La nuova Aula della Camera dei Deputati. L'emiciclo dell'Assemblea

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingChapter

Abstract

Per l’ottimale funzionalità dell’Aula, Basile si era affidato agli studi fatti in occasione del progetto per il II Concorso del Palazzodel Parlamento, scongiurando gli ibridismi (ingiustamente esaltati da critiche decontestualizzate) dell’Aula Comotto; dalla tipologia delle aule progettate per il secondo Palazzo del Parlamento riprende la configurazione planimetrica «semicircolare, con un prolungamentoa forma di rettangolo» come la più adatta acusticamente e rispondente a «quella bellezza che procede dal costante e armonico andamento di tutte le linee concentriche dal centro alla periferia, dal basso fino in alto, senza rotture o spezzature o infelici ripieghi di sorta» . L’adozione di un velario piano con travatura a raggiera per la copertura dell’aula, derivato accentuando le soluzioni (ancora compromissorie) per le aule emicicliche dello stesso progetto, si dimostra in linea con la sua tendenza, innegabilmente di profilo matematico, ad assegnare alla travatura o al disegno delle membrature dei soffitti (anche in stucco) il compito di elementi rivelatori delle geometrie compositive degli ambienti di appartenenza,.
Original languageItalian
Title of host publicationL'Aula della Camera dei Deputati nel centesimo anniversario, 1918-2018
Pages73-81
Number of pages9
Publication statusPublished - 2018

Cite this

Sessa, E. (2018). La nuova Aula della Camera dei Deputati. L'emiciclo dell'Assemblea. In L'Aula della Camera dei Deputati nel centesimo anniversario, 1918-2018 (pp. 73-81)