La cosiddetta ‘Villa a mare’ di Sabratha e le ville suburbane dell’emporio tripolitano

Research output: Contribution to journalArticle

Abstract

Tra il 1964 e il 1965 il Department of Antiquities of Sabratha riporta in luce i resti di un grande edificio ad Ovest di villa Paternò, nei pressi di Marsa Sabratha, un monumento caratterizzato da un grande peristilio e con pavimenti in mosaico, che venne interpretato come una villa romana. L’articolo presenta il rilievo inedito di questo monumento e ne dà una nuova lettura, sulla base dell’analisi dei resti e di considerazioni di carattere urbanistico. Vengono portate a confronto le altre due ‘ville’ note a Sabratha: la villa marittima ad Est dell’abitato, indagata nel 1948 dalla Scuola Britannica e la ‘villa nei pressidell’Istituto Tecnico’ (con foto inedite dei mosaici) scavata nel 1965-1966 dal Department of Antiquities.
Original languageItalian
Pages (from-to)387-399
Number of pages13
JournalSICILIA ANTIQVA
VolumeXV - 2018
Publication statusPublished - 2018

Cite this