Nota a Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione siciliana. TAR Sicilia - CT - sez. II - sent.8-7-1992, n. 668

Research output: Contribution to journalArticlepeer-review

Abstract

La prorogatio di una Commissione provinciale di controllo può ammettersi ai limitati fini di consentire all'Assemblea regionale siciliana di procedere tempestivamente alla rinnovazione dello stesso organo non potendo il soggetto competente ad effettuarla opporre la indefettibilità della funzione tutoria quale pretesto per utilizzare la prorogatio di fatto a tempo indeterminato degli organi regionali di controllo ormai scaduti. Sono annullabili per vizio d'incompetenza relativa per difetto di legittimazione gli etti emessi dall'organo tutorio in virtù del protrarsi sine die della prorogatio di esso per un periodo di tempo ben maggiore a quello stabilito dall'art. 311 secondo comma,dell'OREL. Il procedimento di nomina o rinnovazione dei componenti degli organi di controllo sugli atti degli enti locali non sfugge alle regole della normativa regionale sul procedimento amministrativo (l.r.n.1Odel1991)in base alla quale,in mancanza di espressa determinazione regolamentare che dia al predetto procedimento un termine certo si applicherà quello generale di trenta giorni
Original languageItalian
Number of pages3
JournalNUOVE AUTONOMIE
Publication statusPublished - 1992

Cite this