Rapporti tra mancanza dei gravi indizi e infondatezza della notizia di reato

Research output: Contribution to journalArticlepeer-review

Abstract

L'Autrice affronta le molteplici insidie derivanti dall'innesto operato dalla "Legge Pecorella" nell'art. 405 c.p.p., inserendovi il comma 1 bis, che, prevedendo un'ipotesi di "archiviazione coatta", finisce col introdurre nel sistema d'inazione del pubblico ministero un inedito obbligo di non agire sulla base di un discutibile parallelismo tra insussistenza dei gravi indizi di colpevolezza, confermata in cassazione, e infondatezza della notizia di reato.
Original languageItalian
Pages (from-to)385-391
Number of pages7
JournalLA GIUSTIZIA PENALE
Publication statusPublished - 2007

Cite this