Effetti dell’acidificazione degli oceani su comunità bentoniche intertidali, con particolare riferimento ai reef a Vermeti.

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Layman's description

Previsioni IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) rivelano che se il livelli di emissioni di CO2 antropogenica rimarranno costanti nei prossimi anni, si registrerà una ulteriore riduzione del pH oceanico di 0.3-0.4 unità, con conseguenze gravissime per gli organismi marini. Attualmente esistono pochi dati sugli effetti che l’acidificazione degli oceani può produrre sulla biodiversità marina e sui processi ecologici che intercorrono a livello di comunità. Gran parte dei dati disponibili sono infatti rivolti ad una quantificazione degli effetti futuri della riduzione del pH attraverso esperimenti a breve termine in laboratorio e su singole specie-modello. Coerentemente con quanto osservato attraverso esperimenti puntuali in acquario, un intrigante studio condotto in zone di degassamento di CO2 di origine vulcanica, condotte nell’isola di Ischia, ha rivelato gli effetti drammatici della riduzione del pH sulle comunità bentoniche costiere. La presenza di elevate livelli di pCO2 può causare cambiamenti nella struttura e composizione delle comunità. I risultati indicano una riduzione del 30% del numero di specie laddove il pH si presenta con valori compresi tra 7.8 e 7.9 (concordi con le previsioni fatte per la fine di questo secolo) rispetto ai siti in cui il pH è normale (~8.2). Il gruppo di ricerca propone un sistema sperimentale naturale nel quale le comunità marine sono cronicamente esposte a condizioni di elevata pCO2 ridotto pH e che permetterà di verificare gli effetti dell’acidificazione a lungo termine sulle comunità bentoniche intertidali e sui reef a vermeti. I Reef a vermeti sono biocostruzioni intertidali edificate dal gasteropode Dendropoma petraeum e dall’alga calcarea Neogoniolithon brassicaflorida. Queste biocostruzioni sono presenti esclusivamente in regioni temperato-calde e subtropicali. In Mediterraneo, è ben documentata l’importanza ecologica dei reef a vermeti come deposito di carbonio sottoforma di carbonati, habitat engineer, area di nursery e hotspot di biodiversità, oltre che per una serie di servizi ecosistemici che possono fornire all’uomo come la limitazione dell’erosione delle coste, la regolazione del trasporto e dell’accumulo di sedimenti, o il loro crescente utilizzo per scopi ricreativi e turistici. Lo studio verrà condotto nell’arcipelago Eoliano (Sicilia nord-orientale) dove esistono diverse sorgenti vulcaniche gassose a dominanza di CO2. Nella zona di Vulcano porto (Baia di Levante) sono state effettuate delle misurazioni di tutti i principali parametri chimico-fisici, che mostrano un gradiente di pH superficiale che raggiunge valori tipici dell’acqua di mare (circa 8.2 unità) a oltre 500 metri dalle zone di emissione gassosa più intensa. Il gradiente di pH, compreso tra 6.8 e 8.2 ed estese aree superficiali con pH medio 7.8 (il livello di riduzione previsto dall’IPCC per il 2100), interessa una grande varietà di comunità intertidali e sublitorali. Nel primo anno verranno presi in esame i livelli di biodiversità in comunità mesolitorali nell’Isola di Vulcano. L’obiettivo specifico è l’analisi dei pattern spaziali e temporali in composizione e struttura di comunità bentoniche esposte cronicamente a livelli differenti di pH/pCO2, evidenziando shift nella distribuzione di specie e pattern di biodiversità rispetto ad aree di controllo. Particolare risalto verrà dato ai modelli di distribuzione lungo gradiente di vermetidi e alghe coralline incrostanti, utili per il set up sperimentale del secondo anno di indagine. Nel secondo anno, l’obiettivo è di verificare attraverso esperimenti di trapianto se l’esposizione prolungata a valori di pH ridotti e a variazioni degli indici di saturazione hanno effetti diretti sulle due principali specie biocostruttrici dei reef a vermeti (il gasteropode D. petraeum e l’alga corallina N. brassica-florida) ed indiretti sulla biodiversit
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/12 → …

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.