PRESENTAZIONE ECOGRAFICA DELL’EPATOCARCINOMA: ESPERIENZA DI UN SINGOLO CENTRO NELL’ARCO DI TRE DECENNI

Antonino Terranova, Giuseppe Brancatelli, Anna Licata, Maurizio Soresi, Lydia Giannitrapani, Carmelo Ioppolo, Filippo Alessandro Montalto, Luigi Mirarchi, Maddalena Zerbo, Simona Amodeo

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingConference contribution

Abstract

Valutare i cambiamenti della presentazione ecografica (US) degli epatocarcinomi (HCC) diagnosticati presso la nostra UO di Medicina Interna in tre periodi:1993-98, 2003-2008,2013-18. Il Gruppo 1 (G1) (1993-1998) comprendeva 174 HCC, il Gruppo 2 (G2) (2003-08) 96, il Gruppo 3 (G3) (2013-2018) 102. Sono stati registrati età, sesso, markers HBV, HCV, uso di alcol, alfafetoproteina (AFP), test di funzionalità epatica, autoanticorpi, ferritinemia. La diagnosi di HCC in G2 e G3 è stata posta secondo le linee guida EASL, in G1 con istologia o citologia nel 40%, nel resto con multiple tecniche di imaging concordanti (ecografia, TC, TC con lipiodol, angiografia), livelli sierici di AFP>200 ng/ml. La presentazione US veniva classificata secondo Otho in: Singolo, Multipli, Diffusi (Dig. Liv. Dis. 43 (2011) 875–880). Nel gruppo 1: 11.5% dei pazienti risultava in sorveglianza, meno che nel G2 (66%) e nel G3 (76.4%) (p<0.0001), G2 vs G3 (P=ns). L’età media aumentava progressivamente da G1 a G3 (rho=0.45; P<0.0001), gli HCC Singoli erano più frequenti in G2 (63.5%) e in G3 (65.6 %) vs G1 (40 %) (P<0.0001), G2 vs G3 P=ns. La frequenza dei Multipli era maggiore in G1 (50 %) vs G2 (34.4%) e G3 (33.3%) (entrambi P<0.02), G2 vs G3 P=ns. Il Diffuso prevaleva in G1 (16 %) vs G2 (2 %) e G3 (1 %), (entrambi P<0.001), G2 vs G3 P=ns. L’ecostruttura nei tre periodi era sovrapponibile, risultava maggiore l’ipocogena (50-70%), la meno frequente l’isoecogena (7-12%). L’eziologia più frequente nei tre G era HCV, la post Non Alcoholic Steatohepatitis/ criptogenetica (NASH/C) nel G3 era significativamente maggiore vs G2 e vs G1 (entrambi P<0.05). Nel G3 gli HCC-NASH/C vs i virali avevano una severità secondo Otho maggiore (rho=0.3, P<0.02) e il diametro dei noduli neoplastici era più grande (P<0.0001). I programmi di vaccinazione contro l’HBV, le terapie antivirali, l’aumentata prevalenza della cirrosi postNASH, la sorveglianza US, hanno modificato il ruolo dei fattori di rischio e la severità dell’epatocarcinoma (HCC) al momento della diagnosi. I nostri risultati confermano che la presentazione US dell’HCC negli anni è diventata meno severa, effetto della sorveglianza ecografica semestrale. I nostri dati mostrano inoltre nel G3 un aumento della prevalenza degli HCC-postNASH/C, questi alla diagnosi hanno una presentazione più severa se confrontati con i virali, probabilmente conseguenza di un ritardo diagnostico, infatti pochi pazienti (6/14) erano in sorveglianza US. Sono necessari ulteriori studi per definire le politiche di sorveglianza ecografica per gli HCC nella NASH.
Original languageItalian
Title of host publicationAbstract Book del 27° Congresso Nazionale SIUMB (SOCIETÀ ITALIANA DI ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA E BIOLOGIA)
Number of pages1
Publication statusPublished - 2019

Cite this

Terranova, A., Brancatelli, G., Licata, A., Soresi, M., Giannitrapani, L., Ioppolo, C., ... Amodeo, S. (2019). PRESENTAZIONE ECOGRAFICA DELL’EPATOCARCINOMA: ESPERIENZA DI UN SINGOLO CENTRO NELL’ARCO DI TRE DECENNI. In Abstract Book del 27° Congresso Nazionale SIUMB (SOCIETÀ ITALIANA DI ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA E BIOLOGIA)

PRESENTAZIONE ECOGRAFICA DELL’EPATOCARCINOMA: ESPERIENZA DI UN SINGOLO CENTRO NELL’ARCO DI TRE DECENNI. / Terranova, Antonino; Brancatelli, Giuseppe; Licata, Anna; Soresi, Maurizio; Giannitrapani, Lydia; Ioppolo, Carmelo; Montalto, Filippo Alessandro; Mirarchi, Luigi; Zerbo, Maddalena; Amodeo, Simona.

