L'allestimento museale di Carlo Scarpa

Research output: Contribution to conferencePaper

Abstract

Palazzo Abatellis e Carlo Scarpa costituiscono, oggi, un binomio davvero inscindibile; un binomio che spesso si affianca o addirittura si sostituisce a quello Carnalivari-Abatellis. In effetti, l’intervento di Carlo Scarpa ha costituito una sorta di palingenesi per l’edificio. Un edificio, come è noto, ferito gravemente dalla furia distruttrice della seconda guerra mondiale e che, grazie al suggello progettuale di Scarpa, è nato, ormai cinquant’anni or sono, a nuova vita, dopo quella conferita alla fine del Quattrocento dal suo primi- genio artefice: Matteo Carnilivari. La complessa vicenda edilizia del palazzo, sin dalla sua fondazione, appare tuttavia meno travagliata rispetto a quella di tante altre auliche e avite di- more della città. Il precoce passaggio, per volontà testamentaria dello stesso fondatore, al monastero della Pietà, in certo qual modo, aveva impedito pesanti manomissioni o adeguamenti stilistici. La narrazione museale di Palazzo Abatellis, infatti, è fatta sostanzialmente di lunghe pause e di soluzioni di continuità, ma anche di una complessiva rarefazione. Rarefazione dello spazio architettonico, rarefazione delle opere esposte, accurata- mente selezionate e ridotte ad un numero essenziale ma estremamente significativo. Per seguire il percorso costruito da Scarpa per Palazzo Abatellis utilizzeremo, innanzitutto, le piante da lui stesso disegnate e pubblicate nel 1955. Documento eccezionale, dove l’autore, come sua abitudine, annota le usuali chiose che servono a fissare le intenzioni progettuali.
Original languageItalian
Publication statusPublished - 2004

Cite this

L'allestimento museale di Carlo Scarpa. / Di Benedetto, Giuseppe.

2004.

Research output: Contribution to conferencePaper

@conference{c4561ae6bfac4ae790e6af12e29f825c,
title = "L'allestimento museale di Carlo Scarpa",
abstract = "Palazzo Abatellis e Carlo Scarpa costituiscono, oggi, un binomio davvero inscindibile; un binomio che spesso si affianca o addirittura si sostituisce a quello Carnalivari-Abatellis. In effetti, l’intervento di Carlo Scarpa ha costituito una sorta di palingenesi per l’edificio. Un edificio, come è noto, ferito gravemente dalla furia distruttrice della seconda guerra mondiale e che, grazie al suggello progettuale di Scarpa, è nato, ormai cinquant’anni or sono, a nuova vita, dopo quella conferita alla fine del Quattrocento dal suo primi- genio artefice: Matteo Carnilivari. La complessa vicenda edilizia del palazzo, sin dalla sua fondazione, appare tuttavia meno travagliata rispetto a quella di tante altre auliche e avite di- more della città. Il precoce passaggio, per volontà testamentaria dello stesso fondatore, al monastero della Pietà, in certo qual modo, aveva impedito pesanti manomissioni o adeguamenti stilistici. La narrazione museale di Palazzo Abatellis, infatti, è fatta sostanzialmente di lunghe pause e di soluzioni di continuità, ma anche di una complessiva rarefazione. Rarefazione dello spazio architettonico, rarefazione delle opere esposte, accurata- mente selezionate e ridotte ad un numero essenziale ma estremamente significativo. Per seguire il percorso costruito da Scarpa per Palazzo Abatellis utilizzeremo, innanzitutto, le piante da lui stesso disegnate e pubblicate nel 1955. Documento eccezionale, dove l’autore, come sua abitudine, annota le usuali chiose che servono a fissare le intenzioni progettuali.",
keywords = "Palazzo Abatellis, Galleria Regionale di Sicilia, Matteo Carnalivari, Carlo Scarpa, muse, allestimento",
author = "{Di Benedetto}, Giuseppe",
year = "2004",
language = "Italian",

}

TY - CONF

T1 - L'allestimento museale di Carlo Scarpa

AU - Di Benedetto, Giuseppe

PY - 2004

Y1 - 2004

N2 - Palazzo Abatellis e Carlo Scarpa costituiscono, oggi, un binomio davvero inscindibile; un binomio che spesso si affianca o addirittura si sostituisce a quello Carnalivari-Abatellis. In effetti, l’intervento di Carlo Scarpa ha costituito una sorta di palingenesi per l’edificio. Un edificio, come è noto, ferito gravemente dalla furia distruttrice della seconda guerra mondiale e che, grazie al suggello progettuale di Scarpa, è nato, ormai cinquant’anni or sono, a nuova vita, dopo quella conferita alla fine del Quattrocento dal suo primi- genio artefice: Matteo Carnilivari. La complessa vicenda edilizia del palazzo, sin dalla sua fondazione, appare tuttavia meno travagliata rispetto a quella di tante altre auliche e avite di- more della città. Il precoce passaggio, per volontà testamentaria dello stesso fondatore, al monastero della Pietà, in certo qual modo, aveva impedito pesanti manomissioni o adeguamenti stilistici. La narrazione museale di Palazzo Abatellis, infatti, è fatta sostanzialmente di lunghe pause e di soluzioni di continuità, ma anche di una complessiva rarefazione. Rarefazione dello spazio architettonico, rarefazione delle opere esposte, accurata- mente selezionate e ridotte ad un numero essenziale ma estremamente significativo. Per seguire il percorso costruito da Scarpa per Palazzo Abatellis utilizzeremo, innanzitutto, le piante da lui stesso disegnate e pubblicate nel 1955. Documento eccezionale, dove l’autore, come sua abitudine, annota le usuali chiose che servono a fissare le intenzioni progettuali.

AB - Palazzo Abatellis e Carlo Scarpa costituiscono, oggi, un binomio davvero inscindibile; un binomio che spesso si affianca o addirittura si sostituisce a quello Carnalivari-Abatellis. In effetti, l’intervento di Carlo Scarpa ha costituito una sorta di palingenesi per l’edificio. Un edificio, come è noto, ferito gravemente dalla furia distruttrice della seconda guerra mondiale e che, grazie al suggello progettuale di Scarpa, è nato, ormai cinquant’anni or sono, a nuova vita, dopo quella conferita alla fine del Quattrocento dal suo primi- genio artefice: Matteo Carnilivari. La complessa vicenda edilizia del palazzo, sin dalla sua fondazione, appare tuttavia meno travagliata rispetto a quella di tante altre auliche e avite di- more della città. Il precoce passaggio, per volontà testamentaria dello stesso fondatore, al monastero della Pietà, in certo qual modo, aveva impedito pesanti manomissioni o adeguamenti stilistici. La narrazione museale di Palazzo Abatellis, infatti, è fatta sostanzialmente di lunghe pause e di soluzioni di continuità, ma anche di una complessiva rarefazione. Rarefazione dello spazio architettonico, rarefazione delle opere esposte, accurata- mente selezionate e ridotte ad un numero essenziale ma estremamente significativo. Per seguire il percorso costruito da Scarpa per Palazzo Abatellis utilizzeremo, innanzitutto, le piante da lui stesso disegnate e pubblicate nel 1955. Documento eccezionale, dove l’autore, come sua abitudine, annota le usuali chiose che servono a fissare le intenzioni progettuali.

KW - Palazzo Abatellis, Galleria Regionale di Sicilia, Matteo Carnalivari, Carlo Scarpa, muse, allestimento

UR - http://hdl.handle.net/10447/10243

M3 - Paper

ER -