“La trattativa che non c’è”. La corte di appello di Palermo conferma l’assoluzione per l’ex ministro Mannino

Research output: Contribution to journalArticlepeer-review

Abstract

Il noto processo, denominato Trattativa Stato-Mafia, si è posto all’attenzione dei giuristi e degli storici per la peculiare configurazione delle condotte criminose in contestazione involgendo, oltre che il ritenuto carattere illecito della “Trattativa” e l’individuazione degli elementi costitutivi del reato, lo stesso orizzonte cronologico degli eventi e la loro ricostruzione. L’esistenza di patti compromissori tra “Cosa nostra” e lo Stato italiano aventi come protagonisti i vertici delle istituzioni, basati su di una reciprocità di scambi tali da condizionare negativamente il sistema democratico, si è rivelato tema di accertamento sfuggente e incerto. Il contributo mette in evidenza le fragilità dell'imputazione e dell’apparato probatorio volto a dimostrarla, la possibilità di contrasti fra i differenti giudicati e alimentano il rischio di duplicazioni degli accertamenti a carico del medesimo autore per gli stessi fatti in violazione del ne bis in idem.
Original languageItalian
Pages (from-to)5-15
Number of pages11
JournalSISTEMA PENALE
Volume2
Publication statusPublished - 2020

Cite this