Dettagli progetto

Layman's description

Il progetto esaminerà i profili della tutela dell'individuo che possono venire in considerazione in relazione all'attività di ricerca e di sperimentazione biomedica e genetica, mettendo insieme per la prima volta (almeno in Italia) le esperienze e le indicazioni di genetisti (accademici, ricercatori, clinici, operatori ecc.) con quelle dei giuristi sia civilisti che penalisti (vista la relatività della distinzione, soprattutto dinanzi a fenomeni interculturali e interdisciplinari). Si intendono valutare, altresì, le esperienze scientifiche attraverso una disamina degli aspetti e dei profili della genetica che abbiano implicazioni giuridiche in riferimento ai diritti umani e dell’etica. Un particolare filone di ricerca sarà poi quello dell'individuazione della responsabilità civile sia in relazione alla genetica che in relazione alla medicina. Quest'ultimo aspetto sarà peraltro particolarmente approfondito da alcuni dei componenti del gruppo per la loro specifica competenza. Il progetto, avvalendosi anche delle concrete esperienze dell’industria biotecnologica, delle assicurazioni e di quanti altri operino di fatto nel settore. mira a coniugare i risultati delle ricerche scientifiche applicate sulla genetica umana con i corrispondenti aspetti giuridici, gli studi di dottrina e la legislazione vigente, con ulteriore riferimento alle risposte della giurisprudenza nazionale e sovranazionale. L'analisi avrà quindi come scopi ultimi da un lato la classificazione e la individuazione delle principali tematiche giuridiche in relazione al fenomeno "genetica" e dall'altro il tentativo di prospettare la concreta fattibilità e validità di risposte giuridiche e normative, anche in chiave sovranazionale, omogenee e armoniche rispetto alle mutate esigenze sociali e tecnologiche e nella prospettiva della globalizzazione. Per quanto attiene al metodo, si procederà all’analisi ed alla valutazione delle tecniche e strategie di regolazione già adottate o auspicabili nella disciplina dei profili indicati. La prospettiva da cui condurre l’analisi si discosterà da quella, di frequente seguita in questo tema, in particolare negli studi di filosofia del diritto. La disamina prescinderà, dunque, da categorie quali Verità, Bene, Natura. Essa, piuttosto, sarà orientata ad un’analisi del diritto positivo in chiave privatistica e penalistica, delle soluzioni proposte in dottrina ed in giurisprudenza e sarà condotta nell'ottica della moderna metodologia comparatistica tenendo in particolare conto, in senso "multi-disciplinare", i suggerimenti e le indicazioni provenienti dalle esperienze dei genetisti, medici, scienziati e pratici, al fin di accentuare il grado di concretezza ed efficacia del diritto. METODO DI LAVORO Il metodo che si intende seguire nella ricerca proposta sarà del tipo: A) DESCRITTIVO – con l’analisi dei diversi fenomeni così come essi si presentano nel nostro ordinamento giuridico ed in quelli stranieri; B) INDUTTIVO – con la ricerca delle cause e dello sviluppo dei fenomeni stessi; con la disamina di alcuni temi specifici e pratici particolarmente interessanti, di casi giurisprudenziali, sia italiani che stranieri, che consentano una illustrazione multiforme e concreta dei fenomeni in analisi; C) DEDUTTIVO – con lo studio delle conseguenze prodotte dal verificarsi dei fenomeni; D) COMPARATIVO – con il confronto fra le soluzioni e le scelte operative adottate nei diversi ordinamenti giuridici a raffronto. LE RICERCHE EFFETTUATE SI ARTICOLERANNO NELLE SEGUENTI FASI: 1) RILEVAZIONE DEI DATI – con la raccolta, classificazione e sistemazione dei dati relativi all’argomento di studio prescelto (raccolta di dati normativi e giurisprudenziali, testi ed articoli della dottrina sia italiana sia straniera). Questa fase di raccolta del materiale straniero sarà svolta anche con la partecipazione degli studiosi sia italiani che stranieri che hanno già offerto la loro collaborazione; 2) ELABO
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/12 → …

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.