Abstract Book del 27° Congresso Nazionale SIUMB (SOCIETÀ ITALIANA DI ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA E BIOLOGIA). 2019.

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingConference contribution

Terranova, A, Brancatelli, G, Licata, A, Soresi, M, Giannitrapani, L, Ioppolo, C, Montalto, FA, Mirarchi, L, Zerbo, M & Amodeo, S 2019, PRESENTAZIONE ECOGRAFICA DELL’EPATOCARCINOMA: ESPERIENZA DI UN SINGOLO CENTRO NELL’ARCO DI TRE DECENNI. in Abstract Book del 27° Congresso Nazionale SIUMB (SOCIETÀ ITALIANA DI ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA E BIOLOGIA).
Terranova A, Brancatelli G, Licata A, Soresi M, Giannitrapani L, Ioppolo C et al. PRESENTAZIONE ECOGRAFICA DELL’EPATOCARCINOMA: ESPERIENZA DI UN SINGOLO CENTRO NELL’ARCO DI TRE DECENNI. In Abstract Book del 27° Congresso Nazionale SIUMB (SOCIETÀ ITALIANA DI ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA E BIOLOGIA). 2019
Terranova, Antonino ; Brancatelli, Giuseppe ; Licata, Anna ; Soresi, Maurizio ; Giannitrapani, Lydia ; Ioppolo, Carmelo ; Montalto, Filippo Alessandro ; Mirarchi, Luigi ; Zerbo, Maddalena ; Amodeo, Simona. / PRESENTAZIONE ECOGRAFICA DELL’EPATOCARCINOMA: ESPERIENZA DI UN SINGOLO CENTRO NELL’ARCO DI TRE DECENNI. Abstract Book del 27° Congresso Nazionale SIUMB (SOCIETÀ ITALIANA DI ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA E BIOLOGIA). 2019.
@inproceedings{5d1dd7e4c36a46d2b6e282d3d6193814,
title = "PRESENTAZIONE ECOGRAFICA DELL’EPATOCARCINOMA: ESPERIENZA DI UN SINGOLO CENTRO NELL’ARCO DI TRE DECENNI",
abstract = "Valutare i cambiamenti della presentazione ecografica (US) degli epatocarcinomi (HCC) diagnosticati presso la nostra UO di Medicina Interna in tre periodi:1993-98, 2003-2008,2013-18. Il Gruppo 1 (G1) (1993-1998) comprendeva 174 HCC, il Gruppo 2 (G2) (2003-08) 96, il Gruppo 3 (G3) (2013-2018) 102. Sono stati registrati et{\`a}, sesso, markers HBV, HCV, uso di alcol, alfafetoproteina (AFP), test di funzionalit{\`a} epatica, autoanticorpi, ferritinemia. La diagnosi di HCC in G2 e G3 {\`e} stata posta secondo le linee guida EASL, in G1 con istologia o citologia nel 40{\%}, nel resto con multiple tecniche di imaging concordanti (ecografia, TC, TC con lipiodol, angiografia), livelli sierici di AFP>200 ng/ml. La presentazione US veniva classificata secondo Otho in: Singolo, Multipli, Diffusi (Dig. Liv. Dis. 43 (2011) 875–880). Nel gruppo 1: 11.5{\%} dei pazienti risultava in sorveglianza, meno che nel G2 (66{\%}) e nel G3 (76.4{\%}) (p<0.0001), G2 vs G3 (P=ns). L’et{\`a} media aumentava progressivamente da G1 a G3 (rho=0.45; P<0.0001), gli HCC Singoli erano pi{\`u} frequenti in G2 (63.5{\%}) e in G3 (65.6 {\%}) vs G1 (40 {\%}) (P<0.0001), G2 vs G3 P=ns. La frequenza dei Multipli era maggiore in G1 (50 {\%}) vs G2 (34.4{\%}) e G3 (33.3{\%}) (entrambi P<0.02), G2 vs G3 P=ns. Il Diffuso prevaleva in G1 (16 {\%}) vs G2 (2 {\%}) e G3 (1 {\%}), (entrambi P<0.001), G2 vs G3 P=ns. L’ecostruttura nei tre periodi era sovrapponibile, risultava maggiore l’ipocogena (50-70{\%}), la meno frequente l’isoecogena (7-12{\%}). L’eziologia pi{\`u} frequente nei tre G era HCV, la post Non Alcoholic Steatohepatitis/ criptogenetica (NASH/C) nel G3 era significativamente maggiore vs G2 e vs G1 (entrambi P<0.05). Nel G3 gli HCC-NASH/C vs i virali avevano una severit{\`a} secondo Otho maggiore (rho=0.3, P<0.02) e il diametro dei noduli neoplastici era pi{\`u} grande (P<0.0001). I programmi di vaccinazione contro l’HBV, le terapie antivirali, l’aumentata prevalenza della cirrosi postNASH, la sorveglianza US, hanno modificato il ruolo dei fattori di rischio e la severit{\`a} dell’epatocarcinoma (HCC) al momento della diagnosi. I nostri risultati confermano che la presentazione US dell’HCC negli anni {\`e} diventata meno severa, effetto della sorveglianza ecografica semestrale. I nostri dati mostrano inoltre nel G3 un aumento della prevalenza degli HCC-postNASH/C, questi alla diagnosi hanno una presentazione pi{\`u} severa se confrontati con i virali, probabilmente conseguenza di un ritardo diagnostico, infatti pochi pazienti (6/14) erano in sorveglianza US. Sono necessari ulteriori studi per definire le politiche di sorveglianza ecografica per gli HCC nella NASH.",
author = "Antonino Terranova and Giuseppe Brancatelli and Anna Licata and Maurizio Soresi and Lydia Giannitrapani and Carmelo Ioppolo and Montalto, {Filippo Alessandro} and Luigi Mirarchi and Maddalena Zerbo and Simona Amodeo",
year = "2019",
language = "Italian",
booktitle = "Abstract Book del 27° Congresso Nazionale SIUMB (SOCIET{\`A} ITALIANA DI ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA E BIOLOGIA)",

