Mito e storia nelle isole Eolie

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingChapter

Abstract

Si mettono a confronto le tradizioni rispettivamente di Antioco di Siracusa e di Diodoro Siculo sulla fondazione di Lipari ad opera dei Rodio Cnidi giunti in Sicilia all'epoca di Pentatlo. Si tratta di due filoni di tradizioni differenti, che tendono a mostrare un profilo differente dell'identità degli abitanti dell'arcipelago eoliano e dei loro rapporti nei confronti delle precedenti popolazioni. Il mito sulla più antica occupazione delle isole da parte degli Ausoni e sulla funzione regale svolta da Eolo e dai suoi figli è di antica matrice ionico-calcidese, e mira a sottolineare la continuità della "civilizzatrice" presenza greca in queste isole e nelle zone della Sicilia che furono governate dagli Eolidi. Antioco, di contro, tendeva a respingere la visione "continuistica", per far risaltare invece maggiormente il ruolo dei coloni dorici giunti agli inzi del VI sec. a.C.
Original languageItalian
Title of host publicationHesperìa, 7: studi sulla grecità di Occidente
Pages37-56
Number of pages20
Publication statusPublished - 1996

Cite this