MODIFICAZIONI ECOGRAFICHE DELLA LINFADENOPATIA DELL’ILO EPATICO DOPO ERADICAZIONE DELL’HCV CON DIRECT-ACTING ANTIVIRALS

Lydia Giannitrapani, Anna Licata, Maurizio Soresi, Antonino Terranova, Elisa Pipitone, Filippo Alessandro Montalto, Luigi Mirarchi, Simona Amodeo, Valentina Malerba

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingConference contribution

Abstract

A) Valutare le modificazioni ecografiche (US) dei linfonodi (LN) dell’ilo epatico in pazienti con epatopatia cronica (EC) correlata al virus dell’epatite C (HCV) e Sustained Virological Responders (SVR) alla terapia con i Direct-Acting Antivirals (DAAs); B) rilevare i fattori predittivi correlati con la scomparsa di LN. Abbiamo studiato 177 pazienti, trattati con DAAs, arruolati consecutivamente tra il Gennaio 2015 e il Dicembre 2016, con un follow-up dell’SVR di 24 mesi (SVR24) a Dicembre 2018; erano esclusi i pazienti con storia o insorgenza di epatocarcinoma nel follow-up. I LN erano definiti ingranditi (LN+) se il diametro maggiore era >1 cm. Al baseline (BL) registravamo: età, sesso, BMI, markers HBV, HCV e genotipo, uso di alcol; valutavamo al BL, a 12 mesi (SVR12) e a 24 mesi: test di funzione epatica, HCV-RNA, liver stiffness (Fibroscan), diametri US di vena porta e milza. La prevalenza di LN+ al BL era 49.8%, il diametro 2.1±0.6 cm, in LN+ vs LN- le transaminasi erano più elevate (P<0.05). A SVR12 la prevalenza di LN+ era 32.2 %; in LN+ vs LNs (pazienti in cui erano scomparsi) dei parametri studiati solo l’età era maggiore (P<0.05). Il diametro dei LN+ a SVR12 era 1.8±0.4 cm, ridotto rispetto al BL (P<0.05). A SVR24 la prevalenza di LN+ era 29.3 % inferiore vs BL (P<0.001), solo l’età si confermava maggiore vs LNs (P<0.03). Il diametro di LN+ era 1.7±0.5 minore che al BL (P<0.05), sovrapponibile a SVR12 (P=ns). Nelle EC da HCV è frequente il rilievo US di LN all’ilo epatico, considerati indice di grading e staging istologici epatici più severi ed espressione del linfotropismo virale. Alla luce di questi presupposti i LN dovrebbero scomparire dopo l’eradicazione dell’infezione HCV, a questo proposito gli studi dopo terapia con Interferone sono contrastanti. Nel nostro studio LN+ al BL correla con AST e ALT confermando la relazione con l’attività necro-infiammatoria epatica. A SVR24 la prevalenza di LN+ è del 29.4% significativamente ridotta che al BL. IL diametro dei LN+ residui diminuisce a SVR12 per poi stabilizzarsi. La causa della persistenza di LN è controversa, l’assenza di relazione tra LN+ residui ed indici di funzione e fibrosi epatica ci fa ipotizzare che non dipenda più dall’attività della malattia epatica, ma da altre variabili, una potrebbe essere la diversa attività immunologica instauratasi dopo l’eradicazione virale, a conferma di ciò va ricordato che nel 20 % dei soggetti sani è possibile rilevare LN all’ilo epatico (J.Hepatol.2003;39:807), dato questo simile al nostro 29.4 %.
Original languageItalian
Title of host publicationAbstract Book 27° CONGRESSO NAZIONALE SIUMB (SOCIETÀ ITALIANA DI ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA E BIOLOGIA)
Pages60-60
Number of pages1
Publication statusPublished - 2019

Cite this

Giannitrapani, L., Licata, A., Soresi, M., Terranova, A., Pipitone, E., Montalto, F. A., ... Malerba, V. (2019). MODIFICAZIONI ECOGRAFICHE DELLA LINFADENOPATIA DELL’ILO EPATICO DOPO ERADICAZIONE DELL’HCV CON DIRECT-ACTING ANTIVIRALS. In Abstract Book 27° CONGRESSO NAZIONALE SIUMB (SOCIETÀ ITALIANA DI ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA E BIOLOGIA) (pp. 60-60)

MODIFICAZIONI ECOGRAFICHE DELLA LINFADENOPATIA DELL’ILO EPATICO DOPO ERADICAZIONE DELL’HCV CON DIRECT-ACTING ANTIVIRALS. / Giannitrapani, Lydia; Licata, Anna; Soresi, Maurizio; Terranova, Antonino; Pipitone, Elisa; Montalto, Filippo Alessandro; Mirarchi, Luigi; Amodeo, Simona; Malerba, Valentina.

