USO DI PROTESI IN GORE-TEX NELLA PREVENZIONE DELLA SINDROME COMPARTIMENTALE POST TRAPIANTO DI RENE

Giuseppe Buscemi, Maurizio Romano, Giuseppe Damiano, Emerico Luna, Attilio Ignazio Lo Monte, Daniela Anna Buffa, Danilo Turco, Giovanni Gambino, Maria Muzio

Research output: Other contribution

Abstract

[automatically translated] Introduction: The compartment syndrome after kidney transplantation is an early complication that, in the absence of timely treatment, can have devastating effects to the loss of the graft. This syndrome occurs when the space of allocamento in the context of the retroperitoneum is less than the size of the kidney with consequent increase of pressure in this space that determines how the last event of the blood supply to the graft arrest and its following ischemia. In this abstract we describe the technique and report our experience using implants of gore-tex in the prevention and treatment of compartment syndrome. Materials and methods: We have undergone a kidney transplant female patient of 42 years of age receiving hemodialysis for about 5 years. In the second postoperative day persisting condition of anuria it was performed an ultrasound with doppler graft integration. The diagnostic test showed a slightly increased volume organ with an increase in resistance indices both arterial than venous. For this reason, the patient underwent surgery with placement of implants in gore-tex anchored to the large muscles of the abdomen belt. To control postoperative Doppler ultrasound was shown a normalization of the flow and the resistance indices and eighth postoperative day we witnessed the resumption of the excretory function. conclusions:
Original languageItalian
Publication statusPublished - 2005

Cite this

@misc{fd146accfda44a70bfbe3662ca4f6c41,
title = "USO DI PROTESI IN GORE-TEX NELLA PREVENZIONE DELLA SINDROME COMPARTIMENTALE POST TRAPIANTO DI RENE",
abstract = "Introduzione:La sindrome compartimentale post trapianto di rene {\`e} una precoce complicanza che, in assenza di un tempestivo trattamento, pu{\`o} avere degli effetti devastanti fino alla perdita del graft. Tale sindrome si verifica quando lo spazio di allocamento nel contesto del retroperitoneo {\`e} inferiore rispetto alle dimensioni del rene con conseguente aumento della pressione in tale spazio che determina come ultimo evento l’arresto dell’apporto ematico al graft e la seguente sua ischemia. In questo abstract descriviamo la tecnica e riportiamo la nostra esperienza nell’utilizzo di protesi di gore-tex nella prevenzione e nel trattamento della sindrome compartimentale. Materiali e metodi:Abbiamo sottoposto a trapianto renale una paziente di sesso femminile di 42 anni di et{\`a} in trattamento emodialitico da circa 5 anni. In seconda giornata postoperatoria persistendo la condizione di anuria veniva eseguita una ecografia del graft con integrazione doppler. L’esame diagnostico evidenziava un organo lievemente aumentato di volume con un incremento degli indici di resistenza sia arterioso che venoso. Per tale motivo la paziente veniva sottoposta ad intervento chirurgico con il posizionamento di protesi in gore-tex ancorata alla fascia dei muscoli larghi dell’addome. Al controllo ecocolordoppler postoperatorio veniva evidenziata una normalizzazione del flusso e degli indici di resistenza ed in ottava giornata postoperatoria si assisteva alla ripresa della funzione escretrice.Conclusioni:Alla luce della nostra esperienza in tutti quei casi in cui si ha una notevole difficolt{\`a} nell’alloggiamento retroperitoneale perl notevole dimensione del graft a fronte di una particolare ristrettezza del piccolo bacino e/o per obedit{\`a} del ricevente l’uso della protesi in gore-tex dual-mash a diretto contatto con il graft consentirebbe un’accostamento del sovrastante piano muscolo-aponeurotico senza alcuna tensione (tension fee) dei margini di accostamento il che eviterebbe un’eccessiva compressione del rene all’interno della neo loggia renale.",
keywords = "GORETEX, sindrome compartimentale, trapianto di rene",
author = "Giuseppe Buscemi and Maurizio Romano and Giuseppe Damiano and Emerico Luna and {Lo Monte}, {Attilio Ignazio} and Buffa, {Daniela Anna} and Danilo Turco and Giovanni Gambino and Maria Muzio",
year = "2005",
language = "Italian",
type = "Other",

