Le mucche non sorridono

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingChapter

Abstract

Cani e gatti (per lo più cuccioli), ma anche elefanti, giraffe, orsi, e naturalmente leoni nell’atto di azzannare gazzelle, aquile con gli artigli protesi, gigantesche balene che danzano nel blu. Il vasto mondo degli animali esiste per la maggior parte di noi sotto forma di fotografia. Alcune di queste immagini, quelle prodotte dai professionisti, spesso sono spettacolari, piene di colori, dettagliate all’inverosimile, e si propongono come una finestra aperta su mondi che difficilmente riusciremo a vedere. In breve la proverbiale massa eteroclita di oggetti e problemi di saussuriana memoria è servita, e al semiologo non resta che trovare un modo per districarsi al suo interno, per capire non cosa significhi ciascuno scatto – il senso è sempre già lì, a imporsi come un’evidenza – ma come lo faccia. In che modo cioè la fotografia in quanto specifico linguaggio entri in relazione non con singoli animali più o meno feroci, esotici, comuni, domestici ecc., ma con l’animalità, che della fotografia è al contempo il presupposto e il prodotto.
Original languageItalian
Title of host publicationLa sfera umanimale
Pages155-175
Number of pages21
Publication statusPublished - 2019

Publication series

NameBIBLIOTECA / SEMIOTICA

Cite this

Mangano, D. (2019). Le mucche non sorridono. In La sfera umanimale (pp. 155-175). (BIBLIOTECA / SEMIOTICA).

Le mucche non sorridono. / Mangano, Dario.

La sfera umanimale. 2019. p. 155-175 (BIBLIOTECA / SEMIOTICA).

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingChapter

Mangano, D 2019, Le mucche non sorridono. in La sfera umanimale. BIBLIOTECA / SEMIOTICA, pp. 155-175.
Mangano D. Le mucche non sorridono. In La sfera umanimale. 2019. p. 155-175. (BIBLIOTECA / SEMIOTICA).
Mangano, Dario. / Le mucche non sorridono. La sfera umanimale. 2019. pp. 155-175 (BIBLIOTECA / SEMIOTICA).
@inbook{03055930e7cc4f87af5b2f41e1324bfe,
title = "Le mucche non sorridono",
abstract = "Cani e gatti (per lo pi{\`u} cuccioli), ma anche elefanti, giraffe, orsi, e naturalmente leoni nell’atto di azzannare gazzelle, aquile con gli artigli protesi, gigantesche balene che danzano nel blu. Il vasto mondo degli animali esiste per la maggior parte di noi sotto forma di fotografia. Alcune di queste immagini, quelle prodotte dai professionisti, spesso sono spettacolari, piene di colori, dettagliate all’inverosimile, e si propongono come una finestra aperta su mondi che difficilmente riusciremo a vedere. In breve la proverbiale massa eteroclita di oggetti e problemi di saussuriana memoria {\`e} servita, e al semiologo non resta che trovare un modo per districarsi al suo interno, per capire non cosa significhi ciascuno scatto – il senso {\`e} sempre gi{\`a} l{\`i}, a imporsi come un’evidenza – ma come lo faccia. In che modo cio{\`e} la fotografia in quanto specifico linguaggio entri in relazione non con singoli animali pi{\`u} o meno feroci, esotici, comuni, domestici ecc., ma con l’animalit{\`a}, che della fotografia {\`e} al contempo il presupposto e il prodotto.",
author = "Dario Mangano",
year = "2019",
language = "Italian",
isbn = "9788855190770",
series = "BIBLIOTECA / SEMIOTICA",
pages = "155--175",
booktitle = "La sfera umanimale",

}

TY - CHAP

T1 - Le mucche non sorridono

AU - Mangano, Dario

PY - 2019

Y1 - 2019

N2 - Cani e gatti (per lo più cuccioli), ma anche elefanti, giraffe, orsi, e naturalmente leoni nell’atto di azzannare gazzelle, aquile con gli artigli protesi, gigantesche balene che danzano nel blu. Il vasto mondo degli animali esiste per la maggior parte di noi sotto forma di fotografia. Alcune di queste immagini, quelle prodotte dai professionisti, spesso sono spettacolari, piene di colori, dettagliate all’inverosimile, e si propongono come una finestra aperta su mondi che difficilmente riusciremo a vedere. In breve la proverbiale massa eteroclita di oggetti e problemi di saussuriana memoria è servita, e al semiologo non resta che trovare un modo per districarsi al suo interno, per capire non cosa significhi ciascuno scatto – il senso è sempre già lì, a imporsi come un’evidenza – ma come lo faccia. In che modo cioè la fotografia in quanto specifico linguaggio entri in relazione non con singoli animali più o meno feroci, esotici, comuni, domestici ecc., ma con l’animalità, che della fotografia è al contempo il presupposto e il prodotto.

AB - Cani e gatti (per lo più cuccioli), ma anche elefanti, giraffe, orsi, e naturalmente leoni nell’atto di azzannare gazzelle, aquile con gli artigli protesi, gigantesche balene che danzano nel blu. Il vasto mondo degli animali esiste per la maggior parte di noi sotto forma di fotografia. Alcune di queste immagini, quelle prodotte dai professionisti, spesso sono spettacolari, piene di colori, dettagliate all’inverosimile, e si propongono come una finestra aperta su mondi che difficilmente riusciremo a vedere. In breve la proverbiale massa eteroclita di oggetti e problemi di saussuriana memoria è servita, e al semiologo non resta che trovare un modo per districarsi al suo interno, per capire non cosa significhi ciascuno scatto – il senso è sempre già lì, a imporsi come un’evidenza – ma come lo faccia. In che modo cioè la fotografia in quanto specifico linguaggio entri in relazione non con singoli animali più o meno feroci, esotici, comuni, domestici ecc., ma con l’animalità, che della fotografia è al contempo il presupposto e il prodotto.

UR - http://hdl.handle.net/10447/368689

M3 - Chapter

SN - 9788855190770

T3 - BIBLIOTECA / SEMIOTICA

SP - 155

EP - 175

BT - La sfera umanimale

ER -