Mondo vs. Retro-mondo. Una diagnosi filosofica sulla violenza in politica

Research output: Contribution to journalArticlepeer-review

Abstract

Questo saggio prende in esame la posizione di Anton Friedrich Koch il quale mette in evidenza, sulla base di alcune riflessioni di ordine teoretico, il potenziale di violenza che si anniderebbe in alcuni dei più significativi orientamenti del dibattito odierno sui fondamenti dello stato democratico di diritto, e in particolare nelle posizioni antagoniste dell'universalismo e del contestualismo. Le conclusioni di Anton Friedrich Koch, che inclinano verso una forma non dogmatica di contestualismo, per quanto condivisibili sotto molti aspetti, covano tuttavia il rischio di vanificare il potenziale di senso della prassi in un confronto troppo stretto con la teoresi.
Original languageItalian
Pages (from-to)391-396
Number of pages6
JournalGIORNALE DI METAFISICA
Volume32
Publication statusPublished - 2010

Cite this