Analisi della struttura trofica degli ecosistemi costieri di transizione mirata alla valutazione del disturbo sostenibile

Progetto: Research project

Description

Questa ricerca si propone di studiare le reti trofiche ed i percorsi della materia organica e dei contaminanti attraverso l’applicazione di tecniche basate su traccianti quali gli isotopi stabili di carbonio ed azoto per contribuire alla valutazione dello stato ecologico di ambienti di transizione. In particolare, si pensa di fornire un contributo anche nell’ampliamento delle conoscenze sull’ecologia trofica di ecosistemi costieri attraverso metodi avanzati ed integrabili (isotopi stabili-contaminanti ambientali) per l’individuazione dell’impatto e della contaminazione antropica con obiettivo ultimo di valutare la relazione tra indicatori relativi al funzionamento ecosistemico ed il livello del disturbo antropico.

Layman's description

Questa ricerca si propone di studiare le reti trofiche ed i percorsi della materia organica e dei contaminanti attraverso l’applicazione di tecniche basate su traccianti quali gli isotopi stabili di carbonio ed azoto per contribuire alla valutazione dello stato ecologico di ambienti di transizione. In particolare, si pensa di fornire un contributo anche nell’ampliamento delle conoscenze sull’ecologia trofica di ecosistemi costieri attraverso metodi avanzati ed integrabili (isotopi stabili-contaminanti ambientali) per l’individuazione dell’impatto e della contaminazione antropica con obiettivo ultimo di valutare la relazione tra indicatori sintetici di stato relativi al funzionamento ecosistemico ed il livello del disturbo nel paesaggio.Gli obiettivi specifici della presente ricerca possono essere così sintetizzati: 1) ricostruzione dei percorsi della materia organica lungo gradienti di disturbo generati da variazioni di salinità e da sorgenti di pressione antropica; 2) individuazione del ruolo trofico delle principali sorgenti di materia organica autoctona e dell’eventuale contributo trofico di materia organica alloctona di natura antropica lungo i gradienti individuati; 3) analisi del destino di alcuni contaminanti nei vari comparti dell’ecosistema considerato (sedimento, organismi, reti trofiche).I campionamenti saranno effettuati su scale spaziali e con scadenze temporali che saranno definite in maniera specifica durante la prima fase della ricerca. Si prevede comunque di effettuare i campionamenti lungo gradienti alini e di disturbo antropico. In questo contesto alcune aree costiere del Mediterraneo meridionale risultano ecosistemi unici e di grande interesse che possono essere utilizzati come modelli e laboratori naturali per verificare ipotesi e mettere a punto proposte gestionali per una corretta valorizzazione e conservazione.

Key findings

Ambiente e cambiamento climatico
StatoFinito
Data di inizio/fine effettiva3/22/103/21/12