIR sono stati identificati negli esseri umani, che contengono due o tre domini Ig-simili nella loro regione extracellulare. Otto sono i recettori KIR tipo inibitorio e sei sono di tipo attivante. Ogni gene è noto per essere polimorfo e le sostituzioni negli alleli KIR non sono limitate a un particolare settore o regione, e si verificano in modo casuale nella regione codificante. Il polimorfismo allelico può influenzare l'espressione del recettore KIR ligando e specificità. Fenomeni di “ shuffling” ed “intergenic recombinations” sono comuni a livello delle sequenze geniche KIR.. I recettori KIR attivanti di solito hanno una porzione citoplasmatica breve (2DS1, 2DS2, 2DS3, 2DS4, 2DS5, 3DS1), mentre quelli inibitori hanno una porzione citoplasmatica lunga (2DL1, 2DL2, 2DL2, 3DL1, 3DL2, 3DL3).
Molte delle manifestazioni acute dell’aterosclerosi come l’angina pectoris, la morte cardiaca improvvisa, l’infarto del miocardio, l’ictus ischemico su base aterotrombotica rappresentano complicazioni della aterosclerosi a livello delle possibili sedi vascolari interessate ( arterie coronarie, arterie epicraniche ed intracerebrali). Lo sviluppo di un difetto tessutale sulla superficie dell’ateroma è un evento che conduce alla formazione di una trombosi ed alla improvvisa occlusione della arterie interessata e quindi all’evento acuto.
Alcuni studi hanno indicato come i pazienti con sindrome coronarica acuta (angina instabile) possano venire distinti dai soggetti di controllo sani e dai pazienti con angina stabile in relazione alla incrementata frequenza di “subset” di elementi cellulari CD4+espansi su base oligoclonale nel sangue periferico e che abbiano perso la espressione della molecola co-stimolatoria CD28. E’ stata inoltre riportata nei soggetti con sindrome coronarica acuta una espressione preferenziale dei recettori atttivanti KIR2DS2 ed una pressocchè assenza dei loro omologhi inibitori KIR2DL2 e KIR2DL3. Nessuno studio ha finora valutato il ruolo delle cellule CD4+CD28 null, dei recettori KIR e dei loro aplotipi nelle complicanze cerebrali della aterosclerosi ed in particolare nessuno studio, a nostra conoscenza, è stato finora indirizzato alla caratterizzazione dei subset di cellule T a livello del sangue periferico dei soggetti con eventi cerebrovascolari ischemici acuti.
Obiettivo dello studio : Valutazione in soggetti con ictus ischemico della frequenza a livello periferico di “subset” di cellule T CD4+espanse su base oligoclonale, della espressione dei recettori KIR su questi elementi cellulari e della distribuzione dei relativi aplotipi dei geni per i recettori KIR in relazione al sottotipo TOAST di ictus ischemico e della gravità di presentazione clinica dell’ictus ischemico e dell “outcome al follow-up.
Materiali e metodi
Verranno arruolati tutti i soggetti consecutivi ricoverati con una diagnosi di ictus ischemico acuto presso i centri di arruolamento ( UOC di Medicina Interna e Cardioangiologia ed UOC di Medicina Vascolare del Dipartimento Biomedico di Medicina Interna e Specialistica dell’A
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/12 → …

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.