La Chiesa di Sicilia sotto patronato regio nel XVII secolo

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingChapter

Abstract

[automatically translated] Royal patronage of the Sicilian church, granted definitively by the pope in 1621, it allowed the court of Madrid to manage with much freedom presentations of bishops and abbots of the island. Relatives of the king, officials and servants of the monarchy, the cardinals of the Roman Curia, were often preferred to Sicilian candidates, with frequent violations of the so-called privilege of the alternative (alternating between foreign and Sicilian in the collation of ecclesiastical benefits). The subject matter, in the 30s of '600, also moved within the Council of Italy, animating an interesting debate and contrasting positions of the Sicilian and Neapolitan regents to those of the Spanish rulers, without reaching any concrete solution that would put a limit to the abuse of Madrid.
Original languageItalian
Title of host publicationLa Sicilia del ’600. Nuove linee di ricerca
Pages56-114
Number of pages59
Publication statusPublished - 2012

Publication series

NameStudi e ricerche – Mediterranea. Ricerche storiche

Cite this

D'Avenia, F. (2012). La Chiesa di Sicilia sotto patronato regio nel XVII secolo. In La Sicilia del ’600. Nuove linee di ricerca (pp. 56-114). (Studi e ricerche – Mediterranea. Ricerche storiche).

La Chiesa di Sicilia sotto patronato regio nel XVII secolo. / D'Avenia, Fabrizio.

La Sicilia del ’600. Nuove linee di ricerca. 2012. p. 56-114 (Studi e ricerche – Mediterranea. Ricerche storiche).

Research output: Chapter in Book/Report/Conference proceedingChapter

D'Avenia, F 2012, La Chiesa di Sicilia sotto patronato regio nel XVII secolo. in La Sicilia del ’600. Nuove linee di ricerca. Studi e ricerche – Mediterranea. Ricerche storiche, pp. 56-114.
D'Avenia F. La Chiesa di Sicilia sotto patronato regio nel XVII secolo. In La Sicilia del ’600. Nuove linee di ricerca. 2012. p. 56-114. (Studi e ricerche – Mediterranea. Ricerche storiche).
D'Avenia, Fabrizio. / La Chiesa di Sicilia sotto patronato regio nel XVII secolo. La Sicilia del ’600. Nuove linee di ricerca. 2012. pp. 56-114 (Studi e ricerche – Mediterranea. Ricerche storiche).
@inbook{783616bb59564ee5b37101300a141fb1,
title = "La Chiesa di Sicilia sotto patronato regio nel XVII secolo",
abstract = "Il regio patronato sulla chiesa siciliana, concesso in via definitiva dal papa nel 1621, consentiva infatti alla corte di Madrid di gestire con molta libert{\`a} le presentazioni dei vescovi e degli abati dell’isola. Parenti del re, funzionari e servitori della Monarchia, cardinali della curia romana, erano spesso preferiti ai candidati siciliani, con frequenti violazioni del privilegio cosiddetto dell’alternativa (alternanza tra stranieri e siciliani nella collazione dei benefici ecclesiastici). Le controversie in materia, negli anni ’30 del ’600, si spostarono anche all’interno del Consiglio d’Italia, animando un interessante dibattito e contrapponendo le posizioni dei reggenti siciliani e napoletani a quelle dei reggenti spagnoli, senza tuttavia raggiungere alcuna soluzione concreta che ponesse un limite agli abusi di Madrid.",
author = "Fabrizio D'Avenia",
year = "2012",
language = "Italian",
isbn = "978-88-96661-18-5",
series = "Studi e ricerche – Mediterranea. Ricerche storiche",
pages = "56--114",
booktitle = "La Sicilia del ’600. Nuove linee di ricerca",

}

TY - CHAP

T1 - La Chiesa di Sicilia sotto patronato regio nel XVII secolo

AU - D'Avenia, Fabrizio

PY - 2012

Y1 - 2012

N2 - Il regio patronato sulla chiesa siciliana, concesso in via definitiva dal papa nel 1621, consentiva infatti alla corte di Madrid di gestire con molta libertà le presentazioni dei vescovi e degli abati dell’isola. Parenti del re, funzionari e servitori della Monarchia, cardinali della curia romana, erano spesso preferiti ai candidati siciliani, con frequenti violazioni del privilegio cosiddetto dell’alternativa (alternanza tra stranieri e siciliani nella collazione dei benefici ecclesiastici). Le controversie in materia, negli anni ’30 del ’600, si spostarono anche all’interno del Consiglio d’Italia, animando un interessante dibattito e contrapponendo le posizioni dei reggenti siciliani e napoletani a quelle dei reggenti spagnoli, senza tuttavia raggiungere alcuna soluzione concreta che ponesse un limite agli abusi di Madrid.

AB - Il regio patronato sulla chiesa siciliana, concesso in via definitiva dal papa nel 1621, consentiva infatti alla corte di Madrid di gestire con molta libertà le presentazioni dei vescovi e degli abati dell’isola. Parenti del re, funzionari e servitori della Monarchia, cardinali della curia romana, erano spesso preferiti ai candidati siciliani, con frequenti violazioni del privilegio cosiddetto dell’alternativa (alternanza tra stranieri e siciliani nella collazione dei benefici ecclesiastici). Le controversie in materia, negli anni ’30 del ’600, si spostarono anche all’interno del Consiglio d’Italia, animando un interessante dibattito e contrapponendo le posizioni dei reggenti siciliani e napoletani a quelle dei reggenti spagnoli, senza tuttavia raggiungere alcuna soluzione concreta che ponesse un limite agli abusi di Madrid.

UR - http://hdl.handle.net/10447/72606

UR - http://www.mediterranearicerchestoriche.it

M3 - Chapter

SN - 978-88-96661-18-5

T3 - Studi e ricerche – Mediterranea. Ricerche storiche

SP - 56

EP - 114

BT - La Sicilia del ’600. Nuove linee di ricerca

ER -