Abstract Book 27° CONGRESSO NAZIONALE SIUMB (SOCIETÀ ITALIANA DI ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA E BIOLOGIA). 2019. p. 60-60.

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingConference contribution

Giannitrapani, L, Licata, A, Soresi, M, Terranova, A, Pipitone, E, Montalto, FA, Mirarchi, L, Amodeo, S & Malerba, V 2019, MODIFICAZIONI ECOGRAFICHE DELLA LINFADENOPATIA DELL’ILO EPATICO DOPO ERADICAZIONE DELL’HCV CON DIRECT-ACTING ANTIVIRALS. in Abstract Book 27° CONGRESSO NAZIONALE SIUMB (SOCIETÀ ITALIANA DI ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA E BIOLOGIA). pp. 60-60.
Giannitrapani L, Licata A, Soresi M, Terranova A, Pipitone E, Montalto FA et al. MODIFICAZIONI ECOGRAFICHE DELLA LINFADENOPATIA DELL’ILO EPATICO DOPO ERADICAZIONE DELL’HCV CON DIRECT-ACTING ANTIVIRALS. In Abstract Book 27° CONGRESSO NAZIONALE SIUMB (SOCIETÀ ITALIANA DI ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA E BIOLOGIA). 2019. p. 60-60
Giannitrapani, Lydia ; Licata, Anna ; Soresi, Maurizio ; Terranova, Antonino ; Pipitone, Elisa ; Montalto, Filippo Alessandro ; Mirarchi, Luigi ; Amodeo, Simona ; Malerba, Valentina. / MODIFICAZIONI ECOGRAFICHE DELLA LINFADENOPATIA DELL’ILO EPATICO DOPO ERADICAZIONE DELL’HCV CON DIRECT-ACTING ANTIVIRALS. Abstract Book 27° CONGRESSO NAZIONALE SIUMB (SOCIETÀ ITALIANA DI ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA E BIOLOGIA). 2019. pp. 60-60
@inproceedings{f5e1227e903244c79abf28efe79d03f1,
title = "MODIFICAZIONI ECOGRAFICHE DELLA LINFADENOPATIA DELL’ILO EPATICO DOPO ERADICAZIONE DELL’HCV CON DIRECT-ACTING ANTIVIRALS",
abstract = "A) Valutare le modificazioni ecografiche (US) dei linfonodi (LN) dell’ilo epatico in pazienti con epatopatia cronica (EC) correlata al virus dell’epatite C (HCV) e Sustained Virological Responders (SVR) alla terapia con i Direct-Acting Antivirals (DAAs); B) rilevare i fattori predittivi correlati con la scomparsa di LN. Abbiamo studiato 177 pazienti, trattati con DAAs, arruolati consecutivamente tra il Gennaio 2015 e il Dicembre 2016, con un follow-up dell’SVR di 24 mesi (SVR24) a Dicembre 2018; erano esclusi i pazienti con storia o insorgenza di epatocarcinoma nel follow-up. I LN erano definiti ingranditi (LN+) se il diametro maggiore era >1 cm. Al baseline (BL) registravamo: et{\`a}, sesso, BMI, markers HBV, HCV e genotipo, uso di alcol; valutavamo al BL, a 12 mesi (SVR12) e a 24 mesi: test di funzione epatica, HCV-RNA, liver stiffness (Fibroscan), diametri US di vena porta e milza. La prevalenza di LN+ al BL era 49.8{\%}, il diametro 2.1±0.6 cm, in LN+ vs LN- le transaminasi erano pi{\`u} elevate (P<0.05). A SVR12 la prevalenza di LN+ era 32.2 {\%}; in LN+ vs LNs (pazienti in cui erano scomparsi) dei parametri studiati solo l’et{\`a} era maggiore (P<0.05). Il diametro dei LN+ a SVR12 era 1.8±0.4 cm, ridotto rispetto al BL (P<0.05). A SVR24 la prevalenza di LN+ era 29.3 {\%} inferiore vs BL (P<0.001), solo l’et{\`a} si confermava maggiore vs LNs (P<0.03). Il diametro di LN+ era 1.7±0.5 minore che al BL (P<0.05), sovrapponibile a SVR12 (P=ns). Nelle EC da HCV {\`e} frequente il rilievo US di LN all’ilo epatico, considerati indice di grading e staging istologici epatici pi{\`u} severi ed espressione del linfotropismo virale. Alla luce di questi presupposti i LN dovrebbero scomparire dopo l’eradicazione dell’infezione HCV, a questo proposito gli studi dopo terapia con Interferone sono contrastanti. Nel nostro studio LN+ al BL correla con AST e ALT confermando la relazione con l’attivit{\`a} necro-infiammatoria epatica. A SVR24 la prevalenza di LN+ {\`e} del 29.4{\%} significativamente ridotta che al BL. IL diametro dei LN+ residui diminuisce a SVR12 per poi stabilizzarsi. La causa della persistenza di LN {\`e} controversa, l’assenza di relazione tra LN+ residui ed indici di funzione e fibrosi epatica ci fa ipotizzare che non dipenda pi{\`u} dall’attivit{\`a} della malattia epatica, ma da altre variabili, una potrebbe essere la diversa attivit{\`a} immunologica instauratasi dopo l’eradicazione virale, a conferma di ci{\`o} va ricordato che nel 20 {\%} dei soggetti sani {\`e} possibile rilevare LN all’ilo epatico (J.Hepatol.2003;39:807), dato questo simile al nostro 29.4 {\%}.",
author = "Lydia Giannitrapani and Anna Licata and Maurizio Soresi and Antonino Terranova and Elisa Pipitone and Montalto, {Filippo Alessandro} and Luigi Mirarchi and Simona Amodeo and Valentina Malerba",
year = "2019",
language = "Italian",
pages = "60--60",
booktitle = "Abstract Book 27° CONGRESSO NAZIONALE SIUMB (SOCIET{\`A} ITALIANA DI ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA E BIOLOGIA)",

