Acido urico, omocisteina e stress ossidativo nei pazienti con Sclerosi Multipla ricorrente-remittente e progressiva

Progetto: Research project

Dettagli progetto

Description

Il presente progetto ha come obiettivo quello di valutare la concentrazione della vitamina B6 nei pazienti con Sclerosi Multipla (SM), confrontando pazienti con forme ricorrenti-remittenti (SM-RR) e con forme secondariamente progressive (SM-SP) e definendo se vi siano modifiche nella concentrazione di tale vitamina in corso di trattamento con un immunomodulatore (beta interferone) o con un immunosoppressore (mitoxantrone). Esso è continuazione di un precedente progetto, iniziato lo scorso anno, che aveva come scopo quello di valutare nelle stesse condizioni i livelli ematici di acido urico, acido folico, vitamina B12, omocisteina totale, radicali liberi e glutatione. Il razionale di tale progetto risiede nei dati preliminari da noi ottenuti che suggerirebbero una carenza selettiva di vitamina B6 nella fase di stato della SM e nel dimostrato ruolo svolto da tale vitamina nei processi di riparazione cellulare. Il progetto coinvolgerà cinquanta pazienti con SM-RR e 50 pazienti con SM-SP, clinicamente definita in accordo ai criteri di Poser, in procinto di iniziare terapia con interferone beta per quanto riguarda le SM-RR o mitoxantrone per quanto riguarda le SM-SP. Criteri di esclusione, dettagliati in seguito, verranno applicati nella selezione dei pazienti ed il prelievo ematico per la determinazione della vitamina B6 verrà eseguito applicando un protocollo di preparazione anch'esso dettagliato in seguito. I pazienti saranno informati sullo scopo della ricerca e firmeranno un consenso informato. Essi verranno sottoposti a prelievo ematico un mese prima ed al momento dell'inizio del trattamento ed a 6-12-18-24 mesi dall'inizio del rispettivo trattamento. Contestualmente ad ogni prelievo, sarà stabilito il grado di disabilità tramite la determinazione dell'EDSS e dell'MSFC. La VITAMINA B6, nei suoi componenti piridossina, piridossale e piridossamina e nei suoi prodotti piridossal 5 fosfato e piridossamina 5 fosfato, verrà dosata nel plasma utilizzando un test immunodiagnostico con una determinazione quantitativa eseguita utilizzando la cromatografia liquida ad alta pressione (HPLC). La concentrazione basale di vitamina B6 sarà confrontata tra SM-RR ed SM-SP tramite il test t di Student. Le variazione nel tempo in corso di terapia con beta-interferone o mitoxantrone verranno confrontate in analisi univariata tramite l'ANOVA ed in analisi multivariata, valutando il ruolo delle variabili dipendenti dalla disabilità.

Layman's description

Obiettivi: Il presente progetto è continuazione di uno precedente, iniziato lo scorso anno, che aveva come scopo quello di valutare i livelli ematici di acido urico, acido folico, vitamina B12, omocisteina totale, radicali liberi e glutatione, nei pazienti con Sclerosi Multipla (SM), confrontando pazienti con forme ricorrenti-remittenti (SM-RR) e con forme secondariamente progressive (SM-SP) e definendo se vi fossero modifiche nella concentrazione di tali sostanze in corso di trattamento con un immunomodulatore (beta interferone) o con un immunosoppressore (mitoxantrone). Nel corso del primo anno, sui pazienti con SM inclusi in tale progetto, è stata dosata anche la vitamina B6. I dati preliminari finora ottenuti suggeriscono che questa, più delle altre sostanze (acido urico, vitamina B12, acido folico), risulta ridotta nei pazienti con SM. Pertanto obiettivi del presente progetto sono: 1) Valutare se le concentrazioni di vitamina B6 sono ridotte nei pazienti con SM in fase di stato e se esistono differenze tra pazienti con SM-RR ed SM-SP. 2) Verificare se il trattamento con interferone beta nei pazienti con SM-RR e con mitoxantrone nei pazienti con SM-SP modifichi tale carenza. L'importanza di confermare la riduzione ematica della vitamina B6, dato suggerito da nostri dati preliminari, ma non valutato finora, risiede nel potere chiarire nei pazienti con SM quale sia l'assetto vitaminico nelle fasi di stato della malattia. Tale aspetto appare ancora poco chiaro dal momento che alcuni lavori avevano mostrato una riduzione dell'acido urico, un aumento dell'omocisteina e della produzione di ossido nitrico nei pazienti con SM, senza però chiarire se tali determinazioni venissero eseguite in corso di ricaduta o in una fase di stabilità della malattia. Alcune recenti osservazioni non avrebbero riscontrato alterazioni dell'acido urico nelle fasi di stato della malattia, mentre confermerebbero l'incrementata produzione di ossido nitrico anche in tali periodi. Le analisi preliminari condotte sui pazienti con SM da noi inclusi finora confermerebbero questi ultimi risultati. La nostra valutazione della concentrazione della vitamina B6 suggerirebbe inoltre un ruolo importante per tale vitamina nello stress cellulare che si verifica anche nelle fasi di stato della SM.
Per quanto attiene la verifica delle possibili modifiche inerenti le concentrazioni vitaminiche e dei marcatori di stress ossidativo in corso di terapia immunosoppressiva o immunomodulante, anche questo aspetto appare di una certa importanza, sia come marcatore surrogato di efficacia di tali trattamenti sia per valutare in maniera più completa l’opportunità di utilizzare trattamenti integrativi con prodotti vitaminici in corso di SM
Metodi: SELEZIONE DEI PAZIENTI: Cinquanta pazienti con SM-RR e 50 pazienti con SM-SP, clinicamente definite in accordo ai criteri di Poser, verranno identificati. Essi dovranno essere in procinto di iniziare terapia con interferone beta per quanto riguarda le SM-RR o mitoxantrone per quanto riguarda le SM-SP e dovranno essere non in trattamento da almeno due mesi con farmaci immunomodulatori o immunosoppressori e da almeno un mese con corticosteroidi. Verranno esclusi pazienti con le seguenti caratteristiche: GRAVIDANZA, DIABETE, INSUFFICIENZA RENALE, DISLIPIDEMIA, CARDIOPATIA, NEOPLASIA, ALCOOLISMO (almeno 2 bicchieri di liquore al giorno, oltre due bicchieri di vino al giorno, oltre un bicchiere di birra al giorno), FORTI FUMATORE (oltre 10 sigarette al giorno), USO DI MULTIVITAMINICI. I pazienti, previa firma di consenso informato, verranno sottoposti a prelievo ematico un mese prima ed al momento dell'inizio del trattamento ed a 6-12-18-24 mesi dall'inizio del rispettivo trattamento. Contestualmente ad ogni prelievo, sarà stabilito il grado di disabilità tramite la determinazione dell'EDSS e dell'MSFC.
RACCOMANDAZIONI PER IL PRELIEVO: Il prelievo ematico verrà eseguito nel caso del tratt
StatoAttivo
Data di inizio/fine effettiva1/1/04 → …

Fingerprint

Esplora i temi di ricerca toccati da questo progetto. Queste etichette sono generate sulla base dei riconoscimenti/sovvenzioni sottostanti. Insieme formano una fingerprint unica.