Sul perché le descrizioni dipendono dalle intenzioni progettuali. Possibili letture dei territori della dispersione

Research output: Contribution to journalArticle

Abstract

[automatically translated] Dried (1996) states that describe and interpret are highly selective operations that contribute to the construction of the project. Also Vettoretto (! 994) reiterates the non-neutrality of such operations that reveal, however, the "intentions" project. The essay contains some descriptions / interpretations elaborated on urban sprawl that highlight the different design approaches of the authors.
Original languageItalian
Pages (from-to)56-60
Number of pages4
JournalIN FOLIO
Volume22
Publication statusPublished - 2008

Cite this

@article{f72f7939d8f7438d92854aa913855055,
title = "Sul perch{\'e} le descrizioni dipendono dalle intenzioni progettuali. Possibili letture dei territori della dispersione",
abstract = "Secchi (1996) afferma che descrivere e interpretare sono operazioni altamente selettive che concorrono alla costruzione del progetto. Altres{\`i} Vettoretto (!994) ribadisce la non neutralit{\`a} di tali operazioni che rivelano, invece, le {"}intenzioni{"} progettuali. Il saggio raccoglie alcune descrizioni/interpretazioni elaborate sulla dispersione insediativa che mettono in luce i differenti approcci progettuali degli autori.",
keywords = "Urbanizzazioni, Progettazione urbanistica, Dispersione insediativa",
author = "Annalisa Giampino",
year = "2008",
language = "Italian",
volume = "22",
pages = "56--60",
journal = "IN FOLIO",
issn = "1828-2482",

}

TY - JOUR

T1 - Sul perché le descrizioni dipendono dalle intenzioni progettuali. Possibili letture dei territori della dispersione

AU - Giampino, Annalisa

PY - 2008

Y1 - 2008

N2 - Secchi (1996) afferma che descrivere e interpretare sono operazioni altamente selettive che concorrono alla costruzione del progetto. Altresì Vettoretto (!994) ribadisce la non neutralità di tali operazioni che rivelano, invece, le "intenzioni" progettuali. Il saggio raccoglie alcune descrizioni/interpretazioni elaborate sulla dispersione insediativa che mettono in luce i differenti approcci progettuali degli autori.

AB - Secchi (1996) afferma che descrivere e interpretare sono operazioni altamente selettive che concorrono alla costruzione del progetto. Altresì Vettoretto (!994) ribadisce la non neutralità di tali operazioni che rivelano, invece, le "intenzioni" progettuali. Il saggio raccoglie alcune descrizioni/interpretazioni elaborate sulla dispersione insediativa che mettono in luce i differenti approcci progettuali degli autori.

KW - Urbanizzazioni, Progettazione urbanistica, Dispersione insediativa

UR - http://hdl.handle.net/10447/65071

M3 - Article

VL - 22

SP - 56

EP - 60

JO - IN FOLIO

JF - IN FOLIO

SN - 1828-2482

ER -