}

TY - GEN

T1 - MODIFICAZIONI ECOGRAFICHE DELLA LINFADENOPATIA DELL’ILO EPATICO DOPO ERADICAZIONE DELL’HCV CON DIRECT-ACTING ANTIVIRALS

AU - Giannitrapani, Lydia

AU - Licata, Anna

AU - Soresi, Maurizio

AU - Terranova, Antonino

AU - Pipitone, Elisa

AU - Montalto, Filippo Alessandro

AU - Mirarchi, Luigi

AU - Amodeo, Simona

AU - Malerba, Valentina

PY - 2019

Y1 - 2019

N2 - A) Valutare le modificazioni ecografiche (US) dei linfonodi (LN) dell’ilo epatico in pazienti con epatopatia cronica (EC) correlata al virus dell’epatite C (HCV) e Sustained Virological Responders (SVR) alla terapia con i Direct-Acting Antivirals (DAAs); B) rilevare i fattori predittivi correlati con la scomparsa di LN. Abbiamo studiato 177 pazienti, trattati con DAAs, arruolati consecutivamente tra il Gennaio 2015 e il Dicembre 2016, con un follow-up dell’SVR di 24 mesi (SVR24) a Dicembre 2018; erano esclusi i pazienti con storia o insorgenza di epatocarcinoma nel follow-up. I LN erano definiti ingranditi (LN+) se il diametro maggiore era >1 cm. Al baseline (BL) registravamo: età, sesso, BMI, markers HBV, HCV e genotipo, uso di alcol; valutavamo al BL, a 12 mesi (SVR12) e a 24 mesi: test di funzione epatica, HCV-RNA, liver stiffness (Fibroscan), diametri US di vena porta e milza. La prevalenza di LN+ al BL era 49.8%, il diametro 2.1±0.6 cm, in LN+ vs LN- le transaminasi erano più elevate (P<0.05). A SVR12 la prevalenza di LN+ era 32.2 %; in LN+ vs LNs (pazienti in cui erano scomparsi) dei parametri studiati solo l’età era maggiore (P<0.05). Il diametro dei LN+ a SVR12 era 1.8±0.4 cm, ridotto rispetto al BL (P<0.05). A SVR24 la prevalenza di LN+ era 29.3 % inferiore vs BL (P<0.001), solo l’età si confermava maggiore vs LNs (P<0.03). Il diametro di LN+ era 1.7±0.5 minore che al BL (P<0.05), sovrapponibile a SVR12 (P=ns). Nelle EC da HCV è frequente il rilievo US di LN all’ilo epatico, considerati indice di grading e staging istologici epatici più severi ed espressione del linfotropismo virale. Alla luce di questi presupposti i LN dovrebbero scomparire dopo l’eradicazione dell’infezione HCV, a questo proposito gli studi dopo terapia con Interferone sono contrastanti. Nel nostro studio LN+ al BL correla con AST e ALT confermando la relazione con l’attività necro-infiammatoria epatica. A SVR24 la prevalenza di LN+ è del 29.4% significativamente ridotta che al BL. IL diametro dei LN+ residui diminuisce a SVR12 per poi stabilizzarsi. La causa della persistenza di LN è controversa, l’assenza di relazione tra LN+ residui ed indici di funzione e fibrosi epatica ci fa ipotizzare che non dipenda più dall’attività della malattia epatica, ma da altre variabili, una potrebbe essere la diversa attività immunologica instauratasi dopo l’eradicazione virale, a conferma di ciò va ricordato che nel 20 % dei soggetti sani è possibile rilevare LN all’ilo epatico (J.Hepatol.2003;39:807), dato questo simile al nostro 29.4 %.

