Progettare la persona, costruire l'identità. La normativa scolastica come testo di filosofia pratica. pp. 57-65

Research output: Contribution to journalArticle

Abstract

Ogni azione si svolge ed acquista significato in uno sfondo articolato dicredenze, valori, desideri (coscienti o presupposti). Al fine di comprendere l’agiredel singolo o del gruppo non è quindi sufficiente ‘attenersi ai fatti’; ma occorre,per quanto è possibile, scandagliare le dinamiche interiori che hanno impressouna forma alla materia dell’azione. Ad esempio il diritto penale tiene contodello ‘sfondo teorico’ dell’imputato, punendo diversamente uno stesso delitto,a seconda se esso è premeditato, semplicemente colposo o preterintenzionale.Se volessimo allora cimentarci nell’ardua impresa di comprendere l’agire,non semplicemente di un singolo individuo, ma di quel coagulo contraddittorioe contrastante di fazioni e partiti che è il Governo di una nazione, moltisarebbero i documenti che saremmo tenuti a consultare per ricavarne un articolato‘sfondo teorico’. Tra questi, però, la normativa scolastica costituisca una testimonianzaprivilegiata: essa svela, più esplicitamente di altre produzioni legislative, i valori, le credenze e i desideri dell’Istituzione che l’ha promossa e dell’epoca in cui è sorta. Infatti tramite le leggisulla Scuola, il Governo enuncia che genere di uomo e di cittadino vuole abitiil suo territorio.
Original languageItalian
Pages (from-to)57-65
Number of pages9
JournalKYKÉION
Volume2
Publication statusPublished - 1999

Cite this