}

TY - GEN

T1 - PRESENTAZIONE ECOGRAFICA DELL’EPATOCARCINOMA: ESPERIENZA DI UN SINGOLO CENTRO NELL’ARCO DI TRE DECENNI

AU - Terranova, Antonino

AU - Brancatelli, Giuseppe

AU - Licata, Anna

AU - Soresi, Maurizio

AU - Giannitrapani, Lydia

AU - Ioppolo, Carmelo

AU - Montalto, Filippo Alessandro

AU - Mirarchi, Luigi

AU - Zerbo, Maddalena

AU - Amodeo, Simona

PY - 2019

Y1 - 2019

N2 - Valutare i cambiamenti della presentazione ecografica (US) degli epatocarcinomi (HCC) diagnosticati presso la nostra UO di Medicina Interna in tre periodi:1993-98, 2003-2008,2013-18. Il Gruppo 1 (G1) (1993-1998) comprendeva 174 HCC, il Gruppo 2 (G2) (2003-08) 96, il Gruppo 3 (G3) (2013-2018) 102. Sono stati registrati età, sesso, markers HBV, HCV, uso di alcol, alfafetoproteina (AFP), test di funzionalità epatica, autoanticorpi, ferritinemia. La diagnosi di HCC in G2 e G3 è stata posta secondo le linee guida EASL, in G1 con istologia o citologia nel 40%, nel resto con multiple tecniche di imaging concordanti (ecografia, TC, TC con lipiodol, angiografia), livelli sierici di AFP>200 ng/ml. La presentazione US veniva classificata secondo Otho in: Singolo, Multipli, Diffusi (Dig. Liv. Dis. 43 (2011) 875–880). Nel gruppo 1: 11.5% dei pazienti risultava in sorveglianza, meno che nel G2 (66%) e nel G3 (76.4%) (p<0.0001), G2 vs G3 (P=ns). L’età media aumentava progressivamente da G1 a G3 (rho=0.45; P<0.0001), gli HCC Singoli erano più frequenti in G2 (63.5%) e in G3 (65.6 %) vs G1 (40 %) (P<0.0001), G2 vs G3 P=ns. La frequenza dei Multipli era maggiore in G1 (50 %) vs G2 (34.4%) e G3 (33.3%) (entrambi P<0.02), G2 vs G3 P=ns. Il Diffuso prevaleva in G1 (16 %) vs G2 (2 %) e G3 (1 %), (entrambi P<0.001), G2 vs G3 P=ns. L’ecostruttura nei tre periodi era sovrapponibile, risultava maggiore l’ipocogena (50-70%), la meno frequente l’isoecogena (7-12%). L’eziologia più frequente nei tre G era HCV, la post Non Alcoholic Steatohepatitis/ criptogenetica (NASH/C) nel G3 era significativamente maggiore vs G2 e vs G1 (entrambi P<0.05). Nel G3 gli HCC-NASH/C vs i virali avevano una severità secondo Otho maggiore (rho=0.3, P<0.02) e il diametro dei noduli neoplastici era più grande (P<0.0001). I programmi di vaccinazione contro l’HBV, le terapie antivirali, l’aumentata prevalenza della cirrosi postNASH, la sorveglianza US, hanno modificato il ruolo dei fattori di rischio e la severità dell’epatocarcinoma (HCC) al momento della diagnosi. I nostri risultati confermano che la presentazione US dell’HCC negli anni è diventata meno severa, effetto della sorveglianza ecografica semestrale. I nostri dati mostrano inoltre nel G3 un aumento della prevalenza degli HCC-postNASH/C, questi alla diagnosi hanno una presentazione più severa se confrontati con i virali, probabilmente conseguenza di un ritardo diagnostico, infatti pochi pazienti (6/14) erano in sorveglianza US. Sono necessari ulteriori studi per definire le politiche di sorveglianza ecografica per gli HCC nella NASH.

