Premessa

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingForeword/postscript

Abstract

Il volume cerca di ricostruire il volto attuale del delitto di abuso di ufficio, di cui all’art. 323 del codice penale, sul quale il legislatore è nuovamente intervenuto con il d.l. 16.7.2020, n. 76, convertito (sul punto) senza modificazioni dalla l. 11.9.2020, n. 120.Si tratta, in effetti, di una disposizione che ha sofferto l’interventismo del legislatore italiano, peraltro non coronato dal conseguimento degli ambiziosi (e talvolta antitetici) obiettivi prefissati: garantire la repressione penale e, al contempo, costruire una norma determinata, in grado di conferire certezze ai pubblici agenti e di limitare l’intervento della magistratura penale. Così, si è passati dall’abuso “innominato” dell’originario impianto del codice del 1930 alla riforma dovuta alla l. 26.4.1990, n. 86; dalla l. 16.7.1997, n. 234, alla l. 6.11.2012, n. 190 (c.d. legge Severino). Con tali premesse, non può stupire che anche il legislatore del 2020 si sia occupato del delitto in esame, con un intervento che sembrerebbe restringere la sfera di intervento della legge penale sull’azione amministrativa
Original languageItalian
Title of host publicationIl "nuovo" abuso di ufficio.
Pages1-2
Number of pages2
Publication statusPublished - 2021

Publication series

NameNUOVE LEGGI NUOVO DIRITTO

Cite this