Una nuova opportunità per la ricerca e rinnovazione

    Research output: Contribution to journalArticle

    Abstract

    La nautica da diporto costituisce in Italia un segmento importante e molto dinamico dell’economia e, ormai da decenni occupa una posizione di leadership sui mercati mondiali grazie alle professionalità elevate sia nel campo della progettazione che in quello della produzione. Un settore che ragiona e opera nell’ottica di filiera integrata, le cui attività vanno da quelle di progettazione e di produzione a quelle dei servizi complementari e di supporto. In questo comparto troviamo un insieme di competenze e di professionalità consolidate che partecipano ai processi produttivi con un’ampia articolazione di aziende in grado di apportare al prodotto finito un valore elevato in termini di tecnologia e innovazione pur rimanendo talvolta “in ombra”, e pur non essendo sempre pienamente conosciute. Purtroppo negli ultimi anni la crisi internazionale ha colpito duramente anche la nautica da diporto e tuttora riflette i suoi effetti devastanti su questo settore con una serie di conseguenze che non sono più ormai solo di ordine congiunturale, ma che al contrario rischiano di intaccare in termini strutturali. La crisi degli ultimi anni ha innescato processi di selezione e di ridimensionamento, ha inciso sugli assetti societari di gruppi storici della cantieristica, ha alzato ulteriormente le mediane di una sfida che vede al centro ancora una volta qualità e innovazione di fronte a un mercato fatto di competitors sempre più aggressivi e, nel contempo, di una domanda interna che resta piuttosto stagnante, anche per colpa di cronici ritardi di ordine infrastrutturale e normativo.
    Original languageItalian
    Pages (from-to)80-81
    Number of pages2
    JournalNAUTECH
    Publication statusPublished - 2013

    Cite this

    Una nuova opportunità per la ricerca e rinnovazione. / Inzerillo, Benedetto.

    In: NAUTECH, 2013, p. 80-81.

    Research output: Contribution to journalArticle

    @article{b5d468f5c6f34738922b4323e3eebec9,
    title = "Una nuova opportunit{\`a} per la ricerca e rinnovazione",
    abstract = "La nautica da diporto costituisce in Italia un segmento importante e molto dinamico dell’economia e, ormai da decenni occupa una posizione di leadership sui mercati mondiali grazie alle professionalit{\`a} elevate sia nel campo della progettazione che in quello della produzione. Un settore che ragiona e opera nell’ottica di filiera integrata, le cui attivit{\`a} vanno da quelle di progettazione e di produzione a quelle dei servizi complementari e di supporto. In questo comparto troviamo un insieme di competenze e di professionalit{\`a} consolidate che partecipano ai processi produttivi con un’ampia articolazione di aziende in grado di apportare al prodotto finito un valore elevato in termini di tecnologia e innovazione pur rimanendo talvolta “in ombra”, e pur non essendo sempre pienamente conosciute. Purtroppo negli ultimi anni la crisi internazionale ha colpito duramente anche la nautica da diporto e tuttora riflette i suoi effetti devastanti su questo settore con una serie di conseguenze che non sono pi{\`u} ormai solo di ordine congiunturale, ma che al contrario rischiano di intaccare in termini strutturali. La crisi degli ultimi anni ha innescato processi di selezione e di ridimensionamento, ha inciso sugli assetti societari di gruppi storici della cantieristica, ha alzato ulteriormente le mediane di una sfida che vede al centro ancora una volta qualit{\`a} e innovazione di fronte a un mercato fatto di competitors sempre pi{\`u} aggressivi e, nel contempo, di una domanda interna che resta piuttosto stagnante, anche per colpa di cronici ritardi di ordine infrastrutturale e normativo.",
    author = "Benedetto Inzerillo",
    year = "2013",
    language = "Italian",
    pages = "80--81",
    journal = "NAUTECH",
    issn = "1825-6155",

    }

    TY - JOUR

    T1 - Una nuova opportunità per la ricerca e rinnovazione

    AU - Inzerillo, Benedetto

    PY - 2013

    Y1 - 2013

    N2 - La nautica da diporto costituisce in Italia un segmento importante e molto dinamico dell’economia e, ormai da decenni occupa una posizione di leadership sui mercati mondiali grazie alle professionalità elevate sia nel campo della progettazione che in quello della produzione. Un settore che ragiona e opera nell’ottica di filiera integrata, le cui attività vanno da quelle di progettazione e di produzione a quelle dei servizi complementari e di supporto. In questo comparto troviamo un insieme di competenze e di professionalità consolidate che partecipano ai processi produttivi con un’ampia articolazione di aziende in grado di apportare al prodotto finito un valore elevato in termini di tecnologia e innovazione pur rimanendo talvolta “in ombra”, e pur non essendo sempre pienamente conosciute. Purtroppo negli ultimi anni la crisi internazionale ha colpito duramente anche la nautica da diporto e tuttora riflette i suoi effetti devastanti su questo settore con una serie di conseguenze che non sono più ormai solo di ordine congiunturale, ma che al contrario rischiano di intaccare in termini strutturali. La crisi degli ultimi anni ha innescato processi di selezione e di ridimensionamento, ha inciso sugli assetti societari di gruppi storici della cantieristica, ha alzato ulteriormente le mediane di una sfida che vede al centro ancora una volta qualità e innovazione di fronte a un mercato fatto di competitors sempre più aggressivi e, nel contempo, di una domanda interna che resta piuttosto stagnante, anche per colpa di cronici ritardi di ordine infrastrutturale e normativo.

    AB - La nautica da diporto costituisce in Italia un segmento importante e molto dinamico dell’economia e, ormai da decenni occupa una posizione di leadership sui mercati mondiali grazie alle professionalità elevate sia nel campo della progettazione che in quello della produzione. Un settore che ragiona e opera nell’ottica di filiera integrata, le cui attività vanno da quelle di progettazione e di produzione a quelle dei servizi complementari e di supporto. In questo comparto troviamo un insieme di competenze e di professionalità consolidate che partecipano ai processi produttivi con un’ampia articolazione di aziende in grado di apportare al prodotto finito un valore elevato in termini di tecnologia e innovazione pur rimanendo talvolta “in ombra”, e pur non essendo sempre pienamente conosciute. Purtroppo negli ultimi anni la crisi internazionale ha colpito duramente anche la nautica da diporto e tuttora riflette i suoi effetti devastanti su questo settore con una serie di conseguenze che non sono più ormai solo di ordine congiunturale, ma che al contrario rischiano di intaccare in termini strutturali. La crisi degli ultimi anni ha innescato processi di selezione e di ridimensionamento, ha inciso sugli assetti societari di gruppi storici della cantieristica, ha alzato ulteriormente le mediane di una sfida che vede al centro ancora una volta qualità e innovazione di fronte a un mercato fatto di competitors sempre più aggressivi e, nel contempo, di una domanda interna che resta piuttosto stagnante, anche per colpa di cronici ritardi di ordine infrastrutturale e normativo.

    UR - http://hdl.handle.net/10447/281234

    M3 - Article

    SP - 80

    EP - 81

    JO - NAUTECH

    JF - NAUTECH

    SN - 1825-6155

    ER -