AB - Valutare i cambiamenti della presentazione ecografica (US) degli epatocarcinomi (HCC) diagnosticati presso la nostra UO di Medicina Interna in tre periodi:1993-98, 2003-2008,2013-18. Il Gruppo 1 (G1) (1993-1998) comprendeva 174 HCC, il Gruppo 2 (G2) (2003-08) 96, il Gruppo 3 (G3) (2013-2018) 102. Sono stati registrati età, sesso, markers HBV, HCV, uso di alcol, alfafetoproteina (AFP), test di funzionalità epatica, autoanticorpi, ferritinemia. La diagnosi di HCC in G2 e G3 è stata posta secondo le linee guida EASL, in G1 con istologia o citologia nel 40%, nel resto con multiple tecniche di imaging concordanti (ecografia, TC, TC con lipiodol, angiografia), livelli sierici di AFP>200 ng/ml. La presentazione US veniva classificata secondo Otho in: Singolo, Multipli, Diffusi (Dig. Liv. Dis. 43 (2011) 875–880). Nel gruppo 1: 11.5% dei pazienti risultava in sorveglianza, meno che nel G2 (66%) e nel G3 (76.4%) (p<0.0001), G2 vs G3 (P=ns). L’età media aumentava progressivamente da G1 a G3 (rho=0.45; P<0.0001), gli HCC Singoli erano più frequenti in G2 (63.5%) e in G3 (65.6 %) vs G1 (40 %) (P<0.0001), G2 vs G3 P=ns. La frequenza dei Multipli era maggiore in G1 (50 %) vs G2 (34.4%) e G3 (33.3%) (entrambi P<0.02), G2 vs G3 P=ns. Il Diffuso prevaleva in G1 (16 %) vs G2 (2 %) e G3 (1 %), (entrambi P<0.001), G2 vs G3 P=ns. L’ecostruttura nei tre periodi era sovrapponibile, risultava maggiore l’ipocogena (50-70%), la meno frequente l’isoecogena (7-12%). L’eziologia più frequente nei tre G era HCV, la post Non Alcoholic Steatohepatitis/ criptogenetica (NASH/C) nel G3 era significativamente maggiore vs G2 e vs G1 (entrambi P<0.05). Nel G3 gli HCC-NASH/C vs i virali avevano una severità secondo Otho maggiore (rho=0.3, P<0.02) e il diametro dei noduli neoplastici era più grande (P<0.0001). I programmi di vaccinazione contro l’HBV, le terapie antivirali, l’aumentata prevalenza della cirrosi postNASH, la sorveglianza US, hanno modificato il ruolo dei fattori di rischio e la severità dell’epatocarcinoma (HCC) al momento della diagnosi. I nostri risultati confermano che la presentazione US dell’HCC negli anni è diventata meno severa, effetto della sorveglianza ecografica semestrale. I nostri dati mostrano inoltre nel G3 un aumento della prevalenza degli HCC-postNASH/C, questi alla diagnosi hanno una presentazione più severa se confrontati con i virali, probabilmente conseguenza di un ritardo diagnostico, infatti pochi pazienti (6/14) erano in sorveglianza US. Sono necessari ulteriori studi per definire le politiche di sorveglianza ecografica per gli HCC nella NASH.

UR - http://hdl.handle.net/10447/384856

M3 - Conference contribution

BT - Abstract Book del 27° Congresso Nazionale SIUMB (SOCIETÀ ITALIANA DI ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA E BIOLOGIA)

ER -