Effetti dell'esposizione prenatale a stress singolo e ripetuto sul comportamento emozionale e sulle capacità cognitive di ratti di ambo i sessi, adolescenti, adulti e anziani. Valutazione del ruolo del corticosterone e dei neurosteroidi.

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Description

I glucocorticoidi e i neurosteroidi, come il deidroepiandrosterone (DHEA), il pregnenolone (PREG), e i loro composti solfati, sono secreti in risposta allo stress, condizione in grado di elevare l’attività fisiologica dell’asse Ipotalamo-Ipofisi Surrene (IIS) (1). Questo sistema può generare risposte funzionalmente adattative in seguito a stress acuti (2), laddove può determinare al contrario, l’insorgenza di stati patologici, in seguito a stress ripetuti. In particolare, stimoli stressogeni durante la vita intrauterina inducono modificazioni neurochimiche e funzionali in relazione allo sviluppo dei sistemi neuronali della prole. I meccanismi attraverso cui uno stress somministrato alla madre determina effetti neuroendocrini e comportamentali nella progenie sono verosimilmente rappresentati dall’innalzamento dei livelli dei glucocorticoidi materni. Invero, il cervello costituisce uno dei target dei modulatori della risposta allo stress: il corticosterone e i suoi metaboliti, attraverso il legame con specifici recettori intracellulari, esercitano effetti sui sistemi neurotrasmettitoriali e trascrizionali in grado di alterare in maniera permanente, e sesso dipendente, la funzionalità dell’asse IIS della prole(5). I neurosteroidi PREGS e DHEAS, agendo come modulatori allosterici negativi del recettore GABAA e positivi sul recettore NMDA, e come agonisti del recettore sigma1, posseggono attività ansiolitica, antiamnesica, neuroprotettiva e facilitatoria sui processi cognitivi (6,7).
Date queste premesse il nostro progetto di ricerca si rivolge all’individuazione degli effetti dell’esposizione prenatale singola e ripetuta a stress da immobilizzazione, durante l’ultima settimana di gestazione, sull’emozionalità, su apprendimento e memoria nella progenie di ratto in età adolescenziale, adulta e anziana di ambo i sessi. Valuteremo inoltre: i livelli endogeni di corticosterone, e di PREGS e DHEAS, nelle varie fasi della vita degli animali ; gli effetti della somministrazione di PREGS e DHEAS sulle capacità di apprendimento e memoria degli animali. I risultati di tale ricerca potranno fornire nuovi elementi per la comprensione degli effetti neuroendocrini e comportamentali indotti dall’attivazione, adattativa o disfunzionale, dell’asse IIS in relazione all’esposizione a stress durante la vita intrauterina, nella progenie di ratto di ambo i sessi. e indicazioni su possibili strategie terapeutiche in grado di intervenire su deficit emozionali e cognitivi generalmente associati all’invecchiamento.

Layman's description

Obiettivi

Il nostro progetto di ricerca si rivolge all’individuazione degli effetti dell’esposizione prenatale singola e ripetuta a stress da immobilizzazione, durante l’ultima settimana di gestazione, sull’emozionalità, su apprendimento e memoria nella progenie di ratto in età adolescenziale, adulta e anziana di ambo i sessi. Valuteremo inoltre:
1)i meccanismi sottostanti le variazioni indotte dall’esposizione prenatale alle procedure di stress attraverso la somministrazione di metirapone, un composto in grado di interferire con la sintesi del corticosterone;
2)i livelli endogeni di corticosterone, e di PREGS e DHEAS, nelle varie fasi della vita degli animali e i meccanismi sottostanti la loro modulazione da parte dell’asse IIS;
3)gli effetti della somministrazione di PREGS e DHEAS sulle capacità di apprendimento e memoria degli animali.
I risultati di tale ricerca potranno fornire nuovi elementi per la comprensione degli effetti indotti dall’attivazione, adattativa o disfunzionale, dell’asse IIS in relazione all’esposizione a stress durante la vita intrauterina, sull’assetto neuroendocrino e sulle risposte comportamentali della progenie di ratto di ambo i sessi, durante l’arco della vita. Questo studio potrà inoltre fornire indicazioni su possibili strategie terapeutiche in grado di intervenire sul precoce instaurarsi, in seguito all’esposizione a stress in età prenatale, di deficit emozionali e cognitivi generalmente associati all’invecchiamento.

Metodologie

Modalità di Esecuzione
Il progetto di ricerca “Effetti dell'esposizione prenatale a stress singolo e ripetuto sul comportamento emozionale e sulle capacità cognitive di ratti di ambo i sessi, adolescenti, adulti e anziani. Valutazione del ruolo del corticosterone e dei neurosteroidi” si avvarrà dell’impiego di tecniche sperimentali atte allo studio del comportamento animale, allo studio del rilascio dei neurosteroidi , e al dosaggio del corticosterone e dei neurosteroidi solfato

Studi comportamentali
Open field. Valutazione dell’attività locomotoria ed esplorativa
Elevated Plus Maze : valutazione dell’attività esplorativa in situazioni avversative
Acustic Startle Reflex: valutazione dello stato emozionale dell’animale in seguito a stimoli sonori avversativi
Forced Swimming Test: valutazione comportamentale simil depressiva dell’animale
Can Test: valutazione delle capacità di apprendimento e memoria in assenza di stimoli avversativi

Esperimenti di rilascio
Gli studi di rilascio di PREGS, DHEAS, verranno eseguiti attraverso le seguenti tecniche:
Rilascio in vivo da sinaptosomi di aree cerebrali di ratto attraverso tecniche di perfusione
Rilascio in vivo da fettine di aree cerebrali di ratto attraverso tecniche di incubazione

Procedure di estrazione.
I campioni di plasma verranno estratti secondo protocollo (1) e purificati attraverso cromatografia su colonna. Il tessuto cerebrale sarà omogenizzato e purificato a 4°C e la frazione steroidea sarà portata ad essicamento sotto una corrente di azoto (2).

Dosaggi
I campioni verranno analizzati con tecnica RIA
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/05 → …

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.