}

TY - GEN

T1 - USO DI PROTESI IN GORE-TEX NELLA PREVENZIONE DELLA SINDROME COMPARTIMENTALE POST TRAPIANTO DI RENE

AU - Buscemi, Giuseppe

AU - Romano, Maurizio

AU - Damiano, Giuseppe

AU - Luna, Emerico

AU - Lo Monte, Attilio Ignazio

AU - Buffa, Daniela Anna

AU - Turco, Danilo

AU - Gambino, Giovanni

AU - Muzio, Maria

PY - 2005

Y1 - 2005

N2 - Introduzione:La sindrome compartimentale post trapianto di rene è una precoce complicanza che, in assenza di un tempestivo trattamento, può avere degli effetti devastanti fino alla perdita del graft. Tale sindrome si verifica quando lo spazio di allocamento nel contesto del retroperitoneo è inferiore rispetto alle dimensioni del rene con conseguente aumento della pressione in tale spazio che determina come ultimo evento l’arresto dell’apporto ematico al graft e la seguente sua ischemia. In questo abstract descriviamo la tecnica e riportiamo la nostra esperienza nell’utilizzo di protesi di gore-tex nella prevenzione e nel trattamento della sindrome compartimentale. Materiali e metodi:Abbiamo sottoposto a trapianto renale una paziente di sesso femminile di 42 anni di età in trattamento emodialitico da circa 5 anni. In seconda giornata postoperatoria persistendo la condizione di anuria veniva eseguita una ecografia del graft con integrazione doppler. L’esame diagnostico evidenziava un organo lievemente aumentato di volume con un incremento degli indici di resistenza sia arterioso che venoso. Per tale motivo la paziente veniva sottoposta ad intervento chirurgico con il posizionamento di protesi in gore-tex ancorata alla fascia dei muscoli larghi dell’addome. Al controllo ecocolordoppler postoperatorio veniva evidenziata una normalizzazione del flusso e degli indici di resistenza ed in ottava giornata postoperatoria si assisteva alla ripresa della funzione escretrice.Conclusioni:Alla luce della nostra esperienza in tutti quei casi in cui si ha una notevole difficoltà nell’alloggiamento retroperitoneale perl notevole dimensione del graft a fronte di una particolare ristrettezza del piccolo bacino e/o per obedità del ricevente l’uso della protesi in gore-tex dual-mash a diretto contatto con il graft consentirebbe un’accostamento del sovrastante piano muscolo-aponeurotico senza alcuna tensione (tension fee) dei margini di accostamento il che eviterebbe un’eccessiva compressione del rene all’interno della neo loggia renale.

AB - Introduzione:La sindrome compartimentale post trapianto di rene è una precoce complicanza che, in assenza di un tempestivo trattamento, può avere degli effetti devastanti fino alla perdita del graft. Tale sindrome si verifica quando lo spazio di allocamento nel contesto del retroperitoneo è inferiore rispetto alle dimensioni del rene con conseguente aumento della pressione in tale spazio che determina come ultimo evento l’arresto dell’apporto ematico al graft e la seguente sua ischemia. In questo abstract descriviamo la tecnica e riportiamo la nostra esperienza nell’utilizzo di protesi di gore-tex nella prevenzione e nel trattamento della sindrome compartimentale. Materiali e metodi:Abbiamo sottoposto a trapianto renale una paziente di sesso femminile di 42 anni di età in trattamento emodialitico da circa 5 anni. In seconda giornata postoperatoria persistendo la condizione di anuria veniva eseguita una ecografia del graft con integrazione doppler. L’esame diagnostico evidenziava un organo lievemente aumentato di volume con un incremento degli indici di resistenza sia arterioso che venoso. Per tale motivo la paziente veniva sottoposta ad intervento chirurgico con il posizionamento di protesi in gore-tex ancorata alla fascia dei muscoli larghi dell’addome. Al controllo ecocolordoppler postoperatorio veniva evidenziata una normalizzazione del flusso e degli indici di resistenza ed in ottava giornata postoperatoria si assisteva alla ripresa della funzione escretrice.Conclusioni:Alla luce della nostra esperienza in tutti quei casi in cui si ha una notevole difficoltà nell’alloggiamento retroperitoneale perl notevole dimensione del graft a fronte di una particolare ristrettezza del piccolo bacino e/o per obedità del ricevente l’uso della protesi in gore-tex dual-mash a diretto contatto con il graft consentirebbe un’accostamento del sovrastante piano muscolo-aponeurotico senza alcuna tensione (tension fee) dei margini di accostamento il che eviterebbe un’eccessiva compressione del rene all’interno della neo loggia renale.

KW - GORETEX

KW - sindrome compartimentale

KW - trapianto di rene

UR - http://hdl.handle.net/10447/45793

M3 - Other contribution

ER -