APPLICAZIONE DELLE TECNICHE ESR E TL PER UN'ANALISI QUALI-QUANTITATIVA DI ALIMENTI IRRADIATI DI ORIGINE VEGETALE E VALUTAZIONE DELLA CAPACITA' SANITIZZANTE DEL TRATTAMENTO RADIANTE.

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Layman's description

La catena alimentare è una fonte importante di batteri patogeni e non patogeni ed i prodotti vegetali, in quanto alimenti consumati crudi, rappresentano un importante veicolo di infezioni batteriche, virali e protozoarie. I microrganismi contaminanti i prodotti vegetali sono rappresentati prevalentemente da batteri Gram negativi, aventi habitat idrico e terricolo, appartenenti alla famiglia delle Pseudomonaceae e delle Enterobacteriaceae. Durante la crescita,
la raccolta, il trasporto e la manipolazione, i prodotti vegetali possono, anche, essere
contaminati da agenti patogeni di origine umana o animale e le principali cause di contaminazione sono rappresentate da improprie pratiche agricole, come l’irrigazione con acque contaminate e/o l’uso di concimi animali come fertilizzanti. Tra i patogeni presenti sono stati isolati, più frequentemente, Salmonella spp., Shigella spp., E. coli verocitotossici , Listeria monocytogenes e Campylobacter spp..
A tal proposito sono in continua evoluzione strategie finalizzate a prevenire e a ridurne il rischio microbiologico legato al consumo di alimenti e tra le tecnologie di produzione l'irradiazione degli alimenti contro il rischio microbiologico rappresenta sicuramente un approccio innovativo. In particolare, l’irraggiamento che prevede l’uso di radiazioni ionizzanti, quali raggi gamma o fasci di elettroni (di energia tale da non produrre nell’alimento né radioattività indotta, né alterazioni nelle proprietà nutrizionali, né tanto meno effetti tossici) coinvolge un numero sempre maggiore di Paesi e trova applicazione in diverse tipologie di alimenti tra cui i prodotti vegetali. Il trattamento radiante prevede l’uso di dosi non superiori a 10 kGy, che sono in grado di ridurre la flora microbica iniziale, eliminare microrganismi patogeni, aumentando il grado di conservazione e di sicurezza dell’alimento.
In Italia il trattamento degli alimenti e dei loro ingredienti con radiazioni ionizzanti è disciplinato dal DLvo n. 94 del 30 gennaio 2001, che dà attuazione alle direttive comunitarie 1999/2/CE e 1999/3/CE, relative al riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri. A partire dal 20 marzo 2001, tutti gli alimenti irradiati immessi sul mercato devono quindi rispondere alle disposizioni delle suddette direttive. L’art. 13 stabilisce che i prodotti trattati con radiazioni ionizzanti devono riportare in etichetta la dicitura “irradiato” . Le direttive comunitarie hanno inoltre previsto l’adozione di un elenco di prodotti che possono essere trattati con radiazioni ionizzanti. Attualmente è stato stabilito un primo elenco comunitario che autorizza il trattamento di una sola categoria di prodotti: le erbe, le spezie e i condimenti vegetali alla dose massima di 10 kGy. La direttiva comunitaria 1999/2/CE introduce l’importante concetto dei controlli ufficiali che tutti gli Stati membri, indipendentemente dalla circostanza che venga effettuato o meno il trattamento con radiazioni ionizzanti sul proprio territorio, devono espletare. Secondo i dati forniti nel 2011 dall’UE, numerosi Paesi hanno effettuato i previsti controlli. Il 2,8% dei campioni controllati è risultato irradiato ma non correttamente etichettato; sono campioni costituiti essenzialmente da erbe e spezie o alimenti che contengono come componenti tali ingredienti e in piccola parte altre tipologie di vegetali. Questo dimostra chiaramente come il problema della frode alimentare sia attuale e che debba essere opportunamente monitorato. In Italia sono stati effettuati controlli da alcune regioni ma ad oggi in Sicilia non è stato ancora attuato alcun piano di monitoraggio .
Obiettivo della ricerca proposta è quello di:
- Sviluppare metodi di identificazione qualitativi e quantitativi di alimenti irradiati di origine vegetale con lo scopo di fornire un supporto al controllo sugli alimenti vegetali; le tecniche analitiche che verranno applicate sono: la spettroscopia di Riso
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/12 → …

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.