Analisi territoriali tramite applicativi SIT in contesti geotopografici della Sicilia

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Description

Il programma prevede la realizzazione di una cartografia archeologica tematica, basata su una indagine capillare sul terreno, eseguita con il metodo dellaprospezione sistematica e intensiva, una cartografia che non si limiti a registrare solo gli insediamenti antichi per fasi cronologiche, ma che costituisca un vero eproprio sistema informativo territoriale di una data regione nell'antichità, interrogando il quale si possano gestire e rappresentare i tematismi più diversi edeffettuare analisi territoriali complesse.A tal fine si prevede di utilizzare ulteriormente un SIT specificatamente dedicato alla archeologia e alla topografia antica, il sistema "ArcheoSit", già realizzato incollaborazione con la Sysdeco Italia, oltre che le versioni 8.3 e 9.3 di ArcView, oggi l'applicativo universalmente usato per la gestione e la redazione dellacartografia tematica.La base di partenza del progetto è costituita dalle prospezioni archeologiche dei territori di Himera e di Alesa, sulla costa settentrionale della Sicilia e delcomprensorio della villa tardo romana di Cignana (Liciniana) nell'Agrigentino, dove negli anni passati sono state condotte numerose canmpagne di prospezionearcheologica e altre sono in programma nel futuro.Per completare le indagini sul terreno è necessario portare a termine la ricostruzione paleoambientale, i cui studi sono già definiti per il territorio di Imera e in corsoper quello di Alesa, in progetto per Cignana. Le indagini geologiche e le analisi palinologiche sono condotte in collaborazione con il Dipartimento di Geologiadell'Università di Palermo (prof. V. Agnesi), con la prof.ssa Simonetta Monechi del Dipartimento di Scienze della Terra dell'Università di Firenze e con il prof. SimonTroelstra della Vrje Universiteit di Amsterdam.Si passerà quindi all'analisi da telerilevamento, condotta non solo sulle fotografie aeree, ma anche su immagini satellitari, e per il territorio di Alesa su una ripresaappositamente effettuata nell'ambito del progetto LARA del C.N.R., utilizzando il modulo MIVIS (Multispectral Infrared and Visible Imaging Spectrometer), in gradodi registrare contemporaneamente le radiazioni provenienti dalla superficie terrestre nel visibile, nell'infrarosso vicino e nel termico. Utilizzando, inoltre, il softwaredi gestione delle immagini da telerilevamento ZMap, sarà possibile elaborare le riprese aeree e da satellite, sia per il riconoscimento delle tracce di attività umana,sia utilizzando il DEM (Digital Elevation Model), già disponibile per entrambe le aree per sviluppare altre cartografie tematiche. Le analisi da telerilevamento sonocondotte in collaborazione con il Dipartimento di Rappresentazione dell'Università di Palermo (prof. B. Villa).Ci si propone inoltre di elaborare ulteriormente i dati, mediante una serie di interrogazioni del sistema, cercando di comprendere meglio il valore dei risultatiraggiunti negli anni precedenti, mettendo in rapporto la produttività archeologica di ogni formazione con la visibilità del suolo e con i caratteri morfologici dellastessa e le condizioni del ritrovamento; si elaboreranno in tal modo una serie di analisi statistiche, punto di partenza per il riconoscimento del ruolo che i fattoriambientali, ma anche quelli economici, politici o religiosi, hanno avuto sulle scelte insediative delle comunità umane.Il confronto tra le tracce di attività umana e dell'insediamento, registrate nella carta archeologica, e i diversi aspetti del territorio indagato, rappresentati nelle carteelencate e evidenziati dalle analisi territoriali, permetterà di comprendere il significato st

Layman's description

Il programma prevede la realizzazione di una cartografia archeologica tematica, basata su una indagine capillare sul terreno, eseguita con il metodo dellaprospezione sistematica e intensiva, una cartografia che non si limiti a registrare solo gli insediamenti antichi per fasi cronologiche, ma che costituisca un vero eproprio sistema informativo territoriale di una data regione nell'antichità, interrogando il quale si possano gestire e rappresentare i tematismi più diversi edeffettuare analisi territoriali complesse.Scopo del programma è, pertanto, la messa a punto di una nuova cartografia archeologica, che sia gestita e interagisca con la geomorfologia, la pedologia,l'ambiente naturale e la distribuzione delle risorse nell'area di studio. Interrogando l'archivio cartografico e quello schedografico, in cui sono conservati tutti i dati acarattere archeologico e storico, si potranno ottenere risposte, che da un lato consentano di approfondire l'interpretazione storico-topografica dei dati archeologici edi ricognizione, dall'altro di acquisire informazioni utili per la redazione di ulteriori carte tematiche. A loro volta i nuovi tematismi permetteranno nuoveinterrogazioni e nuove risposte.A tal fine si prevede di utilizzare ulteriormente un SIT specificatamente dedicato alla archeologia e alla topografia antica, il sistema "ArcheoSit", già realizzato incollaborazione con la Sysdeco Italia, ditta specializzata nella produzione e nella gestione di sistemi informativi territoriali, oltre che le versioni 8.3 e 9.3 di ArcView,oggi l'applicativo universalmente usato per la gestione e la redazione della cartografia tematica.La base di partenza del progetto è costituita dalle prospezioni archeologiche dei territori di Himera e di Alesa, sulla costa settentrionale della Sicilia e delcomprensorio della villa tardo romana di Cignana (Liciniana) nell'Agrigentino. Negli anni passati è stata completata la ricognizione dell'area compresa tra i fiumiImera e Torto e lungo la media e alta valle dell'Imera e nell'ambito di questo progetto si prevede di completare la prospezione della alta valle del fiume Torto e quelladella valle del fiume S. Leonardo; mentre nel territorio di Alesa è stata prospettata l'area immediatamente gravitante sulla città, sul versante occidentale della valledel fiume di Tusa e una parte della zona di alta collina a monte del centro urbano. Nel comprensorio di Cignana è stata già condotta una campagna di prospezionearcheologica nel 2007 e altre sono in programma per gli anni 2008-2009.Per queste aree (valle del Torto, S. Leonardo, Alesa, Cignana) ci si servirà delle esperienzematurate negli anni passati nella redazione della cartografia computerizzata della valle dell'Imera e del SIT della valle del Torto, già realizzati.Per completare le indagini sul terreno è necessario portare a termine la ricostruzione paleoambientale, i cui studi sono già definiti per il territorio di Imera e in corsoper quello di Alesa, in progetto per Cignana. Essi prevedono indagini geomorfologiche delle valli e dei terrazzi fluviali, per l'esatto riconoscimento delle fasi dialluvione e di aggradazione dei fiumi, processi messi in rapporto da alcuni studiosi non solo con i cambiamenti climatici, ma anche con l'attività umana. Inoltre,verrà condotto anche lo studio micromorfologico e pedologico dei suoli, insieme con analisi palinologiche e analisi fisiografiche e con la ricostruzione storica dellavegetazione, partendo dalla vegetazione attuale endemica e residuale. Le indagini geologiche e le analisi palinologiche sono condotte in collaborazione con ilDipart
StatoFinito
Data di inizio/fine effettiva9/22/089/22/10