AB - A) Valutare le modificazioni ecografiche (US) dei linfonodi (LN) dell’ilo epatico in pazienti con epatopatia cronica (EC) correlata al virus dell’epatite C (HCV) e Sustained Virological Responders (SVR) alla terapia con i Direct-Acting Antivirals (DAAs); B) rilevare i fattori predittivi correlati con la scomparsa di LN. Abbiamo studiato 177 pazienti, trattati con DAAs, arruolati consecutivamente tra il Gennaio 2015 e il Dicembre 2016, con un follow-up dell’SVR di 24 mesi (SVR24) a Dicembre 2018; erano esclusi i pazienti con storia o insorgenza di epatocarcinoma nel follow-up. I LN erano definiti ingranditi (LN+) se il diametro maggiore era >1 cm. Al baseline (BL) registravamo: età, sesso, BMI, markers HBV, HCV e genotipo, uso di alcol; valutavamo al BL, a 12 mesi (SVR12) e a 24 mesi: test di funzione epatica, HCV-RNA, liver stiffness (Fibroscan), diametri US di vena porta e milza. La prevalenza di LN+ al BL era 49.8%, il diametro 2.1±0.6 cm, in LN+ vs LN- le transaminasi erano più elevate (P<0.05). A SVR12 la prevalenza di LN+ era 32.2 %; in LN+ vs LNs (pazienti in cui erano scomparsi) dei parametri studiati solo l’età era maggiore (P<0.05). Il diametro dei LN+ a SVR12 era 1.8±0.4 cm, ridotto rispetto al BL (P<0.05). A SVR24 la prevalenza di LN+ era 29.3 % inferiore vs BL (P<0.001), solo l’età si confermava maggiore vs LNs (P<0.03). Il diametro di LN+ era 1.7±0.5 minore che al BL (P<0.05), sovrapponibile a SVR12 (P=ns). Nelle EC da HCV è frequente il rilievo US di LN all’ilo epatico, considerati indice di grading e staging istologici epatici più severi ed espressione del linfotropismo virale. Alla luce di questi presupposti i LN dovrebbero scomparire dopo l’eradicazione dell’infezione HCV, a questo proposito gli studi dopo terapia con Interferone sono contrastanti. Nel nostro studio LN+ al BL correla con AST e ALT confermando la relazione con l’attività necro-infiammatoria epatica. A SVR24 la prevalenza di LN+ è del 29.4% significativamente ridotta che al BL. IL diametro dei LN+ residui diminuisce a SVR12 per poi stabilizzarsi. La causa della persistenza di LN è controversa, l’assenza di relazione tra LN+ residui ed indici di funzione e fibrosi epatica ci fa ipotizzare che non dipenda più dall’attività della malattia epatica, ma da altre variabili, una potrebbe essere la diversa attività immunologica instauratasi dopo l’eradicazione virale, a conferma di ciò va ricordato che nel 20 % dei soggetti sani è possibile rilevare LN all’ilo epatico (J.Hepatol.2003;39:807), dato questo simile al nostro 29.4 %.

UR - http://hdl.handle.net/10447/384854

M3 - Conference contribution

SP - 60

EP - 60

BT - Abstract Book 27° CONGRESSO NAZIONALE SIUMB (SOCIETÀ ITALIANA DI ULTRASONOLOGIA IN MEDICINA E BIOLOGIA)

ER -