Quando il vino 'parla' dialetto: enonimi dialettali in Sicilia

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingChapter

Abstract

Il presente contributo si propone di analizzare la presenza e l’uso del dialetto nei nomi dei vini, con particolare riferimento alla produzione vinicola siciliana. Sebbene il processo di denominazione dei vini in Sicilia, in linea con le altre regioni d’Italia, non abbia presentato in passato dinamiche particolarmente complesse, giacché il nome coincideva con il tipo di vitigno e delle uve (Nero d’Avola, Syrah, Chardonnay, etc.) o in modo più generico con le caratteristiche più superficiali del prodotto (bianco, rosso, rosato), evidenziando, quindi, meccanismi onimici piuttosto semplici e strettamente referenziali, in questi ultimi anni si è sempre più diffusa l’abitudine di inserire nomi specifici che accompagnano (fino a volte a scalzare del tutto) le informazioni principali (e “neutre”) sul prodotto. In tal senso, il ricorso e la presenza del dialetto rappresenta un aspetto fondamentale di tale “riassestamento” onomastico, costituendo un ulteriore tassello nel rapporto tra “nuovi usi” del dialetto e comunicazione commerciale.
Original languageItalian
Title of host publicationDialetto e società
Pages205-212
Number of pages8
Publication statusPublished - 2018

Cite this