Architettura della strada: inventario, casi e prove di progetto sul patrimonio stradale siciliano

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Description

Sappiamo che negli ultimi cinquanta anni, ma soprattutto nei decenni più recenti, la disseminazione degli insediamenti nel territorio europeo è profondamente mutata e soprattutto si è profondamente accresciuta. La grande rapidità delle trasformazioni ha reso necessario l’adeguamento dei sistemi infrastrutturali a tutti i livelli di scala. Così la rete è divenuta più fitta, più articolata e più complessa. Sappiamo anche che nei paesi con una tradizione moderna di studi e di costruzione delle infrastrutture e del paesaggio, come l’Inghilterra, la Francia, la Germania, il problema non è stato affrontato solo in termini di adeguamento funzionale, relativo al traffico, ma come un momento di rifondazione dell’intero sistema a partire dalla sperimentazione di soluzioni innovative.
Al contrario, la monocultura dell’automobile ha prodotto in Italia un’attività di ricerca ed uno sforzo produttivo orientato esclusivamente alla costruzione delle autostrade, - che infatti, insieme agli effetti dell’abusivismo edilizio, sono la trasformazione più rilevante del paesaggio italiano, - facendo dimenticare la complessità e la ricchezza delle tipologie e delle situazioni del restante patrimonio stradale nazionale e regionale. Questa distrazione, oltre che testimoniare dell’assenza di consapevolezza del problema delle reti stradali, come materia centrale per una trasformazione equilibrata della loro intera articolazione, soprattutto in un paese dall’orografia particolare come il nostro, e quindi dell’assenza di una visione d’insieme e di un progetto, ha prodotto una devastante anarchia e assenza di controllo e di sistematicità nelle trasformazioni locali. Il paradosso italiano, come per tante altre questioni, sembra essere sempre il prodotto di un rapporto distorto con una modernizzazione mai portata veramente a termine e mai divenuta metodo e sistema. Esso fa convivere un simbolo ed una funzione della modernità, come quella autostradale, con una completa mancanza di strumenti per affrontare il tema dell’equilibrio del territorio nei suoi aspetti infrastrutturali, di controllo del costruito, del controllo idrogeologico, e del vero e proprio disegno del paesaggio.
Le politiche istituzionali di settore, resti di un impianto burocratico ottocentesco, hanno favorito finora questa anomalia.
L’interesse dell’ANAS per i nostri studi ed il progetto di un Master su L’architettura della strada, ci danno il segno di una sensibilità che incomincia a cambiare ed è con questa speranza che intraprendiamo la nostra ricerca.
StatoFinito
Data di inizio/fine effettiva2/9/072/9/09

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.